Dal 27 al 29 marzo a Lucca le Mura saranno in fiore

Quest’anno l’ottava edizione di VerdeMura, la Mostra Mercato del Giardinaggio, dei prodotti tipici e del vivere all’aria aperta si terrà lungo le mura urbane dalla Piattaforma San Frediano al Baluardo San Martino  da venerdì 27 marzo 2015 alle ore 12 a domenica 29 marzo alle ore 19.00.
In omaggio al tema dell’Expo 2015, la manifestazione dedica la sua ottava edizione alle piante protagoniste nella nostra alimentazione.
L’onore della ribalta spetterà innanzi tutto al fagiolo, pianta umile eppure determinante nell’alimentazione umana da millenni nel Centro America e dagli
ultimi cinque secoli in Europa, dove è stata introdotta da Cristoforo Colombo. Il ruolo di “carne dei poveri” e di straordinaria fonte energetica è ben noto. Meno lo è l’aspetto della biodiversità del fagiolo. Fa assumere a questo legume forme e colori i più diversi e bizzarri e ne rende mutevoli il portamento, i tempi di maturazione e le qualità organolettiche. VerdeMura andrà a indagare soprattutto questi lati meno considerati perché i visitatori possano cogliere nei fatti il significato di biodiversità all’interno di un solo genere vegetale. Sarà infatti allestita una collezione di semi con centinaia di campioni provenienti dalle nazioni centro americane e soprattutto dalle regioni italiane, che annoverano circa 100 varietà tradizionali riconosciute.
lucca
Una mostra di macrofotografie del fotografo naturalista Daniele Cavadini indagherà sull’aspetto che fa di ogni fagiolo un unicum di creatività. I giardinieri e orticoltori lucchesi che vogliono ricredersi sulla distanza tra istituzioni e vita reale attendono una conversazione a più voci in cui il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini, scenderà dallo scranno di primo cittadino per indossare i panni di ortolano di lungo corso che rivendica per sé, con competenza e un pizzico di autoironia, la qualifica di esperto di fagioli.
VerdeMura sarà anche teatro per tutti i fiori primaverili e per le bulbose stagionali, sancirà il debutto di una collezione di oltre 100 zucche che i visitatori potranno acquistare in piantine pronte per la messa a dimora, regalerà spazio alle erbe spontanee, comprese quelle degli ambienti umidi di un espositore specializzato e quelle, presentate da un’associazione locale, che trovano impiego nella cucina tipica toscana e presenterà un libro che celebra piante commestibili inusuali e esotiche, ma coltivabili anche nei nostri climi.
Sarà disponibile un servizio gratuito di noleggio carriole e, nei pressi di Porta Santa Maria, un’area di deposito-consegna piante a cui si può accedere con l’automobile.

Related Images