Dove dormire e mangiare in Valle d’Itria e Alto Salento

Valle d’Itria ed Alto Salento sono, negli ultimi anni, tra le zone più visitate ed apprezzate della Puglia, soprattutto da parte dei turisti stranieri.

IMG_4085

Tre le ragioni che rendono queste località il traino dell’economia turistica pugliese, oltre alla bellezza dei paesaggi ed alle lodevoli strategie di valorizzazione e promozione territoriale, attuate dalle istituzioni locali, c’è sicuramente la genuinità della tavola e un grande senso dell’ospitalità.

IMG_4363

In questo post vi suggerisco alcune tra le strutture migliori in cui soggiornare o assaggiare i prodotti tipici dell’enogastronomia pugliese.

Dove dormire (e non solo):

Agriturismo Masseria Aprile. Immersa nel verde ai piedi di Locorotondo, questa masseria del 1700 tra le più importanti della zona è di proprietà della famiglia Aprile da generazioni e gestita dalla Signora Anna Maria. Il posto ideale per chi cerca una vacanza rilassante pur restando a pochi minuti di distanza da uno dei maggiori centri della Valle d’Itria.

IMG_3892

Masseria Calongo. Una struttura del 1600 a pochi km da Cisternino, uno dei borghi più belli d’Italia, il cui motto è: “sentirsi a casa”. In effetti nel piccolo, quanto curatissimo ed intimo, ristornate di cui dispone, la sensazione è proprio quella di trovarsi a casa. Attenzione, però, il ristorante è riservato esclusivamente agli ospiti, perciò vi consiglio di passare qui la notte per provare le deliziose prelibatezze che propone e i prodotti dell’azienda agricola.

IMG_3972

Agriturismo Masseria Madonna dell’Arco. Nel territorio di Martina Franca, è anche punto vendita di carne e latticini di produzione propria e ristorante di tipico di alto livello. Se non avete mai visto come si producono i latticini, qui potrete assistere alla loro lavorazione, all’interno dei caseificio.

IMG_4065

Masseria Asciano. Nella campagna di Ostuni, immerso in un uliveto secolare, al suo interno racchiude un frantoio oleario che è possibile visitare durante il periodo di attività.  Questo agriturismo, a conduzione familiare, è chiuso come albergo nei periodi di raccolta delle olive, ma potete sempre prenotare un tavolo nell’elegante ristorante.

IMG_4354

Sotto Le Cummerse, è l’albergo diffuso, che prende il nome dal caratteristico tetto piramidale delle case e si trova nel centro storico di Locorotondo. Perfetto per chi non ama i soliti hotel e vuole immergersi nell’atmosfera del luogo.

Dove mangiare (e non solo): 

La Locanda di Zia Rosa, a Cisternino, è uno dei ristoranti tipici migliori della zona, qui è possibile assaggiare specialità come favetta e cicorie, orecchiette e carne alla brace.

I Pàstini è una azienda vinicola biologica nella campagna di Locorotondo, in cui è possibile degustare i vini di produzione e ovviamente anche acquistarli al dettaglio.

IMG_4132

Caffè Centrale a Ceglie Messapica è il bar storico in cui potete assaggiare  il biscotto di Ceglie, un a specialità a base di pasta di mandola.

Ptrebbero interessarvi anche:

Visitare la Valle d’Itria, perla della Puglia

Visitare Ostuni, la città bianca

Ceglie Messapica, a scuola di cucina con Antonella Ricci

 

 

Testo e foto di Tania de Cesare

 

 

Related Images