GoCambio: il portale per pagare i propri viaggi… parlando!

Viaggiare low-cost non è mai stato così facile: tra Couchsurfing, scambi di case, letti economici in dormitori di ostelli, crediti di notti su Nightswapping o affitti a prezzi bassi su Airbnb, oggi si viaggia all’insegna della condivisione, dello scambio e della fiducia!

E se vi venisse proposto di soggiornare gratuitamente in una casa nel centro di Dublino, o a due passi da Piccadilly Circus, o ancora lungo gli splendidi canali di Amsterdam, in cambio di due ore di conversazione in italiano?

E se poteste ospitare un madrelingua inglese, americano, britannico, australiano… e questo vi offrisse due ore di conversazione di inglese al giorno in cambio della vostra ospitalità?

gocambio cover

In poche parole: “Io ti ospito e tu ricambi insegnandomi la tua lingua”. Un vero do ut des, che s’inserisce perfettamente nel panorama della sharing economy, dove la fiducia nel prossimo è ricambiata da uno scambio culturale dal valore inestimabile!

L’idea è venuta al team di GoCambio, la novità della sharing economy che combina l’universo dei viaggi con quello dell’apprendimento delle lingue straniere. Dai loro uffici Irlandesi della pittoresca Youghal, nella Cork County, GoCambio è un vero mix multiculturale: giovani menti irlandesi, italiane, francesi, spagnole, portoghesi e britanniche hanno messo insieme le loro idee per proporre un modo di viaggiare innovativo, sicuro, economico e creativo!

Iscrivendosi al sito, completamente gratuito, si può decidere di essere HostCambio (persona ospitante), GuestCambio (ospite/viaggiatore) o entrambi. Nelle proprie informazioni personali si possono aggiungere le competenze che si ha voglia di condividere: dalla propria lingua, alla cucina tipica del proprio paese, ai passi di salsa e quanto altro! Appena trovano un profilo interessante o un possibile Guest in un paese che hanno voglia di visitare, gli utenti GoCambio possono inviare una Cambio Request per essere ospitati o per ospitare e in poco tempo, lo scambio è organizzato: il Guest è pronto a mettersi in viaggio e l’Host è pronto a migliorare la sua lingua straniera.

gocambio

Potrete chiedervi fino a che punto sia sicuro viaggiare in questo modo, e fino a che punto si possa dare fiducia al prossimo senza davvero conoscerlo. GoCambio, come tutte le piattaforme di sharing economy, si basa su valori di fiducia e condivisione e sì, conoscere “sconosciuti” può presentare una percentuale di pericolo, ma finora la fiducia data alla sharing economy è stata ricambiata con esperienze autentiche e nuove amicizie perché, come spiega il team GoCambio, “non si parla di sconosciuti, ma di amici che non abbiamo ancora incontrato”.

Tra l’altro, in cima alle priorità di GoCambio c’è la sicurezza dei suoi utenti i quali, prima di iscriversi passano attraverso un sistema di verifica e prima di finalizzare lo scambio, magari una chiacchierata via Skype!

Come già accennato, l’iscrizione al sito è gratuita, il completo utilizzo del sito è gratuito! Alcuni si domandano su cosa GoCambio guadagni soldi attualmente (domanda lecita!), e GoCambio risponde citando Ian O’Sullivan, uno dei fondatori, con alle spalle diversi anni di esperienza nel settore dell’insegnamento dell’inglese in Asia ed Europa per il quale “la purezza e la genuinità della sharing economy, il beneficio della condivisione e la voglia di conoscere e di viaggiare rendono il mondo un po’ più piccolo, più amichevole e più accogliente”.

Iscrivetevi subito a GoCambio ed entrate a far parte della community di Cambioers! Un concetto geniale per gli appassionati di viaggi e di culture diverse!

Related Images