Per le strade del centro di Atene – Parte 1

Share it now!

Cari amici di Trippando, dopo avervi portati in giro per zone magari frequentate dal turismo mordi e fuggi qui ad Atene (qui e qui), questa volta ci dedicheremo al centro della città vero e proprio. Non potevamo certamente mancare nella nostra breve trattazione zone come Plaka o Monastiraki che, oltre ad essere molto conosciute in quanto ai piedi dell’Acropoli, meritano veramente di essere perlustrate più a fondo di quanto non lo consenta una semplice passeggiata tra le loro stradine.

Come al solito nei nostri suggerimenti cercheremo di evitare i posti troppo inflazionati o quelli, seppur comodissimi da raggiungere, dove la qualità del cibo non é propriamente esaltante. Abbiamo comunque voluto, per completezza, inserire alcuni locali molto celebri ma davvero irrinunciabili soprattutto per la qualità della cucina o per la posizione strategica.

Plaka

La Plaka è uno dei quartieri più antici e più caratteristici di Atene. Situata a ridosso dell’Acropoli, si connota per le sue stradine ricche di taverne, bar e soprattutto negozi di souvenir. Le abitazioni della zona, molte delle quali recentemente ristrutturate, mostrano uno stile classico molto piacevole. Altamente suggestivi sono i locali che si sviluppano sulle scalinate create per superare i dislivelli della collina su cui sorge la Plaka. Quando il tempo lo permette i tavolini di queste kafeterie si riempiono all’inverosimile ed è facile vedere gente seduta addirittura sui gradini intenta a gustarsi la propria bevanda.

download (1)

Mangiare e bere:

Se decidete di sedervi a prendere qualcosa da bere nella parte alta della Plaka andate sul sicuro scegliendo il fascino retrò del cafè Klepsidra, Trasivoulou 9. Se vi fate tentare dai profumi che provengono dalla cucina, avete la possibilità di assaggiare degli appetitosi mezedes per accompagnare la vostra ordinazione.

Spettacolare d’inverno per il caminetto acceso e l’ambiente rilassante il Cafè Plaka, Tripodon 1, d’estate si estende sulla terrazza soprastante. Un’oasi di tranquillità impagabile che consigliamo vivamente se necessitate di un po’ di calma dopo una giornata intensa.

Dedicato alla grande attrice ed attivista Melina Merkouri, il cafè Melina, Lisiou 22, è un colorato ritrovo che espone al suo interno foto e cimeli di una delle figure più amate dai greci. Se scegliete di stare fuori vi aspettano tanti tavolini in stile greco posti su una delle gradinate più famose della Plaka.

Pur molto turistica e pittoresca la Plaka non è uno dei posti migliori dove andare a mangiare; spesso la qualità del cibo è sproporzionata rispetto al costo ma vi è da sottolineare che l’elevato consumo di materie prime da parte dei ristoranti e i frequenti controlli a cui sono sottoposti i locali del centro garantiscono la freschezza degli alimenti.

Abbiamo comunque trovato delle eccezioni che ci hanno colpito positivamente e che ci sentiamo vivamente di consigliarvi.

Alla taverna Diogenis, Selley 3, che si trova esattamente davanti al monumento di Lisicrate, potrete assaporare i piatti tipici della cucina greca eseguiti in maniera più che apprezzabile e a prezzi ragionevoli. Per queste sue caratteristiche è abbastanza presa d’assalto e se non volete prenotare vi conviene andarci non di punta.

Assolutamente consigliato come uno dei migliori posti di Atene per cibo e atmosfera, To Kafenio, Epicharmou 1, offre un menù adatto a chi già conosce la cucina greca e vuole speriementare qualcosa di nuovo rimanendo però su sapori mediterranei. Piatti che vi rimarranno nel cuore come l’ambiente rustico e piacevole.

Dritta SRDK: Oltre a passeggiare tra i vicoli della parte “bassa” ed “alta” della Plaka  vi consigliamo di fare visita ad Anafiotica, un villaggetto costruito dagli abitanti di Anafi emigrati dalla loro isola e giunti alle pendici dell’Acropoli. Poichè i costruttori delle casette hanno cercato di ricreare l’atmosfera dei luoghi di cui volevano rievocare i ricordi, passeggiando tra i vicoli di Anafiotica vi sembrerà davvero di trovarvi in un’isola delle Cicladi.

Kolonaki

Uno dei quartieri più famosi della capitale ellenica, Kolonaki è sede di alcuni dei più prestigiosi hotel, locali e negozi di Atene. Non è raro infatti incontrare personaggi del jet-set greco passeggiare per le eleganti vie di Kolonaki. sorseggiare un caffè nei bar o mangiare nei ristoranti più trendy della capitale. Kolonaki (che prende il nome da due colonne di marmo ancora oggi situate nella piazza principale del quartiere e che nel Medioevo erano meta di pellegrinaggio religioso, nonché sede di sacrifici animali per prevenire epidemie e calamità naturali) si estende a ovest dall’incrocio tra viale Panepistimiou e odòs Sina fino alla fermata di Megaro Mousikis a est ed è delimitato da viale Vasileos Konstantinou a sud; a nord il suo limite è il famoso colle del Licabetto, da cui si può apprezzare una vista senza paragoni dai monti Penteli e Parnitha fino al Pireo e nelle giornate più limpide fino al Golfo Saronico.

Kolonaki non è solo negozi trendy e locali costosi: ospita anche alcuni dei musei più interessanti di Atene come il Museo Bizantino e il Museo di Arte Cicladica mentre per i più appassionati di storia militare imperdibile è la visita al Museo della Guerra. Vi consigliamo quindi di dedicare il tempo necessario alla visita di questi musei che non possono davvero mancare nel vostro soggiorno ateniese.

kolonaki001 (2)

Mangiare e bere:

Come avrete potuto intuire Kolonaki non è certo il quartiere più economico di Atene e ne risentono anche i prezzi del cibo e delle bevande, ma non disperate perché SRDK sa come farvi spendere poco (e senza rinunciare alla qualità) anche qui.

Un esempio è il Barbounaki, Chàritos 39B, un mezedopoleio che propone piatti tipici della cucina greca e dell’ottimo pesce.

Nel bel mezzo della vostra passeggiata a Kolonaki vi viene un’improvvisa voglia di souvlaki? Il Meat Meat Meat, Tsakalof 10, è la soluzione che fa al caso vostro; si tratta di un piccolo souvlatzidiko a pochi passi dalla piazza principale di Kolonaki che propone invitanti piatti di carne e con porzioni generose.

Dritta SRDK: sebbene la passeggiata (o meglio la scalata) verso il Licabetto possa sembrare suggestiva, vi sconsigliamo vivamente di affrontarla a piedi a meno che non siate perfettamente allenati. Molto più semplice e comodo usufruire della funicolate che da odòs Aristippou vi condurrà in cima ai 277 metri del colle. Per raggiungerla potrete prendere la linea autobus 060 e scendere alla fermata “4H Likavittou”.

Thissio

Thissio si trova nel centro di Atene ed è compreso tra Monastiraki da una parte e Keramikos dall’altra; con questa dicitura viene intesa per estensione la zona che si sviluppa attorno alla fermata della metro omonima. Il nome deriva dall’antica denominazione del tempio di Efesto che erroneamente in antichità era stato chiamato “Thissio” dalle metope che riportavano le gesta dell’eroe e primo re di Atene.

Molto frequentata durante tutto il giorno (ma meno inflazionata da turisti come Monastiraki, ad esempio) per le numerose kafeterie presenti in zona, la sera Thissio diventa la destinazione quasi insostituibile per una cena romantica vista Acropoli o per un semplice cocktail in uno dei luoghi più suggestivi della capitale.

download (5)

Mangiare e bere:

Per un semplice caffè o una birra su una terrazza panoramica scegliete il Thissio view, Apostolou Pavlou 25, dove è possibile ammirare il Partenone senza spendere cifre esagerate. Se desiderate mangiare la cucina è veramente molto varia e i prezzi non esagerati considerando la meravigliosa vista.

Irrinunciabile per gli amanti del buon caffè (magari prodotto con miscele ricercate) e di birre insolite l’Underdog, Iraklidon 8, vi sorprenderà per i suoi spazi ampi un po’introvabili da queste parti.

Passando ai ristoranti, pur essendo Thisseio una zona più famosa per le kafeterie che per le taverne, vi consigliamo il Gevomai ke maghevomai, Nileos 11, che propone una cucina sperimentale sempre però con prodotti di eccellente qualità.

Se siete da queste parti e non potete resistere alla voglia di souvlaki o di gyros è perchè siete passati dalle parti di  Gyristroula, Asomaton 9, dove si possono assaggiare fino a sera tardi ottimo cibo da strada e decidere se consumarlo in piedi o al tavolo. Da una certa ora in poi è sempre affollato, non solo per la posizione strategica ma proprio per la buona qualità delle preparazioni.

Dritta SRDK: Se volete visitare un museo un po’ fuori dai soliti circuiti provate il museo di arte islamica Benaki che si trova in Agion Asomaton 22. Entrando, oltre alle collezioni, potrete ammirare, preservati durante la costruzione del museo, alcuni tratti delle antiche mura ateniesi che correvano fino al Keramikos.

‪Bene, questa era la prima parte dedicata alle zone del centro di Atene. Ci siete stati? Cosa vi ha colpito di più? Avete qualche posto imperdibile da suggerirci? Fatecelo sapere in un commento qui sotto l’articolo. Noi vi aspettiamo presto qui su Trippando per portarvi in giro in altre tre zone conosciutissime della capitale o per farvele riscoprire da un altro punto di vista. Se desiderate ulteriori informazioni su Atene data un’occhiata sul nostro sito sullerivedelkifissos.it. Ciao e… alla prossima!

Trovate la seconda parte cliccando qui.


Share it now!