Arte, natura, turismo e biodiversità. Con Ars e Natura alle Seychelles (Parte 1)

Oggi va online un’intervista insolita che mi ha concesso la Signora Trippando. Parleremo di arte, natura, turismo e biodiversità con Alessandro Troisi di Ars e Natura, un progetto “nato dall’unione di una decina di artisti naturalisti italiani, particolarmente impegnati anche nella promozione e conservazione della biodiversità”. Recentemente gli artisti di Ars e Natura hanno partecipato ad un progetto ideato assieme al Seychelles Tourism Board. Obiettivo: far conoscere attraverso tavole e disegni queste incantevoli isole per la presenza della loro fauna originale e a rischio estinzione, non solo come meta di viaggi di nozze. E per far capire che su queste isole un altro tipo di turismo è possibile…

Oggi ne parliamo con Alessandro, nelle prossime settimane con Iole Eulalia Rosa e Federico Gemma, altri due artisti che hanno preso parte a questo progetto e che con il loro contributo lo hanno impreziosito.

artisti-a.troisi

  • Che cosa è Ars e Natura e quali obiettivi si pone? 

Ars et Natura è un progetto nato dall’unione di una decina di artisti naturalisti italiani, particolarmente impegnati anche nella promozione e conservazione della biodiversità. Infatti alcuni artisti sono collaboratori di associazioni come WWF, Lipu, Federparchi, ecc cercando di trasmettere con l’arte e l’illustrazione non solo la bellezza e meraviglia della natura ma soprattutto la sua protezione e conoscenza mirata ad una maggiore sensibilità e conservazione. Inoltre questo gruppo di artisti naturalisti si è specializzato nel dipingere i soggetti animali e vegetali nel loro ambiente, direttamente sul campo, tramite osservazioni, taccuini, schizzi, dipinti realizzati dal vero. Questo è lo scopo del progetto Ars et Natura. Viaggiare e illustrare la natura in diretta e immersi totalmente nell’ambiente. Ogni tavola nasce quindi dall’osservazione e conoscenza della specie ritratta, così come dell’ambiente in cui si muove. Per questo Ars et Natura ha realizzato progetti in diverse località italiane, spesso parchi naturali, nazionali e oasi WWF, realizzando mostre, convegni, dimostrazioni e giornate di lavoro comune sul campo: dalla Finlandia alla Scozia all’estero, al Parco Abruzzo, Arcipelago Toscano e Sardegna in Italia, solo per fare alcuni esempi.

Come è nata la collaborazione con STB (Seychelles Tourism Board)? L’incontro con Monette Rose, la direttrice italiana del Seychelles Tourism Board è avvenuto grazie alla nostra collaborazione artistica ad un progetto universitario mirato all’isola protetta di Cousin, nelle Seychelles, dove il WWF e Bird Life International proteggono specie ornitologiche endemiche e rare. Da questa collaborazione è nata l’idea di proseguire la promozione e conoscenza del ricchissimo patrimonio naturale e di biodiversità di questo arcipelago sempre attraverso l’arte e l’illustrazione. La sensibilità dell’STB, Ente Turismo Seychelles Italia e poi quello nazionale ha portato ad un progetto comune che si è potuto realizzare a partire da giugno 2013 con il primo viaggio di artisti italiani e proseguito con l’ultimo in ottobre.

poster pano anse coco for output

  • Quale è stato lo scopo e quali gli sbocchi di Arte e Natura alle Seychelles? 

Lo scopo rimane quello principale del progetto Ars et Natura di cui parlavamo sopra, trasmettere la conoscenza, la conservazione e l’alto valore di biodiversità attraverso le opere artistiche e la rappresentazione sul campo di tutte le emergenze e ricchezze naturali delle Seychelles. Quindi un diverso approccio a queste isole famose nel mondo per le loro spiagge, fondali e acque cristalline: non solo questo ma soprattutto una natura ed ecosistemi diversi e ricchissimi di specie endemiche e rare, come la foresta tropicale, le mangrovie, i massi di granito, la barriera corallina, con specie come la tartaruga gigante di Aldabra, la sterna bianca delle Seychelles, il pappagallo nero, il fetonte coda bianca, i vari tipi di gechi, ecc. Tutto questo rappresentato in schizzi, taccuini di viaggio, acquerelli, oli, matite e pennelli realizzati sul campo attraverso i due viaggi effettuati dal gruppo di artisti naturalisti italiani. Da questa esperienza e produzione di materiale sia dal vero e poi a studio si realizzerà la seconda fase del progetto, quella operativa, con mostre in Italia, Europa e Seychelles, conferenze, incontri, articoli e proiezioni sui media e magazine e un libro conclusivo sul progetto, illustrato, con tutti i lavori artistici, tavole e dipinti effettuati alle Seychelles dal gruppo di Ars et Natura. Il libro verrà pubblicato da una casa editrice italiana, con il patrocinio e sostegno dell’STB e Unesco Italia e verrà distribuito in Europa e in Seychelles, pubblicato in tre lingue diverse. E fondamentale è stata anche l’esperienza di conoscenza e scambio artistico con colleghi delle Seychelles che ha portato ad un’apertura e possibile attività comune da svolgere sia nelle isole che in Europa. L’incontro con gli artisti locali di alto valore presenti nelle isole ha favorito lo sviluppo di sinergie e progetti da avviare insieme.

  • Qual era la vostra giornata tipo laggiù? 

Gli artisti hanno seguito un programma preciso e studiato insieme all’Ente Turismo Seychelles per visitare i luoghi più caratteristici, osservare e dipingere i diversi ambienti e le specie animali e vegetali dell’arcipelago. Si è concentrati su sei isole principali e uniche per la loro ricca biodiversità: Mahè, Praslin, La Digue, Silhouette, Cousin, Couriose. Gli spostamenti, sia nella stessa isola che fra una e all’altra erano progettati per avere il tempo di fermarsi a dipingere il paesaggio e le specie osservate. Si è sfruttata l’intera giornata di luce, avendo orari precisi, dalle 6 di mattina alle 6 di sera e sfruttando le ore di buio per spostamenti e conclusione dei taccuini e lavori iniziati sul campo in giornata. Tutta la produzione, dai taccuini agli schizzi, alle tavole a matita e acquerello è stata realizzata sul campo, in natura, sfruttando ogni angolo per potersi fermare con la minima attrezzatura da lavoro, dalle spiagge ai massi di granito, dalla foresta tropicale alle mangrovie, in qualsiasi sentiero. Ogni artista aveva le sue ore a disposizione, si viaggiava insieme e si cercava l’angolo o il luogo dove prendere lo spunto e l’ambientazione per la propria attività artistica. In genere si visitavano uno o due luoghi al giorno, compresi spostamenti, dedicando quindi il tempo giusto per iniziare e portare avanti uno studio completo. In media due-tre giorni ad isola per scoprirne la biodiversità e caratteristiche. In qualche caso non solo strettamente naturali, come fatto dipingendo il variopinto e speciale mercato di Victoria, la capitale di Mahè, con i suoi visitatori, mercanti, prodotti naturali tipici e specie animali. Ogni giornata aveva il suo programma, con i luoghi indicati, le escursioni con le guide locali, le visite alle riserve naturali, ai giardini botanici, ai parchi marini con attività di snorkeling e osservazione su barche trasparenti apposite, per osservare e dipingere le tante specie di pesci tropicali della barriera corallina. Per ultimi, ma non da meno, gli spazi e ore dedicate agli scambi e conoscenze degli artisti locali, molto importanti per il confronto, le idee, lo scambio di esperienze e attività artistiche. Numerose mezze giornate sono state dedicate a visite a gallerie d’arte creole e meeting con gli artisti locali per condividere il progetto e conoscersi.

seych-cousin3

  • La biodiversità presente alle Seychelles… Che potete dirci a tal proposito? 

Il progetto partiva proprio dall’altissima qualità e ricchezza di biodiversità di questo incredibile arcipelago, che oltre alle isole coralline e granitiche, contiene il più grande atollo del mondo, quello di Aldabra, patrimonio mondiale dell’Unesco (come la riserva della Vallèe di Mai a Prasli). Alcuni dati: la più grande popolazione al mondo di tartarughe giganti, quelle di Aldabra, distribuite in varie isole, più di 15 specie endemiche di uccelli terrestri, vaste colonie di uccelli marini anche qui indigeni, 90 specie autoctone di piante di cui 9 palme, come la famosa Cocò de mer con il seme più grande del mondo. Inoltre una delle specie di rana più piccole del mondo, numerose famiglie di gechi indigeni, centinaia di pesci tropicali della barriera corallina, mammiferi rari e localizzati come il pipistrello gigante o volpe volante, e specie uniche e rare di anfibi, rettili, invertebrati e insetti. Un vero paradiso naturale, da scoprire ancora e valorizzare, anche attraverso il nostro progetto artistico. Tantissime sono state le specie osservate e dipinte dal gruppo di ars et natura, anche per soli istanti e momenti unici, grazie anche alla conoscenza e preparazione naturalistica di ciascun artista. Sono state raffigurate in taccuini, schizzi e tavole una buona parte delle specie rare ed endemiche previste e immaginate da programma, così come visitati tutti gli ambienti tipici: dalla barriera corallina alle bianche spiagge, dalla foresta tropicale alle mangrovie, dai massi di granito agli ecosistemi tipici presenti in ogni isola.

seych-sterna

  • Cosa vi ha colpito di più da un punto di vista naturalistico? 

Sicuramente l’alta varietà di specie endemiche e tipiche e soprattutto la loro concentrazione in alcune isole, oggi riserve integrali. La visita e soggiorno di tre giorni all’isola di Cousin, paradiso ornitologico e paesaggistico, è stato un vero regalo e possibilità unica in un’isola dove è permesso soggiornare solo ai ricercatori e studiosi che lavorano per proteggere, studiare e conservare la biodiversità unica di questa isola. Migliaia di coppie di uccelli marini e terrestri presenti, tartarughe giganti di circa 100-200 anni di età e una natura selvaggia e ancora primordiale, con tutti gli ambienti tipici. Anche la riserva Vallèè di Mai a Praslin, patrimonio mondiale dell’unesco, con la sua foresta tropicale e palme di 300-400 anni di età alte anche 40 metri ha lasciato in tutti noi un senso di gratitudine e meraviglia che resteranno impressi per sempre, non solo nelle tavole e schizzi realizzati all’interno. Un luogo magico e unico. Ma ogni isola aveva la sua peculiarità e sorpresa, come i rari uccelli Vedova del paradiso dalla lunga coda blu presenti solo a La Digue, ai fetonti coda bianca e fregate in volo sulle spiagge di Mahè, ai massi di granito dai colori pastello delle spiagge tropicali visitate. Per non parlare dei fondali del parco marino di Moyenne di fronte a Mahè con centinaia di pesci tropicali e coralli su un mare da mille sfumature di celeste e blu. Difficile dire quale emergenza o ambiente abbia colpito di più, tanto diversi e ricchi tutti i luoghi visitati. Personalmente però posso dare una mia preferenza all’isola di Cousin per gli uccelli e alla foresta Vallèe de Mai per le palme e le specie botaniche.

  • A chi, oltre alle coppie che vanno in viaggio di nozze, consigliereste le Seychelles come meta turistica? Perché? 

A tutti, veramente a tutti. Il nostro progetto era appunto invitare a vedere le Seychelles non solo e unicamente come spiagge magnifiche e mare cristallino e trasparente dove passare il viaggio di nozze o di coppia in totale relax e tranquillità. I nostri due viaggi da visitatori esterni hanno confermato questo, cioè l’alto valore e diversità turistica di queste isole e arcipelago unico al mondo. Dal punto di vista naturalistico e paesaggistico sono un paradiso terrestre per naturalisti, escursionisti e appassionati di natura. Spiagge ma anche sentieri in foresta, in montagne di granito, in zone selvagge e ancora integre, riserve e parchi naturali e marini. Per appassionati di birdwatching e fotografia una ricchezza senza uguali. Ma non solo, Victoria a Mahè e anche i piccoli centri nelle altre isole, sono ricchi di vita, con eventi, incontri e luoghi preziosi da vedere e visitare come musei, gallerie d’arte, mercati, negozi, vita all’aperto e sorprese varie come la scoperta delle antiche coltivazioni di piante tropicali, vecchi mestieri e attività tradizionali. Per gli sportivi tante le opportunità, sia in acqua che a terra con giornate e attività guidate di ogni tipo. Un turismo quindi vario, che, oltre le coppie, comprende anche le famiglie con bambini, i giovani, gli sportivi, gli appassionati d’arte, della cucina locale (ottima quella creola), dei prodotti tipici e naturali. Tutto questo, lo ricordiamo sempre, salvaguardando l’ambiente, rispettando gli usi e costumi delle popolazioni e soprattutto non portando via niente che non sia permesso o venduto con certificato (coralli, conchiglie ecc).

  • Avete altri progetti similari in cantiere? 

Ars et Natura lavora per promuovere progetti e luoghi che meritano dal punto di vista naturalistico e paesaggistico di essere rappresentati e promossi attraverso l’arte, un approccio diverso e più diretto di quello scientifico. Finora abbiamo lavorato in Italia e in Europa, questo è il primo progetto che riguarda un paese tropicale e lontano. Ci piacerebbe continuare su questa strada, amiamo molto le isole e il mare e la ricca biodiversità che conservano e proteggono, spesso sconosciuta. Quindi ci sono altre mete, altri luoghi lontani e isole che ci aspettano, ma prima ci vogliamo concentrare su questo bellissimo lavoro alle Seychelles che sicuramente non si fermerà con questi primi due viaggi, viste le collaborazioni nate anche con il gruppo di artisti locali e il Seychelles Tourism Board che ringraziamo ancora per il sostegno e la sensibilità dimostrata in questa avventura comune.

Gli artisti che hanno partecipato nei due viaggi di lavoro a giugno e ottobre:

Alessandro Troisi, Iole Eulalia Rosa, Federico Gemma (viaggio in giugno)

Alessandro Troisi, Concetta Flore, Daniela Di Tonno, Carlo Castellani, Marina Cremonini, Maria Elena Ferrari, Massimo Salvarani, Luca Marini, Anne Shingleton, Patrizia Pizzolotto, Patrizia Vistola, Giovanni Ragone, Carla Bernardi (viaggio in ottobre).

gruppo-ars

http://arsetnaturaseychelles.blogspot.it/

 

Related Images