Tenerife: consigli per un viaggio nel giardino dell’Eden

Un paradiso terrestre dove assaporare una natura selvaggia, cullati dall’Oceano Atlantico e da un clima mite per dodici mesi all’anno. Un’isola in un arcipelago vulcanico, quello delle Canarie, solcata dagli alisei e ricca di flora e fauna tipici delle zone tropicali. Un luogo magnifico e lontano da tutto, eppure relativamente vicino: si trova al largo del Marocco, e convive con una storia millenaria che porta con sé le culture fenicia e latina, e poi quella della Spagna, di cui è un territorio autonomo. Natura, storia, mare e città: insomma, non vi abbiamo convinto a organizzare al più presto le vostre vacanze a Tenerife?

La natura di Tenerife

Tenerife è l’isola più grande e popolata delle Canarie, e anche quella dove si sono sviluppati i centri urbani maggiori (la sua capitale, Santa Cruz, è insieme a Las Palmas la città più importante dell’arcipelago). La bellezza della natura è sicuramente ciò che più colpisce il visitatore: il vulcano Teide, che con i suoi più di 3700 metri di altitudine è la cima più alta di Spagna, oltre che il terzo vulcano più alto al mondo, è una presenza incombente e affascinante che permette escursioni mozzafiato; patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2007, l’omonimo parco nazionale è una delle attrazioni imperdibili dell’isola, e offre la possibilità di pernottamenti in rifugio e di essere condotti da guide esperte alla scoperta dei due ecosistemi (vulcanico e tropicale) che lo contraddistinguono. Disseminate ovunque, poi, la canna da zucchero e la vite danno un’impronta caratteristica al paesaggio, e sono solo un esempio di quella natura rigogliosa cui accennavamo più sopra: le temperature costantemente comprese tra un minimo di 21° e un massimo di 29°, infatti, hanno permesso il diffondersi di una incredibile biodiversità, tanto da ospitare circa 800 specie uniche al mondo. Una vera e propria esplosione di natura, che offre al viaggiatore la possibilità di ammirare le balene lungo la costa sud-ovest, ma anche quella di rilassarsi nella tranquillissima oasi di La Tejita, dove un chilometro di sabbia finissima gli regalerà una indimenticabile vacanza al mare. O, ancora, di ammirare il lavorio costante dei vulcani nel Parco Rurale di Teno, dove l’attività vulcanica erosiva ha creato dighe e gallerie naturali nelle rocce costiere, circondate da grandi boschi d’alloro e rifugio perfetto per rapaci come il falco pescatore, e in quello di Anaga, riserva della Biosfera dal 2015 e luogo con il maggior numero di specie endemiche d’Europa, dove i sentieri tra gli alberi di laurisilva regalano scorci indimenticabili, da ammirare dall’alto del Belvedere di Jardina.

Le città storiche di Tenerife

Ma, come abbiamo detto, Tenerife è anche l’isola più “urbana” e cosmopolita dell’arcipelago delle Canarie. E infatti numerose sono le attrazioni per chi, oltre che in quelli della natura, vuole immergersi nei sapori della attività umana: la capitale, Santa Cruz, ospita numerosi edifici d’epoca, tra cui il Museo Archeologico e il Tempio Massonico, ma anche il modernissimo Auditorium, firmato dall’archistar Santiago Calatrava e inaugurato nel 2003. Collegata a Santa Cruz, c’è la più piccola e storica San Cristobal de La Laguna, anch’essa patrimonio mondiale dell’Unesco: ricca di edifici storici nel caratteristico stile coloniale, è la prima testimonianza di centro urbano non fortificato, progettato e costruito secondo un piano regolatore ispirato alle necessità dell’imprenditoria e del commercio via nave, e vanta importanti edifici sacri, tra cui la Chiesa della Concezione e la Cattedrale. Un altro borgo imperdibile è poi quello di La Orotava, risalente al XVI secolo e contraddistinto da strade e vicoli disseminati di edifici storici conservati perfettamente: ricca di negozi e di bar terrazzati, è perfetta per lo shopping e il relax, così come tutti gli altri piccoli paesini, come quello di Masca, che punteggiano l’isola.

Divertimento a Tenerife

Natura e città storiche, ma non solo: Tenerife è anche una vera capitale del divertimento. L’ideale sarebbe visitarla nel mese di febbraio, quando si svolge il famoso Carnevale di Santa Cruz, considerato secondo solo a quello di Rio de Janeiro (città con la quale Santa Cruz è gemellata). In questo periodo, fino a due milioni di turisti si aggiungono ai residenti per fare festa e assistere sia alle sfilate ufficiali che a quelle cosiddette “di strada”, non organizzate e più partecipate dalla popolazione locale. Se invece capitate in altri periodi dell’anno, non c’è da preoccuparsi, perché bar e tapas garantiscono sempre la possibilità di fare le ore piccole e di gustare la ricca cucina a base di pesce. Soprattutto se viaggiate con i bambini, invece, sono da non perdere il Siam Park, il più grande parco acquatico d’Europa, ispirato all’architettura thailandese e con scivoli alti fino a 28 metri, e il Loro Parque, zoo amatissimo dai turisti. Se invece siete persone dedite all’attività fisica, oltre che con il jogging e gli sport acquatici, Tenerife vi tenterà con i suoi otto campi da golf.

Magari però non è solo Tenerife, a stuzzicare la vostra curiosità, ma la Spagna tutta a essere una meta che da sempre volete esplorare: in tal caso non c’è niente di più semplice che scegliere Iberostar.com, per organizzare il vostro soggiorno e innamorarvi per sempre di questa terra. Buon viaggio, y qué viva España!

Related Images