Un itinerario lungo la Valle dell’Inn coi bambini

Anche oggi un bel viaggio. L’itinerario lungo la Valle dell’Inn di Stella Nieri, autrice del blog Travelbreath, alla scoperta di un’Austria meno turistica e conosciuta. Un viaggio a misura di bambino… e di nonna sprint!

Questo viaggio è nato così, un po’ per caso un po’ per conciliare le esigenze dei vari partecipanti: bimbo curioso ed intraprendente, genitori e bis-nonna con  l’energia di una giovincella (non fatevi ingannare dal “bis”). Denominatore comune la voglia di montagna, città, cultura, divertimento, prati verdi e clima mite. Insomma, un on the road in Austria era proprio quel che ci voleva!

tratz

Abbiamo deciso per  un itinerario lungo la valle del fiume Inn, per la tratta che va da Innsbruck a Kufstein.

Natters: prima tappa del viaggio, una scelta azzeccatissima. Si trova qualche chilometro prima di Innsbruck , poco dopo il confine dal valico del Brennero. L’ambiente qui è quello prealpino, molti boschi di conifere e meravigliose montagne di roccia grigia tutt’intorno. È una destinazione di vacanza molto conosciuta dal turismo autoctono ma pochissimo da tutti gli altri. Peccato.

Nattersee (lago di Natter): è perfetto per la balneazione con gonfiabili da acqua, scivoli, sdraio e ombrelloni. Ci sono campeggi attrezzati, fra cui degno di segnalazione è il “Ferienparadies Natterer See”, dove si può fare l’esperienza di dormire in vere e proprio botti giganti!

In dieci minuti di auto si raggiunge Innsbruck, coi suoi edifici pittoreschi, il palazzo reale, la cattedrale e il famoso “Glockenspiel” e le sue ampie logge popolate di negozietti, ideali per una bella passeggiata anche in caso di pioggia (come abbiamo fatto noi).

hall in tirol

Hall in Tirol: proseguendo in direzione Salisburgo, per intenderci, in dieci minuti di auto si arriva in questa magnifica cittadina medievale, una vera perla del Tirolo. La sua tradizione è fortemente legata al sale (esistono ancora miniere visitabili), tanto da essere presente anche nello stemma della città. Il centro storico fortificato è meraviglioso. Passeggiando fra le stradine lastricate si ha l’impressione di essere tornati indietro nel tempo. Il fulcro principale è costituito dalla piazza, sulla quale si affacciano la Chiesa di S.Nicola ed il Municipio, vero simbolo cittadino. Non lasciatevi sfuggire la possibilità di salire in cima alla torre del Castello di Hasegg, divenuto sede principale della Zecca, che spicca sulla città e regala un impareggiabile panorama sui tetti rossi e le maestose montagne circostanti.

swarowski kristallwelten

Swarovski Kristallwelten: a metà strada fra Hall e Jenbach, nei pressi di Wattens, il ‘mondo di cristallo’ è una tappa d’obbligo, assolutamente da non perdere. Inaugurato nel ’95 in occasione del centenario dell’azienda Swarovski, nel  2015 è stato ampliato e rivisitato per renderlo ciò che è adesso: un luogo meraviglioso, incantevole (come amano definirlo), e scintillante capace di regalare sensazioni incredibili e stupire grandi e piccini.

valle dell inn

All’ingresso si è accolti da una scritta : ‘YES TO ALL’ il che la dice lunga, no? Racchiuse in una collinetta artificiale e custodite dal “Gigante”, le Camere delle Meraviglie sono una serie di locali, ciascuno con una diversa installazione e un diverso scenario capace di suscitare le più disparate emozioni.

percorso lungo la valle dell inn

Il tutto rigorosamente a tema: il Cristallo Swarovski nelle forme più disparate, negli usi più impensati e creati da abilissimi artisti, scenografi ingegneri e architetti. All’esterno l’immenso parco, il “Giardino del Gigante”, curatissimo in ogni particolare, è un tripudio di stimoli: arte contemporanea, storia antica e diverimento per un’esperienza a 360 gradi. Niente è lasciato al caso. La ‘Nuvola di Cristallo’, il labirinto ed una torre in vetro interamente dedicata ai bambini. È un edificio di ben cinqe piani  di cui quattro interamente dedicato al divertimento dei bambini: tappeti elastici, scivoli, giochi di ogni tipo (ogni piano ha la sua particolarità) per un break a tutto svago con una vista privilegiata sull’intera area.

Volete fare acquisti? Perfetto: un negozietto di souvenir (tazze, magliette e oggettistica varia con cristallini qua e là) oppure il mega-shop dove troverete di tutto; e vorrei sottolineare ‘di tutto’ (forse anche di più) made by Swarovski Kristall. A voi la scelta!

È aperto tutto l’anno con orario 8.30/19.30 (prolungato in luglio e agosto fino alle 22).

Biglietto di ingresso adulti € 19.

Schloss Tratzberg

Schloss Tratzberg: un tuffo nel Medioevo, una visita avvincente ed appassionante per tutta la famiglia. Dal parcheggio principale, al costo di 3€ a/r ,  un trenino bianco e rosso in pochi minuti vi accompagna direttamente alle porte del castello (il tratto si può fare anche a piedi ma la passeggiata è lunghetta e in salita). L’entrata è possibile solo con visita guidata, poiché la dimora è privata, perciò l’accesso alle varie stanze è regolato e controllato. Per lo stesso motivo, ahimé, non è possibile fotografare gli interni, di uno splendore unico.

Schloss Tratzberg 1

Con l’ausilio di un’audioguida siamo stati accompagnati nelle aree più belle ed affascinanti dell’edificio. I più piccoli saranno accompagnati direttamente dalla voce di “Trazi”, l’amichevole fantasmino del castello, che racconterà le avventure dei vari personaggi realmente esistiti.  Le dimensioni del castello sono piuttosto contenute, magari ci si aspetterebbe qualcosa di più maestoso, ma la sua bellezza risiede proprio nell’essere una piccola chicca molto ben curata. Entrati nel cortile interno si è immediatamente colpiti dai colori dei decori sui muri affrescati. È una sensazione avvolgente, di un calore che difficilmente si riesce a provare in questi antichi edifici. I corridoi al piano superiore, con loggiato sul cortile, portano alla sala da pranzo, soggiorni, camere, camerette e per finire l’armeria. È molto difficile descriverle poiché ognuna ha un suo stile con una gran varietà di dettagli. Il salone  principale spicca per le decorazioni lungo tutta la superficie delle pareti e del soffitto: un enorme albero genealogico dai cui rami “nascono” figure umane e che rappresenta, appunto, la dinastia della famiglia. Un grazie ai conti Enzenberg, gli attuali proprierari, per il loro sforzo nella conservazione di un gioiello così prezioso.

Aperto da Marzo a Novembre con orario 10.00 – 16.00.

Biglietto di ingresso € 13.50 per gli adulti.

E’ possibile partecipare a veri e propri banchetti a tema, su prenotazione naturalmente. Info qui.

Dove dormire

Noi abbiamo scelto come base di pernottare a Natters, al “Nattererboden” che mi sento assolutamente di consigliare spassionatamente. Ambiente unico, ottimo cibo, fattoria didattica e dei proprietari fantastici hanno reso il nostro soggiorno indimenticabile. Un ambiente perfetto per le famiglie, con ogni comfort e da vivere in piena libertà. Inoltre le distanze sono tranquillamente percorribili in giornata, al massimo con un’oretta di viaggio.

Related Images