Un soggiorno al Pineta Hotels per tornare bambini

Ci sono posti che ti entrano nel cuore. Luoghi dove ti senti tutt’uno con la natura circostante e riesci a tornare bambina, respirando profumi ed ascoltando suoni che che riescono a farti viaggiare nel tempo di decine di anni.

natura in trentino

Siamo arrivati al Pineta in un piovoso inizio pomeriggio di fine luglio. Il calore con cui siamo stati accolti ci ha fatto subito dimenticare il freddo pungente che era nell’aria e che dopo poco ci ha abbandonato, lasciando spazio ad un caldo sole e a qualche timido arcobaleno.

pineta hotels foto

<<Il Pineta dà dipendenza>>, così mi ha detto una signora al suo ultimo giorno. Per me era il primo ed entrambe stavamo aspettando Nicola per i nostri #7000passidibenessere, la prima delle attività della giornata proposte dallo staff del Pineta, uno staff che è una grande famiglia, tra i membri della famiglia Sicher e i loro dipendenti, tutti caratterizzati da una cortesia riservata: nessuna invadenza, ma tanta, tantissima disponibilità. Me ne sono resa conto dopo un paio di giorni: la signora Chiara aveva ragione; mentre sei lì, fai già i calcoli di quando puoi ritornare, sentendo gli altri ospiti parlare delle innumerevoli volte che hanno soggiornato in questo luogo magico. E te lo immagini in primavera, circondato dai meli in fiore; oppure in inverno, con la neve fuori dalle finestre ed il profumo della legna che brucia nelle stufe; ed in autunno, coi colori che cambiano di ora in ora ed i piedi che fanno scricchiolare le foglie aranciate.

pineta hotels piazza

È una casetta centrale, il Pineta, con la scritta Pineta Hotels ed una reception che è un mondo, dove poter trovare consigli ed informazioni su tutto il Trentino, oltre che sulla Val di Non; poi tre strutture più grandi, Casa Pineta, Casa Klein e Chalet del Bosco, collegate tra loro (e alla reception) tramite un passaggio sotterraneo lungo il quale si trova un centro benessere dove rigenerarsi dopo le camminate nei boschi, oppure dove trascorrere le giornate più fredde o piovose, senza mai annoiarsi.

pineta hotels baite

E poi ci sono tre nuovi chalet, costruiti coi dettami della bioedilizia, che ospitano, ciascuno, due appartamenti in cui potersi sentire più liberi che in una camera d’albergo, pur con tutti i comfort che offre la “Pensione 3/4 Alla Pineta“. Credo che le frazioni ai Sicher le abbiano insegnate male, perché non sono 3/4… ma 4/3: colazione, “spuntino di mezzogiorno” (che in realtà è un bel pranzo con verdura e frutta a buffet e due piatti caldi), merenda (se siete ghiotti, potreste anche farla diventare il vostro pasto principale: dolci fatti in casa, biscotti, tisane… what else?) ed una cena nel bellissimo Ristorante “Alla Pineta”, insignito del riconoscimento di “Osteria Tipica Tentina”, in cui due generazioni di chef Sicher danno il meglio del meglio, con due menù (anche combinabili tra loro) diversi tra loro ed entrambi molto accattivanti (il menù “VitalPineta”, per chi vuole mantenersi in forma e il “Menù dello Chef”, per i più golosi) ed un’infinita serie di variazioni. Sì, anche la gastornomia è un’esperienza, al Pineta. Anzi, l’eno- e l’alo- gastronomia, dato che per ogni menù sono sempre proposti accostamenti con vini e birre dei territori vicini.

L’altra grande esperienza sono le attività all’aperto:

  • i #7000passidibenessere con Nicola: un’oretta di nordic walking per iniziare la giornata con slancio, o per lasciare anche le più chiacchierone senza parole!
  • le escursioni con Livio, il grande esperto di sentieri, montagne e boschi. Il Toparco ne è rimasto incantato: noi andavamo tutte le sere (Livio la sera gestisce il bar!) a fargli domande sui possibili percorsi da fare l’indomani. Le escursioni che lui organizza non sempre sono a misura di passeggino e noi, in cinque giorni, abbiamo preso parte soltanto ad una delle sue passeggiate
  • la baita del Pineta, una meraviglia di casetta in legno, coperta da un abete per peroteggerla dalle nevicate, circondata da un bellissimo prato ed attrezzata con barbecue per poter fare una bella sosta

baita del pineta

  • i giri in mountain bike con Andreas, per i più allenati, anche se l’hotel dispone anche di ebike a pedalata assistita, per chi, come me, non riuscirebbe a reggere le salite!

E poi c’è il centro benessere, gestito da Francesca, dove noi siamo stati solo un paio di mezzi pomeriggi ed in cui, invece, ci sarebbe veramente da trascorrere giornate facendosi cullare e coccolare: tre piscine interne riscaldate (adulti, bimbi e idromassaggio), una esterna e caldissima ad idromassaggio, possibilità di trattamenti di vario genere e… “il Mondo delle Saune”: un posto dove entrare stanca ed uscire rigenerata, grazie a saune e bagni turchi di vario genere, ma anche percorsi kneipp  e idromassaggi per i piedi per chi torna stanco dopo una lunga escursione.

Ai bambini è rivolta ogni possibile attenzione: lettini, seggioloni, bavaglini ed apparecchiatura “da piccoli”, menù baby per i bimbi già grandini e possibilità di farsi preparare pappe per i piccolissimi in età da svezzamento. Una tata al pomeriggio fa giocare i bimbi dai tre anni in su, che, volendo, possono anche cenare tutti insieme con lei in taverna.

Ultimo ma non ultimo, l’attenzione all’ambiente ed il chilometro zero:

  • L’acqua, sui tavoli, è sempre presente ed è quella del Pineta: inutile bere acqua imbottigliata quando quella che sgorga dai rubinetti è migliore!
  • Latte, yogurt e formaggi sono del Caseificio di Coredo… e sono eccellenti!
  • Gli ospiti sono invitati ad utilizzare l’acqua con moderazione e a fare un uso razionale della biancheria, cosa che mi trova più che d’accordo.
  • L’obiettivo ambientale del Pineta è quello di diventare energeticamente indipendente. Penso possa riuscirci molto presto: ha pannelli solari sugli edifici principali ed un impianto termico a biomassa che utilizza il bosco ceduo per scaldare tutti gli ambienti.

Sicuramente mi sono dimenticata qualcosa di questo magico mondo (ah, ecco: i corsi di cucina!), ma dovete scusarmi: cinque giorni sono davvero pochi per essere catapultati in una realtà incantata. Facciamo così: io vedo di ritornarci presto, così vi do altri dettagli. E, magari, andate anche voi, ché qualche giorno al Pineta non può che farvi bene!

silvia ceriegi malga di coredo

Dove si trova:

Pineta Hotels

via Al Santuario, 17

Coredo (Trento)

Per scoprire le innumerevoli proposte del Pineta:

http://www.pinetahotels.it/it/

Per sentire se hanno disponibilità:

tel. 0463.536866 email: info@pinetahotels.it

Related Images