Viaggio in Florida con i bambini: 5 cose da vedere assolutamente

È sempre un grande piacere quando una blogger che conosci personalmente ti chiede di poter ospitare una sua esperienza di viaggio su Trippando. E l’esperienza di Ilaria Cuzzolin, conosciuta come Mammarisparmio, è di quelle che fanno invidia, quella buona, a molti appassionati di viaggi: quindici giorni in Florida. Non male, vero? Immergetevi nella lettura. Scoprirete posti bellissimi e divertenti per chi viaggia con i bambini e… attenzione ai consigli risparmiosi di Ilaria!

Molta gente è convinta che viaggiare sia una specie di lusso. Al contrario, più vado avanti e più mi rendo conto che per viaggiare non serva chissà quale cifra.

Certo serve organizzare tutto con anticipo e stare dietro alle promozioni. Bisogna investire il proprio tempo, monitorare i voli, seguire i siti che operano nei viaggi low-cost e fare tesoro delle dritte dei travel blogger come Silvia, che proprio di recente ci ha spiegato come risparmiare sui viaggi. Il risparmio costa fatica, ma se la contropartita è una bella vacanza…il gioco vale assolutamente la candela!

Qui vi voglio raccontare del mio recente viaggio in Florida. Abbiamo scelto questo Paese perché mio marito, che è colombiano, desiderava da tempo visitare gli Stati Uniti e perché la Florida non è distante da Bogotà. È stata soprattutto un’occasione per rivedere la madre dopo oltre due anni di lontananza.

La Florida, inoltre, è il giusto mix di divertimento, mare, natura, tradizione e modernità. Il Paese si trova nella costa sudorientale degli Usa ed è noto per essere la patria dei parchi di divertimento; capite bene che con due bambini di 3 e di 5 anni è la meta ideale per regalare loro un sogno. Ed eccoci qui, tutti assieme, davanti al bellissimo castello simbolo della Disney.

castello disney florida

Ancora prima di pensare al viaggio, soprattutto se viaggiate con dei bambini come noi, è assolutamente indispensabile stipulare una polizza assicurativa sanitaria. Come sapete negli Stati Uniti la sanità non è gratuita e ha costi salatissimi. Per cui anche un polso slogato potrebbe costarvi più dell’intero viaggio. Non sto scherzando, davvero! A una mia compagna del liceo, un braccio rotto costò la bellezza di 14 milioni di lire (eh sì, c’erano ancora le lire). Dunque, va bene il risparmio ma non sui fondamentali. Da brava Mammarisparmio, prima di partire ho studiato attentamente le principali polizze assicurative che operano nel settore; dopo vari schemini, moltiplicazioni ecc. e ore passate a cercare un’assicurazione Stati Uniti a poco prezzo, Assicurazioni Lowcost si è dimostrata la più economica. In particolare, la polizza che prende il nome di Essenziale: tre persone per due settimane abbiamo speso 80 euro. Perché costa meno rispetto alle altre? Pechè è Essenziale come dice la parola stessa, pur garantendo uguali massimali sulle cose importanti; non prevede però, per esempio, il rimborso in caso di smarrimento valigie (a proposito, sapevate che per aver rimborsato il contenuto delle valigie dovete dimostrare ciò che avevate dentro con delle ricevute.

In totale  abbiamo trascorso 15 giorni in Florida, anche se l’ideale sarebbe una vacanza di un mese perché solo nella zona dei parchi varrebbe la pena trascorrere una decina di giorni (se non altro per riprendersi un po’ e rilassarsi tra un parco e l’altro).

Le attrazioni che non potete assoultamente perdere sono:

  • Disneyworld e in particolare Magic Kingdom, il parco principale tra i quattro visitabili del mondo Disney (sì, avete letto bene: quattro!) e gli Universal Studios. Se vi avanza del tempo fate un salto anche Seaworld, famoso per i suoi labirinti che attraversano la vasca degli squali. Tutti si trovano nei pressi di Orlando, anche se vi sconsiglio di soggiornare lì ma di scegliere la vibrante cittadina di Kissimmee, che si trova a metà strada da tutto e pensata per ospitare le migliaia di persone che ogni anno visitano l’area in ogni momento dell’anno. Qui troverete infatti la maggior parte dei motel più economici.

world disney

  • Cape Canaveral. È qui che sorge lo Space Kennedy Center, una delle basi della Nasa da dove vengono effettuati molti lanci. Se siete fortunati potrete assistere (con biglietto a parte s’intende) a uno di questi lanci davvero impressionanti. Vale la pena andarci dato che si trova appena a un’ora di strada dalla zona di Orlando, proprio sulla costa.

nasa center

  • Miami. Mi raccomando di non fare come molti italiani che vanno a Miami e conoscono solo South Beach  e  la famosa Ocean Drive all’ora dell’aperitivo. Visitate anche Miami downtown. La città offre molte più cose di quelle per cui è nota (bellezze in costume e discoteche fino all’alba). E’ una metropoli cosmopolita dove la prima lingua non è l’inglese bensì lo spagnolo, tanto è il tasso di immigrazione proveniente dal centro e sudamerica. Per cui fate sempre molta attenzione quando parlate in italiano perché potrebbero capire ciò che dite, data la somiglianza tra l’italiano e lospagnolo. Miami è la città ideale per fare shopping grazie agli enormi mall che la circondano. Fra i tanti io vi consiglio Aventura Mall. Cosa comperare negli Stati Uniti? Sicuramente marchi come Polo Ralph Lauren, Calvin Klein, Victoria’s Secret, scarpe da tennis di ogni marca e modello e per finire integratori multivitaminici; queste sono le cose più convenienti che ho potuto notare.

tramonto a maiemi skyline

  • Le Everglades. Uno dei parchi naturali più interessanti degli Stati Uniti, la cui bellezza avrete già avuto modo di ammirare nei tanti documentari che negli anni gli sono stati dedicati. Qui si possono fare escursioni di vario tipo, tutte all’insegna della natura. Molte avvengono su tipiche barchette di questa zona  e vanno dal bird watching all’avvistamento dei coccodrilli, per nulla difficili da incontrare e animali simbolo della Florida.

  • Key West. Impossibile andare in Florida e non fare un salto a Key West, il punto più a sud degli Stati Uniti che dista appena 90 miglia da Cuba. Key West subisce moltissimo l’influenza afroamericana e centroamericana. Per trovare un bel mare meglio non scendere fino alla punta ma fermarsi prima. Key West è una meta turistica gettonatissima per cui prenotate per tempo l’albergo perché è anche carissima. Non fate come noi che, sperando in un last second della stessa sera, speravamo di risparmiare qualcosa. In ogni caso comperate sempre da siti come Booking ed Expedia perché costa molto meno rispetto alla reception (provato di persona: sono uscita in macchina, ho fatto la transazione e sono rientrata con nonchalance). La strada che arriva qui è famosa per i suoi tramonti, per avere il mare sia a detra che a sinistra e per i suoi ponti che collegano le tante isolette che poi portano alla città di Key West.

punto più a sud della Florida

Noi siamo arrivati a Miami, con un volo comperato ad agosto per il 31 dicembre pagato appena 400 euro per quella che viene considerata altissima stagione. Anche l’estate è un momento bellissimo per visitare queste zone anche se il caldo è più intenso. Quindi cominciate a preparare i bagagli senza dimenticare gli essenziali per un viaggio negli Stati Uniti: l’Esta (la tassa che si paga per entrare nel Paese e che dovete saldare online su questo sito governativo) e l’assicurazione sanitaria.

Bene, ringrazio Silvia per lo spazio e spero di avervi dato qualche dritta risparmio, come una brava Mammarisparmio.

key west

Related Images