25 aprile e 1° maggio: dove andare – i consigli dei Trippando’s & friends

Il 1° maggio (ma, prima, il 25 aprile!) si avvicina. E la voglia di partire per un solo giorno o per un “ponticello” cresce. Ecco qui i consigli dei Trippando’s su dove andare. Se poi avete bisogno di approfondimenti o se avete altre proposte, chiedete, dite, raccontate.. siamo qui per questo!

Ecco la proposta, classica e sempreverde di Gabriella: 1° maggio a Roma

La città eterna è sicuramente è una delle più belle città del mondo. Passeggiare per via dei Fori Imperiali, proseguire per il Circo Massimo fino ad arrivare all’imponente colosseo significa immergersi in secoli di storia. Si rimane sbalorditi di fronte a tanta monumentalità. Ammirare la Fontana di Trevi, Piazza di Spagna, Piazza Navona, Piazza del Popolo e ritornarci una seconda volta per imprimerle bene in mente. Passare un pomeriggio a Villa Borghese visitando l’immenso parco con un risciò, arrivare sul Pincio e fermarsi per ammirare l’incantevole panorama, spostarsi a Trastevere per assaporare la vita godereccia e lenta di Trastevere. Sono queste e tante altre le cose da fare a Roma.

Sara ci propone il Golfo dei Poeti e Le Cinque Terre. Come darle torto? Io ci sono stata per Pasqua… ed il fascino è sempre quello… se non ci siete mai stati, non potete perderverle. Se l’avete già viste mille volte… milleeuno va benissimo!

Ripesco dall’infanzia e dagli anni passati un po’ più recenti idee per i ponti di primavera e penso al Golfo dei Poeti e alle Cinque Terre. Da Lucca, comunque più in generale da tutta la Toscana del Nord, quella è una zona facilmente raggiungibile anche per un giorno solo (tanti i miei lunedì dell’Angelo passati tra Porto Venere e Manarola) e quindi chi sta in zona e può solo fare una gita fuori porta il 25 aprile o il 1 maggio trova in questa parte di Italia meta ideale per passare qualche ora in spensieratezza. Sostate a Lerici e nel suo porticciolo, e poi perdetevi ammirando i luoghi dei poeti come il Castello di San Terenzo e Villa Marigola (visitabile su appuntamento): D. H. Lawrence, Sam Benelli e Percey Shelley hanno amato e abitato queste zone. D’obbligo poi la visita a Porto Venere, patrimonio mondiale dell’UNESCO, la passeggiata fino alla suggestiva Chiesa di San Pietro, a picco sul mare. Lasciate che sia l’istinto a farvi camminare e perdetevi in vicoli e strade, ogni angolo vi darà soddisfazioni ed emozioni. Per chi ha qualche giorno in più a disposizione e ama le escursioni, c’è solo l’imbarazzo della scelta: più che l’inflazionata Via dell’Amore che va da Manarola a Riomaggiore (comunque ancora chiusa in seguito ad alcuni movimenti franosi del terreno), consiglio la Palestra nel verde e il borgo di Campiglia Tramonti, verso l’interno. Da lì è possibile partire per diverse escursioni, alcune delle quali portano proprio alle Cinque Terre.  Vorrei anche sfatare una diceria: spesso si sente dire che questa è una zona di Italia cara e che quindi in tempi di crisi non è coscienzioso consigliarla anche per un giorno solo. Beh, io non sono certo figlia di nababbi, ma se c’è una cosa che i  miei mi hanno insegnato (in generale nella vita, ma in particolar modo viaggiando) è che con una buona organizzazione e un poco di attenzione agli sprechi tutto è possibile. Se mai vi capiterà di visitare queste zone non dimenticatevi che Vernazza e Monterosso al Mare sono state due delle zone maggiormente colpite dall’alluvione del 25 ottobre 2011. Sicuramente riportare il turismo in queste zone dopo l’alluvione è un gesto d’amore nei confronti della nostra terra.

Paola consiglia qualche giorno tra il 25 aprile ed il 1° maggio a San Marino

san marino veduta

Questo “Stato nello Stato” mi ha affascinata da sempre, ed ecco perchè suggerisco una visita durante i ponti di primavera.

La cittadina arroccata sul Monte Titano è suggestiva ed offre molteplici escursioni tra le sue bellezze.

Non perdetevi la passeggiata tra le tre Torri, una più bella dell’altra, attraverso il Passaggio delle Streghe.

Se non sapete dove dormire, il nostro suggerimento è di provare il Centro Vacanze San Marino, che propone sistemazioni in bungalow e che è anche attrezzato per ospitare i camperisti.

Mi raccomando, non perdetevi la meravigliosa vista che si gode salendo in funicolare: oltre ad apprezzare il panorama, eviterete di crucciarvi per trovare un parcheggio nei pressi del centro storico!

castello di san marino

Ernesto ci vuole tutti nella sua Giano dell’Umbria

Dal 25 al 28 di Aprile il Comune di Giano, in collaborazione con la Pro Loco del capoluogo e del Camping “La Pineta”  organizza il XIV Raduno per Camperisti “Sulla strada del Sagrantino”. Il programma prevede degustazioni di prodotti tipici, visita a frantoi e cantine, escursione sui monti, visita guidata a Todi, all’abbazia di San Felice e per quest’anno la MANGIAGIANO, trekking urbano in 3 tappe per le strade del borgo medievale con partenza dal Frantoio Speranza, cena conviviale in piazza municipale ai piedi del castello e delle chiese di San Michele Arcangelo e della Madonna delle Grazie ed approdo fuori mura al complesso monumentale di San Francesco. Se non avete il camper, chiamate comunque…

RADUNO_CAMPERISTI_2013-1 RADUNO_CAMPERISTI_2013-2

Natascia ci consiglia i Colli Euganei

Sulla sommità del Monte Gemola, nei Colli Euganei, in uno scenario spettacolare, si svolgerà dal 23 Aprile al 7 Maggio un evento eno-gastronomico nel quale saranno esposti i vini D.O.C. dei Colli Euganei con la possibilità di degustare non solo vino ma anche i prodotti tradizionali locali. Sarà presente uno stand gastronomico e la possibilità di fare escursioni organizzate dalla Strada del Vino dei Colli Euganei. Per maggiori info: 800510052. In questo suggestivo luogo è sempre possibile fare un pic-nic sul bellissimo e panoramico prato e visitare il Museo Naturalistico di Villa Beatrice D’ Este.

Valentina consiglia la romantica Val Masino

Ci sono stata sempre d’estate, è un posto perfetto per i bimbi, con semplici passeggiate adatte anche per chi non rinuncia al passeggino. Dicono che in primavera i prati siano uno spettacolo bellissimo tutto colorato! Consiglio la località di Filolera, dove c’è il Centro Polifunzionale della Montagna e dove il fiume fa una bellissima insenatura. Un sentiero porta da lì a San Martino, dove ci sono i minibus per la Val di Mello, adatta ai piedi di tutti: dai bimbi agli scalatori esperti.

Lanciamo un tweet per dare la parola anche ai lettori. Ed ecco alcune delle loro proposte:

@LaCasaDeiCarrai ci propone la Maremma ed in particolare Sorano, dove dal 30 aprile al 5 maggio si terrà la Festa di Primavera.

@Crinviaggio ci propone i Colli Euganei… hehe… doppia segnalazione!!

@JessySardella ci offre in 140 caratteri un bel percorso: prima a passeggio nel parco incantato di Bomarzo, poi a fare un giro a Viterbo e infine a cena a Tarquinia.

… e come potevano mancare i miei amici degli Alberghi Tipici Riminesi? Ecco il loro tweet, che propone Rimini, of course, ma anche visite guidate a Santarcangelo, Gradara, San Marino (doppia segnalazione!!), poi parchi divertimenti, benessere, ecc. Non potete non rivolgervi a loro se avete in mente una vacanza a Rimini!

Related posts

6 thoughts on “25 aprile e 1° maggio: dove andare – i consigli dei Trippando’s & friends”

  1. la primavera è la stagione ideale per trascorrere un wek end a Rimini: la spiaggia senza ombrelloni sembra l’oasi di un deserto, i parchi tematici sono la meta ideale per ogni età, l’entroterra regala borghi medioevali e castelli da scoprire, la ruota panoramica mostra una vista mozzafiato della costa riminese, la cucina sforna piatti tipici dai sapori straordinari, i bambini possono correre spensierati sulla riva del mare, la raccolta delle conchiglie non ha mai fine e mentre i piccoli giocano senza pericoli i grandi si rilassano con “vista mare”.
    Serve altro, per organizzare un week end in primavera?

    1. no, non serve proprio altro… messa così, andrei a fare i bagagli… noi siamo fermi un turno per disturbi intestinali del pupetto… con i bimbi c’è da mettere in conto anche i pit-stop. comunque a presto!!

  2. Ed io vi suggerisco, come meta, la zona delle Crete Senesi: si mangia bene (errore, benissimo!) il panorama è da urlo (non per nulla è patrimonio Unesco), arte e cultura a palate, terme di acqua calda benefica quante ne volete, sagre e feste ad ogni cantone…volete altro? Ah, si, ci son tanti agriturismi dove soggiornare!

  3. Serena

    Grazie!
    Il problema nn sono le idee ma il tempo!
    Uffa!.

    1. tempo… e denaro… come ti capisco!!

Leave a Comment

quattordici + 12 =

Fai l\'operazione indicata *