Colori e macchie, un itinerario fra Livorno e Castiglioncello

Ho partecipato qualche giorno fa ad un un blogtour, in occasione degli eventi di #maggiodivino2014, che mi ha condotto lungo la Costa degli Etruschi, nella terra del caciucco, dei supertuscans e dei pittori Macchiaioli e ne sono tornata ubriacata dai colori, dai profumi e dai sapori di questo lembo di Toscana.

Livorno_scorci sul fosso mediceo
Livorno_scorci sul fosso mediceo
Fiori lungo il fosso mediceo
Fiori lungo il fosso mediceo

 Sapete cos’è un blogtour? E’ un modo di promuovere un territorio che, tramite blog di viaggio ed social, incuriosisce e fa venire voglia di visitare i luoghi ed io, spero!, di riuscire nell’intento.

I 4 mori, simbolo di Livorno
I 4 mori, simbolo di Livorno
L'unico punto dal quale si vedono i nasi dei 4 mori
L’unico punto dal quale si vedono i nasi dei 4 mori

 La prima tappa è stata Livorno, la più giovane delle città toscane, fortemente voluta da Francesco de’ Medici come centro commerciale e portuale e conosciuta anche come Occhio del Reame e Chiave del nostro Stato, nomi che lasciano capire quale fosse l’importanza strategica ed economica della città durante il periodo mediceo.

La torre medicea ed il quartiere Venezia
La torre medicea ed il quartiere Venezia
Cantina lungo il fosso mediceo
Cantina lungo il fosso mediceo

 Ho scoperto una Livorno colorata dai gozzi ormeggiati lungo i moli e dai prodotti della terra e del mare esposti nel mercato coperto, definito la “cattedrale del cibo”, che si trasformano nelle gustose ricette locali ma, allo stesso tempo, anche una città colorita dalla forte ironia dei suoi abitanti e dal loro modo di sentirsi “tutti uguali sotto lo stesso cielo”.

Il mercato coperto - il pesce
Il mercato coperto – il pesce
La Gabbrigiana, contadina che vendeva la verdura al mercato
La Gabbrigiana, contadina che vendeva la verdura al mercato

Sicuramente tutto questo è il risultato di quelle leggi livornine, emanate da Ferdinando de’ Medici, che concedevano libertà e privilegi a chiunque fosse venuto ad abitare in città e che permisero, nel 600, la convivenza pacifica di tre differenti luoghi di culto sulla stessa via.

La Fortezza vecchia
La Fortezza vecchia
L'ingresso alla Fortezza medicea
L’ingresso alla Fortezza medicea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il grande cuore di Livorno è racchiuso da un fossato, non chiamatelo canale!, navigabile che permette di circumnavigare tutta la zona storica.

La piccola Venezia a Livorno
La piccola Venezia a Livorno
Lavori lungo il fosso medieceo
Lavori lungo il fosso mediceo

Oggi il fossato mediceo può essere percorso con un battello turistico che vi consiglio se volete scoprire i segreti e la vita animata di una città sul mare; il quartiere Venezia, costruito esattamente come la splendida città dalle maestranze venete chiamate dai Medici, le cantine a pelo d’acqua in cui si entrava direttamente con il battello e i gozzi pronti per il Palio Marinaro che ha origine dall’epoca in cui Livorno era la Città delle Nazioni straniere, un crogiolo di culture e tradizioni diverse.

Il gozzo del Quartiere Venezia
Il gozzo del Quartiere Venezia
Il gozzo del quartiere Pontino
Il gozzo del quartiere Pontino

Se siete da queste parti tra il 25 aprile ed il 4 maggio non mancate di gustarvi il Trofeo Accademia Navale, gara velica pluriclasse nata in occasione del centenario dell’Accademia Navale, fiore all’occhiello della città.

Il castello di Castiglioncello
Il castello di Castiglioncello
La pineta
La pineta

A questo punto potete approfittarne e, da Livorno, scendere lungo la costa fino a Castiglioncello dove avrà luogo, dal 25 al 27 di aprile, il Foodies Festival, kermesse gastronomica della tradizione toscana ma anche con piacevoli incursioni culinarie etniche e moderne sempre interessanti.
Castiglioncello è un piccolo borgo sul mare con una fresca pineta, refrigerio ideale dopo le lunghe ore trascorse sotto il sole, e dominato da un castello ottocentesco, spesso sede di eventi culturali e convegni. Ma qui non sono i colori a colpire, bensì le macchie con le quali è stato rappresentato dai suoi ospiti più illustri, i Macchiaioli che, proprio qui, nella tenuta ereditata da Domenico Martelli, crearono il loro nuovo modo di rappresentazione pittorica, in rottura con la tradizione.

La Maremma dei Macchiaioli
La Maremma dei Macchiaioli

Nel piccolo museo ricavato dalle vecchie scuderie del castello, chiamato la Virgola per la forma della costruzione, è stata ricavata la storia di questi pittori che crearono una vera e propria corrente in cui le opere presentavano situazioni e personaggi reali, dipinti di un territorio che, nel tempo, si è modificato ma che ha lasciato intatto il sapore del buon vivere ed il calore dell’accoglienza.

Mattino sul porto di Livorno
Mattino sul porto di Livorno
Tramonto su Livorno
Tramonto su Livorno

Se volete sapere di più sugli eventi di MaggioDivino2014, potete fare riferimento a questo sito: www.maggiodivino.net

Se siete curiosi di scoprire Livorno dal battello ecco dove cercare tutte le informazioni: www.livornoinbattello.info

Related posts

13 thoughts on “Colori e macchie, un itinerario fra Livorno e Castiglioncello”

Leave a Comment

6 − 3 =

Fai l\'operazione indicata *