Reader Interactions

Comments

  1. Ilaria says

    Palazzo Roverella è una bellissima realtà a Rovigo… Sono anni, ormai, che propone mostre splendide, magari con nomi meno altisonanti rispetto alle grandi mostre dei capoluoghi veneti, ma davvero bellissime… Ha saputo conquistarsi una sua fetta di pubblico e a farsi conoscere come un’istituzione che sa valorizzare il patrimonio artistico. La speranza, ovviamente, è che possa farsi conosecre sempre di più…

    • natascia baron says

      Esatto Ilaria! Palazzo Roverella attira anche e soprattutto turisti stranieri da un pò di tempo. Si dovrebbe però lavorare ancora tantissimo per creare sempre più servizi ai turisti che arrivano, almeno l’indispensabile.

      • Ilaria says

        Si… non può essere un’isola felice ma deve essere inserito in un contesto più ricettivo… Lo stesso Museo dei Grandi Fiumi, secondo me, non è adeguatamente valorizzato, ma a differenza di Palazzo Roverella un po’ se la cerca… Mi pare che stiano perdendo più di qualche occasione che invece potrebbe essere sfruttata molto molto meglio… Le invasioni digitali, ad esempio, mi pare che non abbiano avuto questo grandissimo riscontro… io, ad esempio, neanche sapevo che ne fosse stata organizzata una al museo… Ci vorrebbe, in generale, un po’ meno campanilismo e un po’ più voglia di fare sistema per valorizzare quello che di bello c’è…

      • natascia baron says

        Il Museo dei Grandi Fiumi e Palazzo Roverella hanno la stessa organizzazione dietro, se ne occupa principalmente il CeDi Turismo e Cultura. L’invasione digitale al Museo ho cercato di organizzarla io, ho contattato più volte il Cedi e da loro nessuna risposta, ho contattato l’amministratore comunale che si occupa del Museo e mi ha risposto solo che non è permesso fare foto all’interno del Museo e stop, nessuna possibilità di dialogo… 🙁 allora io sono andata cmq con i miei amici ed avevo esteso l’invito a chiunque volesse tramite facebook (creando un evento pubblico) ed il mio blog.

  2. saramiss83 says

    È tipico della vita di provincia dire che non c’è mai nulla e poi non accorgersi di quanto ci sia di importante proprio dietro l’angolo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + 2 =

Fai l\'operazione indicata *