Fioritura della Lavanda in Toscana: dove vederla e quando andare

Ormai il binomio Provenza – Lavanda sembra scontato: per entrambe le volte che sono andata, ad inizio primavera, mi sono sentita chiedere, al ritorno, come fosse la fioritura della lavanda.

Quando fiorisce la lavanda

No, la lavanda fiorisce all’inizio dell’estate: tra la seconda metà di giugno e la prima di luglio. E non solo nella splendida Provenza, ma pure nelle tante colture di lavanda che si hanno in Italia, compresa la mia bella Toscana, cui è dedicato questo articolo color violetto.

Vedere e fotografare i campi di lavanda in Toscana

Qualche giorno fa ho raccontato del Festival della Lavanda (qui il mio articolo), che si terrà sulle Colline Pisane il 22 e 23 giugno prossimi: ha raccolto un grande entusiasmo, per cui eccomi qui, a portarvi attraverso il magico mondo della lavanda, con indicazioni su dove vedere la fioritura di questa affascinante pianta officinale in Toscana, perché nella mia regione sono sempre di più gli agrcoltori illuminati che convertono una parte dei loro terreni, storicamente dedicati ad altro, alla coltivazione della lavanda, andando a colorare di violetto campi e colline. Un fascino inaspettato e inusuale: spesso si tratta di pochi ettari di terreno, ancora sconosciuti al turismo di massa, quello sempre connesso, con lo smartphone in mano e il cappello di paglia sulla testa, più per moda che per trovar riparo dal sole cocente.

La lavanda è una pianta aromatica da cui si può distillare un olio essenziale dai benefici imponenti, che vanno dall’alleviare il mal di testa, all’azione antisettica, al sollievo dal dolore dovuto alle punture di insetti: per questo le coltivazioni negli ultimi anno stanno aumentando in tutta Italia e anche in Toscana se ne possono trovare diverse: vediamole insieme!

Dove vedere e fotografare la fioritura della lavanda in provincia di Pisa

In provincia di Pisa, sulle Colline Pisane, lungo la la strada Provinciale delle Colline per Santa Luce, si trovano diversi ettari di collina coltivati a lavanda. Tutta agricoltura biologica e biodinamica, grazie al progetto Flora Aromatica Santa Luce, che ha come capofila l’azienda Flora, che da 30 anni produce e commercializza oli essenziali. Proprio a Pieve di Santa Luce si terrà il 22 e 23 giugno prossimi il Festival della Lavanda.

Noi saremo lì a fotografarla anche l’8 giugno, per nostro Blogging Breakfast aromatizzato. Qui ci sono tutte le info. Ci sono ancora dei posti disponibili!

Dove vedere e fotografare la fioritura della lavanda in Maremma

In Maremma le coltivazioni di lavanda sono presenti già da diversi anni e in diversi Comuni.

  • A Gavorrano si trova l’azienda agricola Lavanda di Maremma, che coltiva lavanda biologica e che, ne proprio laboratorio, la converte in prodotti sia per la cura della persona che per la pulizia e profumazione della casa.
  • Anche a Marina di Grosseto, nella pineta del tombolo, è possibile vedere campi di lavanda biologica, coltivata dall’azienda agricola Officinali di Maremma, per distillare oli essenziali, ma anche per produrre il miele di lavanda.
  • A Sorano di trova il Podere Argo, dove Beatrice, dalla grigia Milano, ha trovato il suo angolo di paradiso, colorandolo di violetto grazie alla coltivazione della lavanda. Al Podere Argo è possibile vivere soggiori in agriturismo a tema lavanda.
  • Ma sparsi per la Maremma ci sono altri campi coltivati a lavanda: a Civitella Marittima, per esempio, si trovano alcuni appezzamenti che da metà giugno a metà luglio si tingono di violetto e sono tutto un brulichio di api, farfalle e coccinelle.

Dove vedere e fotografare la fioritura della lavanda nel Chianti

Alle porte di Castellina in Chianti Chianti, al podere Casalvento, il professor Giovanni Domini iniziò, nei primi anni ’60 del secolo scorso, la coltivazione della lavanda e la sua distillazione, per produrre, con l’olio essenziale di lavanda, il profumo a marchio Lavanda del Chianti ed altri prodotti cosmetici.

Dove vedere e fotografare la lavanda in provincia di Lucca

Anche a Massarosa, in provincia di Lucca, alle porte della Versilia, si trova una piccola coltivazione di lavanda: alcuni appezzamenti tutti da fotografare, da cui la lavanda viene raccolta e, per lo più essiccata: alle fiere e ai mercatini locali quello della lavanda di Massarosa è il banchetto più profumato!

Le proprietà curative della lavanda sono tante ed importanti, ma un giro in Toscana per coltivazioni di lavanda vale la pena per gli spendidi panorami, per i profumi e per il reale ritorno alle coltivazioni biologiche e, spesso, biodinamiche, al rispetto dei tempi della natura, ai piccoli insetti e animaletti che brulicano attorno alle spighe violette, perché lavanda non vuol dire solo panorami da fotografare e olio essenziale da estrarre, ma un ecosistema, un microcosmo che nasce e che vive vicino a noi.

Photo credits: Flora per Festival della Lavanda

Related posts

Leave a Comment

5 × 3 =

Fai l\'operazione indicata *