FORZA ISTANBUL! RESISTI!

2524_584176148293534_486881738_n

Quattro giorni fa un gruppo di persone, la maggior parte dei quali non appartengono ad alcuna organizzazione o ideologia specifica si sono riuniti in Gezi Park di Istanbul. Tra di loro vi erano molti studenti. La loro motivazione era semplice: protestare contro l’imminente demolizione del parco per la costruzione un altro centro commerciale nel centro della città. Ci sono numerosi centri commerciali a Istanbul, almeno uno in ogni quartiere! L’abbattimento degli alberi doveva cominciare il giovedì mattina. La gente è andata al parco con coperte, libri e bambini. Hanno messo le loro tende e hanno trascorso la notte sotto gli alberi. La mattina presto, quando le ruspe hanno iniziato a strappare gli alberi vecchi di cento anni dal terreno, i manifestanti si sono alzati contro di loro per interrompere l’operazione.

Non hanno fatto altro che stare in piedi davanti alle ruspe.

Nessun giornale, nessun canale televisivo era lì per segnalare la protesta.

Ma la polizia è arrivata con i veicoli idranti e spray al pepe. Hanno cacciato la folla fuori dal parco.

In serata il numero dei manifestanti si è moltiplicato. E così anche il numero di forze di polizia in tutto il parco. Nel frattempo il governo locale di Istanbul ha chiuso tutte le vie che portano alla piazza Taksim, dove si trova l’Gezi Park. La metropolitana è stata chiusa, i traghetti sono stati annullati, le strade sono state bloccate.

https://www.youtube.com/watch?v=bwZkWnqUSZQ

Eppure, sempre più persone si sono fatte strada fino al centro della città a piedi.

Sono venuti da tutta Istanbul. Sono arrivati ​​da tutti posti diversi, differenti ideologie, religioni diverse. Sono tutti riuniti per impedire la demolizione di qualcosa di più grande del parco:

Il diritto di vivere come cittadini onorati di questo paese.

Si sono riuniti e hanno marciato. La polizia li ha inseguiti con spray al pepe e gas lacrimogeni e ha guidato i carri armati sulle persone. Due giovani sono stati investiti da i panzer e sono stati uccisi. La polizia sparava il gas dritto in mezzo alla folla.

In cima a tutto questo, il controllo del governo sulla vita personale del suo popolo è diventato insopportabile. Lo Stato, sotto la sua molla conservatrice ha passato molte leggi e regolamenti in materia di aborto, parto cesareo, vendita e uso di alcol e anche il colore del rossetto indossati dalle hostess delle compagnie aeree.

Le persone che stanno marciando verso il centro di Istanbul chiedono il loro diritto di vivere liberamente e ricevere giustizia, tutela e rispetto da parte dello Stato. Chiedono di essere coinvolti nei processi decisionali riguardanti la città in cui vivono

8695_10151624484378630_648725202_n971044_621161804561781_1461971231_n

Ciò che hanno ricevuto, invece, è una violenza eccessiva e enormi quantità di gas lacrimogeno sparato dritto in faccia. Tre persone hanno perso i la vista.

Eppure ancora resistono. Centinaia di migliaia si sono uniti a loro. Circa di più mille hanno attraversato il ponte sul Bosforo a piedi per sostenere il popolo di Taksim.

Nessun giornale o canale televisivo era lì a segnalare gli eventi. Erano impegnati con trasmissione di notizie su Miss Turchia e “il gatto più strano del mondo”.

Scuole, ospedali e anche alberghi a 5 stelle intorno a Piazza Taksim hanno aperto le loro porte ai feriti. I medici hanno riempito le aule e camere d’albergo per fornire il primo soccorso. Alcuni agenti di polizia hanno rifiutato di spruzzare persone innocenti con gas lacrimogeni e lasciarli al  loro lavoro. Intorno alla piazza hanno messo disturbatori per impedire la connessione Internet e le reti 3G sono stati bloccati. I residenti e le imprese della zona hanno fornito password e servizio della rete wireless gratuita alle persone per le strade. Ristoranti hanno offerto cibo e acqua gratis.

Le persone di Ankara e Smirne sono riuniti per le strade per sostenere la resistenza di Istanbul.

Qua, tutta una città, qua tutto un popolo resiste coraggiosamente per:

La libertà di espressione e di parola,

Il rispetto dei diritti umani,

Controllo sulle decisioni che prendo riguardo al mio sul mio corpo,

Il diritto di riunirsi legalmente in qualsiasi parte della città senza essere considerato un terrorista.

969089_10151696261453530_437347097_n

Alla luce degli eventi di questo fine settimana, la gente spesso mi chiede se è ancora sicuro venire a Istanbul?

Sì, lo è.

Ovviamente, evitare piazza Taksim e Istiklal Caddesi, per i momento, che è la zona interessata delle proteste, ma non si vedrà nulla se si va a visitare le principali attrazioni di Sultanahmet, la crociera sul Bosforo, lo shopping nei bazar, o esplorare le Isole dei Principi.

Che dire delle navette aeroportuali HAVATAS a Taksim? Beh, gli autobus in attesa presso l’aeroporto sono a contatto con la gente in Taksim. Finché esse operano, è sicuro usarle. Nella peggiore delle ipotesi, possono farvi scendere a poche strade prima.

 Sosteniamo il popolo della Turchia! Istanbul, resisti!
Adriana Duarte

Related posts

25 thoughts on “FORZA ISTANBUL! RESISTI!”

  1. Un bellissimo post! Siamo molto contenti di vedere questa attenzione anche su un blog di viaggi. Condividiamo con estremo piacere il vostro bellissimo post

    1. Avendo un’ inviata che vive e scrive da Istanbul e che promuove la città dove ha scelto di vivere… è il minimo! grazie del supporto. tifiamo tutti per Istanbul!

      1. Grazie mille! Qua si resiste,li supportate! E forza Istanbul!

  2. Dovremmo prendere esempio da queste persone che hanno ben chiaro cosa voglia dire fare rispettare i propri diritti di essere umano!

    1. perfettamente d’accordo con Patti! L’Italia intera dovrebbe prendere esempio!

  3. […] Quattro giorni fa un gruppo di persone, la maggior parte dei quali non appartengono ad alcuna organizzazione o ideologia specifica si sono riuniti in Gezi Park di Istanbul. Tra di loro vi erano mol…  […]

  4. Mi commuove pensare che questa splendida città, le splendide persone che ho avuto modo di incontrare ad Istanbul durante una vacanza a settembre scorso, quelle che per qualsiasi bisogno si sono mostrate super disponibili ad aiutare – anche quando l’ostacolo di 2 lingue diverse sembrava insormontabile – si trovano ad affrontare degli eventi del genere.
    per cosa poi? per degli interessi…
    Io sono vicina a tutte queste persone che non fanno altro che agire per difendere le proprie idee…Spero che le forze internazionali, il governo turco facciano qualcosa per fermare questa ennesima ingiustizia!

    1. io devo ancora andarci… ma mi affascina teribilmente… Istanbul deve resistere…

  5. ultima ora: in questo momento è sospeso il servizio di HAVATAS di navette da e per l’aeroporto. quindi da Ataturk a Taksim meglio prendere un taxi.Per l’aeroporto di Sabiha prendete il traghetto a Kadikoy e prendete la navetta da li,e vice versa.

    1. ps. il servizio solo non funziona alla fermata di Taksim,per il momento.

  6. Bellissimo post! Ci voleva. Sono in partenza per Istanbul e le persone mi stanno chiedendo “Non hai paura?”, “Ma vai lo stesso?”. Certo che ci vado! Ho letto ora che le rivolte si sono spostate ad Ankara, è così?

    1. beh, non è una rivolta, è una resistenza pacifica (da parte della popolazione!pensa che offrono cibo ai poliziotti!!! e al mattino passano dove sono stati a manifestare la sera prima a fare pulizie sulle strade!!tutte le mattine!!!i manifestanti stessi,con le loro mani!). Poi è una resistenza nazionale,quindi dire che si è spostata alla capitale è un errore.Perche in tutto il paese ci sono dimostrazioni.ma quello che succede,come ho detto nel post e poi vi raconto meglio dopo e che sono delimitati a certe aree centrali e assolutamente al di fuori della zona piu storica di Istanbul.Almeno per ora….

      1. Io non mi sento preoccupata, speriamo comunque resti una resistenza pacifica!

  7. Bellissimo post Silvia! A volte, quando ascoltiamo queste notizie al tg, ci sembra tutto così lontano.. ma tu, grazie alla tua inviata, ci hai permesso di guardare più da vicino. Hai sensibilizzato anche noi italiani, che viviamo “sicuri” nelle nostre case e che – francamente – non so se scenderemmo in piazza per lottare come hanno fatto loro. INSTANBUL RESISTI!

  8. Un post che arriva diritto al cuore. Grazie! Condivido con commozione questo bellissimo articolo. Un abbraccio a tutta Istanbul.

    1. grazie!! gli abbracci sono ben accetti!

  9. Grazie, Adry, per questa testimonianza diretta.
    Essere umano, dove sei?
    Non demandare a Dei fantomatici ciò che tu puoi e devi fare…
    Adry, resisti!!!
    Pace e bene…

Leave a Comment

3 × 3 =

Fai l\'operazione indicata *