Gita fuori porta con binocolo: come ritornare bambini

Era tanto che non usavo un binocolo. Anzi, probabilmente era tantissimo. Ricordo di averne usato uno da bambina, in montagna. Uno di quei plasticoni neri goffrati anni ’80, molto pesante e decisamente brutto da vedersi.

Quando mi hanno contattato dalla Svarovski Optik per provarne uno dei loro, ho accettato con entusiasmo. Come chimico specializzato sui materiali plastici, ero davvero molto curiosa di osservare i progressi della scienza in materia. E infatti il nostro (che poi nostro non è, magari!) CL Companion 10 x 30 B è proprio bello: bei colori, bello al tatto, un’ottima presa; davvero un gioiellino.

Ma un binocolo non deve essere bello (beh, se lo è, poco male!): deve essere leggero e funzionale (e questo lo è!) e, soprattutto, deve far vedere, mostrare lontano. Quale momento migliore per testare la visione di un binocolo se non una giornata di foschia in cima ad un colle? Qualche domenica fa abbiamo fatto una “gita fuori porta”: siamo andati a Lari per la Festa delle Bandiere Arancioni. Dire che ce lo siamo conteso è dir poco.

Ovviamente lo gestiva ed amministrava il DottIng, curioso osservatore che è sempre col naso all’insù.

enrico con binocoloQuando osservava qualche particolare, me lo passava per farmi vedere. E mi catapultavo in un’altra realtà, talmente era forte l’impressione di essere in un’altra scena. Sembrava di toccare paesi e prati posti a distanza di chilometri.

silvia con binocoloEravamo così entusiasti coi nostri “Guarda lì, guarda là”, che anche i miei cognati hanno voluto provare.

IMG_8574Penso che le immagini parlino da sole: mentre i nostri bimbi giocavano con i loro palloncini arancioni,

IMG_8562

noi eravamo diventati quattro bambini nel paese dei balocchi.

IMG_8572

Riuscivamo ad individuare molto bene punti di riferimento noti posti ad una decina di chilometri di distanza, in linea d’aria, da dove ci trovavamo. È stata davvero un’esperienza divertente ed interessante.

Appena riusciremo a farci un viaggio (fino all’ultimo non dico gatto, visto l’andazzo dell’ultimo periodo!), porteremo il binocolo anche in trasferta e… mi sa che non riusciremo più a farne a meno!

Related posts

16 thoughts on “Gita fuori porta con binocolo: come ritornare bambini”

  1. […] famiglia Martelli produce pasta dal 1926. La produce in un pittoresco borgo, Lari (bandiera arancione del Touring Club Italiano!), dominato da un castello che ha il suo fascino e il […]

Leave a Comment

cinque × cinque =

Fai l\'operazione indicata *