Reader Interactions

Comments

  1. Agriturismi Umbria says

    In Umbria si mangia davvero molto bene; in Valnerina, all’altezza di Macenano (un piccolo borgo vicino a Ferentillo), c’è una pizzeria che si chiama I 3 Archi dove potete gustare una pizza davvero molto buona oltre alle specialità stagionali che variano dalla coratella alle lumache!

  2. Ernesto de Matteis says

    WOW!!!
    Bello…
    Da nuovo umbro, non posso che dirti grazie, Serena…
    e nome non fu più indovinato: dal tuo racconto traspare la serenità che anch’io cittadino del nord ho trovato nei placidi paesaggi umbri. Che sia la Valnerina, la Tiberina o l’Umbra, il nostro territorio emana magia, sapori e fissa ricordi indelebili a chi ci capita…
    Io ho deciso che dovesse divenire il mio “Buen Retiro”, ma è per tutti un’occasione di ritorno a quella calma che la vita moderna ci ha un pò tolto.
    Grazie, Serena, per questo affresco poetico ma realistico “della terra di mezzo” d’Italia.
    Pace e bene

  3. Jennix says

    E’ proprio vero, se l’Umbria aveva il mare era la regione piu’ bella d’Italia!
    Che mangiate di prosciutto che mi sono fatta!!

  4. DottIng says

    Siamo di fronte a chi l’Umbria l’ha vissuta, e questo dà vivacità e colore a ciò che racconta. Grazie Serena di averci offerto un spaccato della tua vita, le tue parole sanno davvero di cose buone e di persone e luoghi veri e autentici.

  5. marilena nencini says

    Sono contenta di aver trovato questo bell’articolo di Serena sull’Umbria. Mio marito è nato a Orvieto e là sono i suoi ricordi d’infanzia e le sue radici. Quando ci andiamo dopo mezz’ora è come se ci fossi sempre stata anch’io e questo dà l’idea dell’accoglienza che laggiù si vive, semplicemente. Marilena

  6. Osvoni says

    L’articolo mi ha fatto rivedere i paesaggi umbri che ho visitato nella mia vita, bella e appassionata descrizione. Brava Serena

  7. Carlo Tamponi says

    Condivido tutto pienamente: dalla descrizione paesaggistica al ”rosso di Montefalco”, del quale proprio ieri ho preso 2 bottiglie (e che dire del mitico Sagrantino..) Sia in termini eno-gastronomici, sia per tutto il resto, bellezze artistiche e naturali, l’Umbria a mio avviso non ha rivali (fa anche rima)…
    I miei complimenti a Serena

  8. marilena Frosini says

    l’Umbria , il “cuore” dell’Italia e non solo per la sua posizione geografica. Brava Serena, mi hai riacceso la voglia di tornare a visitare i luoghi di vecchi itinerari e di fare nuove escursioni in una terra integra nella sua identità

  9. michela says

    Descrizione perfetta, Serena! Da umbra ti do un 10 e lode … ne hai colto l’essenza, e anche l’animo semplice e un pò ritroso (il caminetto è appunto il cantuccio dove ogni umbro sverna … anche in senso lato!). Ti auguro di trascorrere ancora molte belle giornate in Umbria … e quando venite tu ed Osvi passate a trovarmi a Perugia (vi lascio in serbo un pampepato .. quest’anno li ho fatti in casa per onorare le mie origini ternane).
    p.s. ah! In Umbria non manca solo il mare ma anche delle vie di comunicazione decenti … il che la dice lunga sugli umbri! Ahahah! 😉

  10. Osvaldo Dal Boni says

    E’ stato bello rivivere attraverso questo tuo racconto dei bellissimi momenti vissuti insieme, le scorpacciate di prelibatezze locali, le sane risate, le passeggiate e le escursioni, e anche il freddo inverno….brrrr. W l’Umbria.

  11. Chiara says

    Quando ho letto questo articolo mi sono ricordata di quando vivevo in Umbria, di quando accendevo il caminetto nelle sere d’inverno, quando, anche io, facevo belle scorpacciate di cibo! Molto brava Serena, davvero 🙂

  12. Ire says

    Accidenti io non ci sono mai stata in Umbria ma con queste parole e’ come se l’avessi visitata anche io!Terro a memoria queste preziose informazioni e spero di visitarla al piu presto; complimenti per i veri e profondi sentimenti con qui ha scritto l’articolo.

    • Serena Donati says

      Grazie Francesco… secondo alcune fonti il nome di Narnia (nome della città in latino) era conosciuto da Lewis fin dall’infanzia, infatti nel suo atlante latino era sottolineato il nome della città di Narnia e con delle frecce su alcune zone della conca ternana, ma non é mai stato a Narni.
      Interessante vero? Per me che sono un appassionata della sua letteratura é stata una vera scoperta!
      Un abbraccio grande!

  13. Emanuele says

    Cara Serena, non vivo da molto in Umbria ma giá mi sono reso conto ti quanto questa regione sia magnifica in tutte le sue caratteristiche e questo articolo non è da meno! Brava!

  14. barbara castelli says

    Bellissimo ricordo che condivido pienamente, aggiungendo tutta l’arte che “parla” di questa regione e di tutta la religiosità della quale ne è permeata, grazie a San Francesco e Santa Chiara. Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + sette =

Fai l\'operazione indicata *