Reader Interactions

Comments

  1. Serena says

    E’ un articolo denso di emozioni…..che quasi si toccano con mano! Grazie, Manuela!!! con le tue parole sei riuscita a far vivere il momento della panificazione anche a noi…..momento di condivisione, di profumi, colori ma soprattutto di tanto calore umano che scalda il cuore di una ricchezza che resta per sempre!
    Serena P.

  2. Cinzia says

    Io ci sono stata… E ci andrei altre mille volte… il profumo i luoghi sono coinvolgenti… Un posto da scoprire e da vivere fino in fondo e tutto quello che è scritto nell’articolo rappresenta perfettamente ciò che è.
    CIanzia M.

  3. Fiorello says

    Ottimo articolo, riesce realmente a creare “un’atmosfera”….. Emanuela, sicuramente fai venir voglia di visitare questo “fantastico” borgo…..con tutti gli “annessi e connessi”!!! COMPLIMENTIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII…..e AUGURI x uno SPECIALE 2012!!! ;-)))

  4. kri says

    …..che meraviglia , cosa darei per essere seduta a questo tavolo , Suli ha riconosciuto il sig in primo piano , che nostalgia ……che DIO vi mantenga sempre uniti con le vostre tradizioni W il pane di Messenano

  5. Max says

    E brava la mia poetessa. Ottimo articolo, mi hai fatto sentire il profumo e l’atmosfera del borgo. Hai un futuro come scrittricepanificatrice 😉
    Abbracci a tutti

  6. domenico galli says

    ottimo, e molto professionale cara cuggggina!!! messenano e’ proprio un posto unico nel suo genere, e sono veramente fortunato a far parte di una relta’ ti persone come il nostro gruppo unico!!!! “”uniti sempre supereremo ogni cosa e sapremo apprezzare il vero senodella vta, come pu’ essere la rievocazione del pane.”” un razie a tutti coloro che hanno partecipato e che condividono con noi questi moment.
    i

  7. Mari says

    chi è stato a messenano rivive nel racconto di Emanuela emozioni già note e chi non c’è stato può trovare un motivo in più per recarsi in un luogo che non è solo una tappa in un giro turistico dell’umbria ma è una meta alla scoperta di tradizioni (come per l’appunto la panificazione) e rapporti interpersonali ahimè dimenticati altrove…provare per credere!
    Brava Manu 😉

  8. marco s. says

    ..ma che bell’articolo! dopo averlo letto non so se prevale la voglia di abbuffarsi di pane o di recarsi al borgo di messenano! o meglio ancora, andare a messenano prorpio nel giorno della panificazione! conosco il borgo, conosco anche alcuni personaggi citati….e posso assicurarvi che l’atmosfera che si vive lì è proprio quella rappresentata da Emanuela!!!! a Messenano sembra che il tempo si sia fermato, che i problemi si siano accantonati e che il calore umano invade tutto e tutti! bacizzzz

  9. Francesca says

    Io e la mia famiglia abbiamo scoperto Messenano due anni fa e da quel momento ci è rimasto nel cuore. Ho partecipato alla preparazione del pane una sola volta,ed è stato un momento di riscoperta di quelle che sono abitudini ormai perse. La bellezza di Messenano, secondo me, sta proprio in questo: quando si arriva là sembra di essere tornati indietro nel tempo. In un tempo dove i ritmi erano più calmi, i bambini giocavano spensierati all’ aria aperta e si faceva il pane fatto a casa.
    Complimenti per l’ articolo Manuela!

  10. Joe Hofmann says

    Very much looking forward to Messenano and the baking of traditional bread described here – also to meeting Emanuela in person !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 3 =

Fai l\'operazione indicata *