In Liguria ma non al mare: Dolceacqua

Mi piace pensare a e parlare di Dolceacqua. C’e’ qualcosa di speciale e forte che mi lega a questo paese dell’entroterra Ligure, poco lontano dal confine con la Francia.

E’ un paese arroccato verso la montagna, un paese dal retaggio spiccatamente medioevale, diviso in due dal fiume Nervia. I due bellissimi borghi hanno caratteristiche diverse, ma val bene la pena passeggiare sia da una parte che dall’altra per gustarsi appieno l’atmosfera e la quiete.

bDSC_0354

Dolceacqua fa parte delle località selezionate dal Touring Club Italiano e ha ottenuto la Bandiera Arancione.
Basti pensare che anche Claude Monet, passando da queste parti, dedicò quattro opere al famoso ponte che unisce i due borghi e lo definì “gioiello di leggerezza“.

bDSC_0403

Il ponte medioevale, infatti, costruito “a schiena d’asino” è uno dei simboli principali di Dolceacqua.
Per me non c’è visita a questo paese che non comprenda la traversata sul ponte; e vi assicuro che la salita è piuttosto ripida, ma la vista da lassù è davvero piacevole.

Tra i due borghi, prediligo quello costruito sull’antico nucleo originario, chiamato “Terra” che si srotola alle pendici della collina sulla cui sommità svetta il Castello dei Doria [si può visitare, ingresso a pagamento].
Le strade strette, le case vicine e distanziate dagli archi rendono l’ambiente particolarmente suggestivo. Durante l’estate poi è davvero un piacere godere dell’ombra e del fresco che sale dai carrugi.

bDSC_0368

L’altra parte del paese, che si chiama “Borgo” ed è di formazione ottocentesca, ha anch’essa strade strette e non percorribili con le automobili, ma le case lì sono poco più distanti e danno più respiro. Questa parte è molto più simile ad altri borghi liguri dell’entroterra.

bDSC_0392

Se decidete di fermarvi per una visita a Dolceacqua non potete andarvene senza una bottiglia del famoso vino che viene coltivato solo in questa zona: il Rossese di Dolceacqua, appunto.
Oltre ad abbinarsi molto bene con carni e funghi, è uno dei pochi vini che bene si sposa anche con i carciofi.

 

Related posts

8 thoughts on “In Liguria ma non al mare: Dolceacqua”

  1. Monica

    La terza foto, mi piace un mucchio!!! Sono proprio le foto che mi piacerebbe, venissero anche a me.
    Dolceacqua è un nome bellissimo per un paese!

  2. Dolceacqua è bellissima,ci sono stata di passaggio ma vorrei tornarci!..ma sapete se ci sono degli alloggi del portale BnB Genius in quella zona? Perchè quest’estate mi son trovata molto bene con questo portale e vorrei replicare!..grazie!

  3. […] avervi parlato di Dolceacqua e di Urbisaglia, questa volta vi porto alla scoperta eno-gastro-turistica di una cittadina […]

Leave a Comment

sei + sei =

Fai l\'operazione indicata *