L’ABC del Carnevale della Signora Trippando

Questa degli ABC è ormai una sorta di mania. Ma, comunque, anche un modo divertente per sviscerare un argomento alla A alla Z. Tra poco è Carnevale, quindi… vai con l’ABC del Carnevale!!

ABC del Carnevale

A come Arance. Le famose protagoniste del Carnevale di Ivrea. Quest’anno ci sarà anche un’inviata speciale di Trippando… ma questa è un’altra storia. Mi mette un pò paura-fastidio l’idea di prendere ed essere presa ad aranciate… ma una volta -almeno- nella vita voglio provare quella sensazione. Adesso, però non sono ancora pronta, eh!

B come Battaglia di Coriandoli. Non so a voi, ma dalle mie parti le mamme incitavano sempre i bambini a fare “la battaglia di coriandoli”… mica tanto educativa, eh!

C come Coriandoli. Li ho sempre e di gran lunga preferiti alle stelle filanti. Anche se sono una ammasso vagante di allergeni.  E infatti mi fanno starnutire da matti!

D come Darsena. E’ il rione di Viareggio dove il Carnevale impazza dal venerdì successivo al giovedì grasso fino alla notte del martedì grasso. Divertimento assicurato!

E come Eccesso. Il carnevale è un eccesso. Di cibo (soprattutto dolci). Di musica. Di allegria.

F come Freddo. Mascherati o no, se ne patisce sempre un pò a Carnevale. Ma si patisce volentieri!

G come Grasso. Martedì grasso. Giovedì grasso. Per Carnevale tutto diventa grasso (anche noi!!).

H come Ho voglia di Carnevale. Una voglia inevitabile, a partire dal giorno dopo l’epifania. Altro che tutte le feste le porta via… le fa iniziare!

I come Insolito. A Carnevale chi si maschera cerca sempre qualcosa di insolito. Mai qualcuno che voglia fare l’Arlecchino!

L come Lampadario. Dovessi mascherarmi adesso, da grande. Vorrei mascherarmi da lampadario. Semplice, insolito… carino, no?

M come Musica. E’ bellissima la musica del Carnevale. Quella di Viareggio, poi… strepitosa!

N come Nostalgia. Del Carnevale di quand’ero bambina.

O come Occhio. Occhio a non farsi pestare i piedi da gente i preda alla musica. Occhio a  non finire sotto i carri. Occhio, insomma… le distrazione sono tante!

P come Pioggia. Il principale nemico (sempre in agguato) del Carnevale.

Q come Quando scendi dal carro si va a casa. Il tormentone di quando al Carnevale di Vecchiano mi accompagnava il mio babbo. Lui fermo a parlare e io tutto il pomeriggio sullo stesso carro. Oddio, succedesse adesso, qualcuno chiamerebbe il telefono azzurro!

R come Rumore. Perchè non solo di Musica è fatto il Carnevale…

S come Spray. Le bombolette malefiche e anti-ambiente con cui bambini e anche grandicelli imbrattano la gente. Io odio!

T come Trattori. Quelli che trainano i carri allegorici. Rumorosi e puzzoni. Ma se usassero dei mezzi meno inquinanti non sarebbe meglio?

U come Unico. Davvero unico il mio vestito da Pu-Pazza di neve. Peccato che andassi alle Elementari e che nessuno dei miei amici lo capisse. e poi, che noia doversi muovere con una scopetta cucita sul fianco!

V come Vino. Ai carnevali rionali serali di Viareggio ne scorre a fiumi. Tal quale o sotto forma di sangria. Riscalda e rallegra.

Z come Zucchero filato. Onnipresente al Carnevale, come a tutte le feste e fiere, non mi è mai stato comprato, da bambina, con la scusa che “faceva male ai denti”. Ma fa allegria!! E anticorpi!!

Questo è il Carnevale dalla A alla Z secondo me. E il vostro? Siete tutti invitati a scriverne uno. I co-blogger, ovviamente! E poi: chi ha un blog, può pubblicarlo sul proprio blog, inserendo, se vuole, un link a questo articolo, così, anche noi lo “registreremo”, e aggiungendo, magari, l’immagine creata appositamente da Ernesto De Matteis. Chi non ha un blog, può invece inviare il suo “ABC del Carnevale alla Signora Tippando (silviaceriegi@gmail.com), che provvederà a pubblicarlo su questi schermi.

Non si vince nulla (c’è ancora da “decidere il vincitore dell’ ABC dei viaggi!!), ma ci si diverte!

Per approfondire l’argomento “Carnevale”:

[Carnevale 2013] Tutti i temi e le date del Carnevale in Italia

[Carnevale 2013] Carnaval Brasileiro…

[Carnevale 2013] Vecchiano e il carnevale dei bambini

Related posts

3 thoughts on “L’ABC del Carnevale della Signora Trippando”

  1. Ho capito perché mi mandi a Ivrea! Così le arance ni’capo le piglio ioooo! 😉 E ti anticipo che mi hai rubato pure la zeta! Siam proprio toscane eh!

    1. giuro e spergiuro che il tuo non l’ho letto… sennò mi avrebbe influenzato..

      1. Per non prendere le arance basta mettersi un cappellino rosso od arancio.
        E comunque se le tirano (e di santa ragione…) le varie squadre da terra contro il carro di turno.
        La battaglia delle arance è la sublimazione dello spreco alimentare dell’uomo alla faccia di chi muore di fame…
        Ma tant’è…
        Pece e bene…

Leave a Comment

uno × 3 =

Fai l\'operazione indicata *