Reader Interactions

Comments

  1. Marzia says

    Cara Silvia,
    tu conosci la mia storia e quindi sai bene come la penso. Anni fa feci pure io una scelta “forte” tale e quale la tua. Mai avuto rimpianti.
    Ti auguro successo e fortuna, grinta nei hai e quindi GOGOGO

  2. Giulia says

    Silvia, mi permetto di commentare questo tuo post perché è meraviglioso e pieno di tante verità. Il mondo del lavoro è complicato, ancora di più per noi che, come hai detto tu, ci siamo presto abituate a essere le prime della classe e a non accettare niente di meno. Capisco ogni tua scelta ed è meraviglioso tutto quello che hai fatto, anche perché si percepisce che l’hai fatto per amore: di tuo marito, dei tuoi bimbi e anche per amore della tua persona. E non c’è niente di meglio! Ti auguro tutto il bene (e un bacione alla tua mamma!)

  3. Lucia says

    È una bella lettera, i tuoi figli saranno orgogliosi, non solo per il “coraggio” e la perseveranza che hai avuto, ma anche per l’onestà di ammettere che è un gesto di sano egoismo.

  4. Bimbiuniverse says

    Ciao Silvia ho fatto la stessa scelta qualche anno fa con mille dubbi e mille paure perché al contrario di te non avevo un’attività di blogger così ben avviata, facevo la blogger e qualche altro lavoretto ma ero stufa di alzarmi con il mal di stomaco, di non essere felice e in più di non poter vivere la mi famiglia e le mie bimbe
    Ecco dopo un paio d’anni anche se ho dovuto fare dei sacrifici posso tranquillamente dire che non tornerei più indietro la libertà e la felicità prima di tutto!

  5. Claudia says

    Silvia, in parte conosco il percorso che ti ha portato a questa scelta importantissima e non posso dire altro che: “hai fatto benissimo”! Se sulla felicità possiamo fare ben poco – spesso non dipende solo da noi – sull’essere appagati sian noi i principali attori. E non c’è nulla di peggio, nella vita, che essere insoddisfatti a causa di una burocrazia capace di toglierti energie, voglia di fare, di essere propositiva (ne so qualcosa? Forse sì!). Che oggi sia l’inizio di una nuova storia piena di soddisfazioni, avvincente e un po’ spericolata come sei anche tu! Un abbraccio caro!
    (anche al tu’ marito, che ha saputo capire e comprendere)

  6. Serena says

    Silvia, ho letto questa lettera tutta d’un fiato. I tuoi figli possono essere veramente orgogliosi di te! Come ti scrivevo in un messaggio privato, ci sono ragazze che hanno rinunciato ai loro progetti di vita per i loro figli e tu sei l’esempio che non c’è bisogno di fare questo sacrificio. Si può vivere delle proprie passioni ma bisogna lavorare sodo per raggiungere gli obiettivi prefissati. Festeggio insieme a te questo gran giorno con una bella birra fredda Un forte abbraccio, Serena

  7. Gloria says

    Applausi, applausi e ancora applausi! Sogno anche io di arrivare al tuo punto, anche io ho un blog…ma fino ad allora lo continuerò a fare solo per sentirmi appagata oltre lamia responsabilità genitoriale. Per sentirmi ancora me stessa e avere l’onore di confrontarmi, giorno dopo giorno, con altre donne proprio come te. Ti auguro il meglio.

  8. Isetta faucci says

    Silvia…bravissima.hai seguito prima il cuore col tuo oci…poi con i bimbi…ora finalmente con TE.I migliori nel gregge vengono umiliati perché nn capito, perché l invidia è una bestiaccia…perché…perché…Vivi il tuo sogno.Grande piccola Silvia.Un abbraccio.Ti ammiro.

  9. Serena says

    Ti ringrazio per questa lettera perché mi ha fatto sentire compresa. Ho paura ad avere un secondo figlio perché sono intrappolata in un lavoro che non va..e però ho terribilmente bisogno di realizzarmi anche professionalmente. Mi sento degenere perché mi pare ci sia ancora forte il pensiero che se diventi madre devi essere felice solo per questo, realizzarti solo così. Magari è una sensazione sbagliata non so. La lettera quindi mi dà speranza e sentire meno sbagliata grazie!

  10. Diana says

    Io, invece, il lavoro l’ho lasciato per loro, ma per motivi logistici/economici. Ma sono pienamente d’accordo con te quando dici che la massima realizzazione non è (solo) la famiglia. Spero che il tuo esempio sia da sprono, per me, nel continuare sulla strada del blogging

  11. Marco says

    Ciao,
    la tua lettera mi ha dato molta carica, perchè lavoro nel settore da 15 anni, ho scritto tanti articoli e curo un blog .
    E volevo farti una domanda pratica. Ma come ci guadagni? Per guadagnare con un blog ci vogliono numeri enormi….
    Se è una passione ok, ma lavoro è una parola rossa.
    Scusa, non fraintendere, ti provoco volontariamente, perchè conosco benissimo questo mondo e ti faccio il mio più grane in bocca al lupo.

    • trippando says

      Marco, nessuna provocazione. Vivo di post sponsorizzati, di affiliazioni, di banner, di corsi che organizzo per blogger, sia online che offline. Ci si fa. Per lo meno, si riesce ad avere un’entrata simile allo stipendio di un dipendente comunale com’ero io!

  12. NATALINO says

    Complimenti, donna, mamma, moglie coraggio…. faccio i miei auguri speciali che tu possa gustare ogni giorno e per una lunghissima vita ogni felicità e gioia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 2 =

Fai l\'operazione indicata *