Mare in Sicilia: Scala dei Turchi

Se avete in mente una vacanza esotica non c’è bisogno di andare ai Caraibi, è sufficiente prenotare un volo per la Sicilia e andare alla scoperta di uno dei posti più incantevoli che la natura ci ha regalato. La Sicilia è uno scrigno ricco di tesori e di bellezze naturali oltre ad essere una meta valida tutto l’anno per via del suo clima mite. Immaginatevi una scogliera bianchissima che si erge a picco sul mare. Aprite gli occhi e ammirate il contrasto tra il blu del mare e il bianco della pietra. Credo che non esista nulla di più sensazionale. Scala dei Turchi è veramente un posto unico ed esiste davvero. Si trova a Realmonte a pochi chilometri dalla stupenda Valle dei Templi di Agrigento. Siete curiosi di sapere cos’è che rende così bianca la scogliera? Vi dico subito che non è argilla, come molti pensano, ma si tratta di marna, una roccia sedimentaria calcarea e argillosa. Ma sveliamo una curiosità sul nome. Scala dei Turchi è chiamata così per due motivi. In primis perchè assomiglia ad una scalinata e in secondo luogo perchè in passato i pirati saraceni e quindi i turchi trovarono rifugio in questa zona e utilizzarono la scalinata naturale per raggiungere e depredare i paesi vicini. Circola in giro un’altra storia, quella di “u zitu e a zita” (in dialetto siciliano: il fidanzato e la fidanzata), su due ragazzi innamorati ma ostacolati, che giurandosi amore eterno si lanciarono nel vuoto e si trasformarono nei due scogli che affiorano nel mare di fronte.

Ammirando questo splendore non si può non rimanere affascinati. Si nota il passaggio lento ma allo stesso tempo incessante del vento e del mare che hanno scolpito e modellato la parete rocciosa. Per accedervi bisogna procedere per delle scalette naturali che dalla strada scendono giù fino alla spiaggia. Vi avviso subito che bisogna fare un lungo cammino ma la vostra fatica sarà largamente ricompensata.

Dopo essere scesi in spiaggia si può percorrere la scogliera in lungo e in largo, sdraiarsi per prendere il sole e magari dopo un pò lanciarsi direttamente in acqua. Se si hanno dei bambini si può approfittare della spiaggia di sabbia finissima ai piedi della falesia per farli giocare. L’ acqua è cristallina e in riva è molto bassa, ideale se si vuole entrare gradualmente in acqua. Potrete passare una giornata intera senza accorgervene e magari godervi anche il tramonto.

Come arrivare: Una volta atterrati in uno degli aeroporti della Sicilia (Catania, Palermo, Trapani) vi consiglio di noleggiare un’auto e una volta arrivati parcheggiare gratuitamente sul ciglio della strada che sovrasta la Scala dei Turchi o in uno dei parcheggi a pagamento. Se vi trovate a Realmonte sappiate che una navetta del comune vi porterà direttamente alla spiaggia oppure si può decidere tranquillamente di fare a piedi il percorso impiegando circa 35 minuti.

Suggerimenti: Questo percorso forse non è adatto a tutti soprattutto a chi ha bambini piccoli o a chi soffre di vertigini.

E’ da tenere presente che la segnaletica è un pò carente e quindi potreste avere delle difficoltà a trovare il posto.

Related posts

13 thoughts on “Mare in Sicilia: Scala dei Turchi”

  1. antonella martiniello

    Amo la Sicilia ci vengo ogni anno mi ci trovo benissimo, in questo posto non ci sono mai stata ma quest’ anno non me lo perdero’ ottimo post bello ed interessante.

    1. gabriella

      Grazie Antonella! Se vai non dimenticarti di fare un giretto nella valle dei Templi e di gustarti una bella brioche di gelato dalla famosa gelateria Le Cuspidi, un’istituzione da queste parti!

  2. Io vivo ormai da quasi 7 anni in Sicilia, ma continuo a stupirmi di quanti posti davvero meravigliosi ci siano!

    1. gabriella

      Ciao Mariapaola! Da siciiana devo dirti che anch’io non conosco tutto, la Sicilia è grande e ci sono tanti posti magnifici da vedere. Direi che hai fatto un’ottima scelta, in quali altre regioni trovi dei posti così meravigliosi e un clima così bello?!

  3. Che meraviglia, ti ha segnalato Tiziana nel gruppo consigli di viaggio

  4. Ah! Girgenti!!!
    La Valle dei Templi è uno dei miei luoghi del cuore, e io consiglio sempre a chi vuole spiaggie fini e bianche libere di farci una capatina, che non è di solo mare che si vive!!!
    E nei paraggi della città una delle innumerevoli meraviglie è proprio la Scala dei Turchi, da fare su e giù rigorosamente a piedi coprendosi molto bene sennò rischiate di gonfiarvi come un pallone come è successo a me: i 43°C di luglio non permettono di vestirsi leggeri…
    Grazie Gabriella per avermi fatto ricordare bei giorni di 13 anni fa…
    Pace e bene…

  5. gabriella

    Davvero Ernesto? Dai, mi fa piacere. Cmq mi trovi d’accordo, anch’io non sono proprio una fanatica del mare, una mattinata basta e avanza; una giornata al mare è pura follia;-) beh direi che oltre a tutto ciò una capatina la si fa anche per la gastronomia sicula. Qui il dolce è davvero dolce e non si scherza. Tra arancini, cannoli, cassatine non ci facciamo mancare nulla!

    1. Il latte di mandorla in spiaggia a San Leone era divino…

  6. Che luogo incantevole! Pensare che non sono ancora andata in Sicilia pur essendo meridionale mi fa venire rabbia!
    Complimenti per le foto

    1. gabriella

      Fai sempre in tempo Manuela! A volte ci dimentichiamo dei posti meravigliosi vicino a noi. Sono contenta di averti un po’ invogliato con le mie foto.

  7. […] della Congregazione Olandese Alemanna a Livorno, al Parco del Castello di Miramare di Trieste, o a Scala dei Turchi ad Agrigento, all’Arco Bollani a Udine, al Castello della Colombaia a Trapani o al Lago Azzurro a Sondrio, […]

Leave a Comment

5 × cinque =

Fai l\'operazione indicata *