Montegabbione, Umbria: alla scoperta dell’Ecomuseo del Paesaggio Orvietano

Sapete cos’è un Ecomuseo? E’ un museo diffuso: un intero territorio, che a volte può riunire anche vari Comuni e, come dice Wiki, è caratterizzato da ambienti di vita tradizionali, patrimonio naturalistico e storico-artistico particolarmente rilevanti e degni di tutela, restauro e valorizzazione.

Ce ne ha parlato due weekend fa Anna Meo, la titolare di Hiddensopots’Tour che, finalmente, abbiamo incontrato di persona nella sua Perugia. La sua agenzia propone a turisti di tutto il mondo pacchetti di pregio per andare, da soli o in gruppo, alla scoperta dell’Umbria e del sud della Toscana.

L’ultima “creazione” di Anna mi ha entusiasmato (e mi sa che ci vedrà presenti, maledette ferie permettendo!). E’una tre giorni (dal 27 al 29 dicembre) alla scoperta del territorio di Montegabbione e dell’Ecomuseo del Paesaggio Orvietano, “uno scrigno che racchiude i tesori di un territorio”.

Perchè proprio in queste date, tra il Natale e il Capodanno? Giusto in quei tre giorni ci sarà l’inaugurazione ufficiale, nel Comune di Montegabbione (seguiranno quelle negli altri comuni toccati dall’Ecomuseo) dell’Ecomuseo, con spettacoli teatrali, concerti jazz e degustazioni gratuite.

Per l’occasione, tesori seminascosti saranno mostrati al grande pubblico, grazie alla realizzazione di un vero e proprio villaggio dell’Ecomuseo. L’iniziativa si svolgerà all’interno del castello di Montegiove, con esposizioni agroalimentari e delle produzioni artigianali, come il ferro battuto e i giocattoli in legno, attività folkloristiche, musica della banda comunale e canti tradizionali.

Il pacchetto di Anna prevede, il 27 dicembre, una giornata dedicata alla conoscenza dell’ Ecomuseo come strumento di valorizzazione del territorio. Dopo l’accoglienza in una delle strutture convenzionate, ci sarà la visita al paese di Montegabbione, con degustazione dei prodotti locali presso il Castello di Montegiove e visita della cantina. Seguirà la visita a tutti gli stand di prodotti locali e laboratori di artigianato, il concerto della Cantante Pilar, accompagnata da Federico Ferrandina alla chitarra e Alessandro Belli al contrabbasso.

Il 28 Dicembre al mattino ci sarà la visita guidata della “Scarzuola”, una costruzione surreale, progettata da Tomaso Buzzi, architetto, artista e uomo di cultura tra i più importanti del ‘900. La Scarzuola sorge a Montegiove, nel Comune di Montegabbione ed è stata costruita sulle sulle fondamenta di un convento del ‘200 (si dice che San Francesco abbia dormito qui su un giaciglio di scarz, da cui il nome Scarzuola) e rappresenta una città ideale, che traccia un percorso simbolico neo illuminista riferito a conoscenze esoteriche ed intuizioni di Buzzi. Nel pomeriggio il tour prosegue con la visita di Parrano, antico borgo medievale circondato da boschi, e del Parco Termale “Bagno del Diavolo”.

29 Dicembre sarà dedicato alla visita guidata di Orvieto, che di certo non ha bisogno di presentazioni.

Sarà possibile scegliere dove pernottare tra:
Agriturismo il Gatto GialloAgriturismo Resort il Colombaio o Casa Rondini.
Per informazioni, richieste e prenotazioni, potete contattare Anna Meo. Ditele che vi manda la Signora Trippando! Avrete un piccolo sconto!

Mail: info@hiddenspotstour.it

Tel+390755732038 Mobile +39 3318080800

 

Related posts

3 thoughts on “Montegabbione, Umbria: alla scoperta dell’Ecomuseo del Paesaggio Orvietano”

  1. Ah! si che ci andrei, e di corsa, a vedere Montegiove e Montegabbione…
    E’ la terra dei visionari, infatti vi si narra che una volta quel territorio fosse pieno di papaveri e canapa, sicchè…
    Sarebbe bello andarci, vedremo come butta la vita.
    Grazie Misses Trippando.
    Pax et bonum…

  2. […] alla Scarzuola (non sapete cos’è la Scarzuola? occorre riparare, correte a leggere questo […]

  3. […] attorno, a pochi chilometri trovate il Lago di Bolsena, Civita di Bagnoregio, Montefiascone, Montegabbione e tanto tanto altro ancora , a fare una lista di tutto quello che potete vedere sicuramente non si […]

Leave a Comment

venti − undici =

Fai l\'operazione indicata *