Nei borghi della Maremma. A Montorsaio, il Paese dei Presepi

Montorsaio è uno di quei piccoli borghi toscani che, attraversando la Maremma, si vedono arroccati su una collina, con il campanile o l’antica torre del castello che svettano tra i tetti delle case sottostanti, e che fanno venire subito voglia di fare una deviazione, salire su per la strada tortuosa, parcheggiare e passeggiare fra le stradine silenziose, ove si affacciano pesanti portoni di legno e balconcini fioriti.

20150104_155327IMG_3545

Piccoli paesi dove ci si conosce tutti e si sorride ancora al forestiero che, arrivando qui, si domanda come si faccia a vivere nel silenzio rotto solo dai rumori della natura e nel divertimento fatto dal cicaleccio delle donnine a sedere fuori la porta di casa.

IMG_3538 IMG_3558

I piccoli borghi dell’entroterra maremmano sono tutti così; affondano le radici in un passato ricco di storia, di avvenimenti e di leggende e respirano un presente che scorre placido e tranquillo rotto, ogni tanto, da qualche manifestazione o avvenimento che fa salire precipitosamente la presenza umana fra i vicoli.

Uno dei periodi in cui Montorsaio diventa chiassoso è proprio il periodo natalizio perché il piccolo borgo, situato nel comune di Campagnatico, è conosciuto come il “Paese dei presepi”.

IMG_3536 IMG_3537

Qui le rappresentazioni della natività non sono racchiuse nelle case ma arredano il paese, si modellano sui davanzali delle finestre, si adagiano su una panchina nella piccola piazza, nascono improvvise sui gradini di marmo oppure appaiono dietro un angolo.

Piccole e grandi creazioni che sfruttano la semplicità e la creatività della gente del borgo; dalle statuine classiche, alle bambole, fino ai manichini che, posti in diversi punti del piccolo centro, indicano la via, anzi, le vie che portano ai tanti Bambini Gesù.

IMG_3540 IMG_3561

Le rappresentazioni sono così numerose che, ripassando per una strada, ci si accorge che qualcuna era sfuggita agli occhi, ormai saturi, di pastori, pecorelle e Re Magi.

IMG_3556 IMG_3555

Ogni tanto, accanto ad un ingresso, appare un cartello con la scritta “Presepe”, come se quelli per strada fossero solo un’anticipazione di ciò che si può trovare all’interno e, in effetti, collocati in cantine, androni di palazzo e chiese, si trovano quei presepi fantastici e fantasiosi che fanno rimanere i bambini, e non solo, incantati per ore a guardarli.

Scenari di fantasia ma anche riproduzioni vecchie dei borghi, scorci di abitazioni che lasciano scorgere la mamma che allatta il bambino e la donna che prepara la polenta, girando continuamente il mestolo nel paiolo, si, perché il fascino di queste rappresentazioni è anche nel movimento riprodotto; il braccio del maniscalco che ferra l’asino che, a sua volta, abbassa ed alza la testa, le mani della vecchia che cardano la lana e del fabbro che batte sull’incudine. Sono tutti movimenti che riportano ad un passato di tradizioni che, probabilmente, non hanno nulla a che vedere con la Betlemme di più di 2000 ani fa, ma riportano agli occhi e alla mente stili di vita e storie altrimenti perse nel dimenticatoio della nostra memoria.

IMG_3548 IMG_3553

E questo deve essere stato l’intento dello scultore Marco di Don Zeno se, nel grande presepe di terracotta riprodotto nella piazza del paese, fa rivivere, accanto a quelle tradizionali, statue di popolani intenti alle attività classiche della Maremma di un tempo e, in parte, ancora di oggi.

I presepi di Montorsaio vivono, ogni anno, per tutto il periodo natalizio fino al 6 gennaio, corredati da concerti e mercatini di manufatture locali che permettono, economicamente, di far sopravvivere questa tradizione che risale al 1985.

20150104_155756

Per arrivare a Montorsaio, proveniendo sia da nord che da sud, E78 Grosseto-Fano, tratto S.S 223 di Paganico, con uscita Montorsaio.

Alla prossima.

Related posts

7 thoughts on “Nei borghi della Maremma. A Montorsaio, il Paese dei Presepi”

  1. Montorsaio è famosa anche per la sagra delle castagne ogni anno ad Ottobre, val la pena partecipare è molto caratteristica.

Leave a Comment

7 − 1 =

Fai l\'operazione indicata *