#ècanavese: emozioni dal versante piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso

Il versante piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso ha un’identità diversa dalle altre mete delle Alpi, ma altrettanto affascinante. Non ha strutture ricettive con le spa, come quelle che adesso tutti cercano principalmente in Trentino o in Valle D’Aosta, ma ha una sua preziosa caratterizzazione, ben più naturalistica.

Lago Serru e Agnel

È zona frequentata in prevalenza da stranieri – appunto, la maggior parte di noi italiani predilige il pacchetto “hotel più spa” – o da coloro che fanno la GTA (Grande Traversata delle Alpi) o da chi è amante del geoturismo. Il turista della domenica, l’italiano medio, sfrutta queste zone in modo per lo più anomalo (se non addirittura discutibile): coperta di pile in riva al lago, cestino della merenda, caffè nel thermos e rifiuti lasciati spesso in maniera incondizionata. Senza nemmeno accorgersi della maestosità di ciò che lo circonda. Senza averne neanche molto rispetto.

lago

È zona da scoprire per quello che realmente è… non è da considerarsi minore, o meno pregiata, ci sono numerose attività da svolgere a contatto con Madre Natura (alcune le trovate qui, divise per mese). Sotto gli occhi attenti e vigili di guide ambientali preparate e professionali. Con noi per i primi due giorni è stata Alessandra Masino, guida escursionistica ambientale; guida del Parco Nazionale del Gran Paradiso, di Torino e provincia, insegnante di Nordic Walking. Ma soprattutto donna tenace, amante delle sue montagne e capace di trasmettere quell’amore anche a chi arriva dalla pianura. Con lei abbiamo avvistato le marmotte e siamo saliti fino al colle del Nivolet, senza dimenticarci mai di fare la conoscenza di chi quelle montagne le vive quotidianamente, in primis la famiglia che gestisce il Rifugio Savoy e poi Piero, l’indimenticabile margaro. Le più belle testimonianze arrivano proprio da loro…

Pero il margaro

Chissà perché ho sempre pensato che non sarei stata in grado di salir su, in realtà non è nemmeno così faticoso, le Apuane, per esempio, sono molto più ripide e con sentieri meno battuti, molto più boschivi, meno “aperti”.

100_1543

Impossibile dimenticare la varietà di fiori trovati lungo il cammino, siamo stati fortunati; quest’anno la neve si è sciolta tardi e il verde ha durato di più…

fiori 1

piumini

IMG00305-20130824-1137

È vero, arrivati a Ceresole Reale si ha come l’impressione che il tempo si sia fermato davvero a 40 anni fa, un inconfondibile silenzio la fa da padrone, in lontananza lo scampanellio delle mucche; l’aria più frizzante, ma senz’altro più pura rispetto alla città… rigenerarsi si può, anche senza spa…

IMG00307-20130824-1140

 

Related posts

15 thoughts on “#ècanavese: emozioni dal versante piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso”

  1. Grazie, Sara…
    Rivedere dopo 5 anni le mie montagne è stato un tuffo al cuore…
    Io ero uno di quei fruitori della domenica di cui parli, ma ti posso assicurare che NOI (ed ora torno a fare il piemontese…) la nostra montagna la Amiamo eccome: una volta ho sgridato una famiglia che mangiava e scaricava in terra i resti del loro pic-nic… (il mondo è pieno di ignoranti, purtroppo…).
    Io di solito lasciavo l’auto a Ceresole per prendere la navetta per farci lasciare lungo il Nivolet e poi… e poi si camminava, si dava da mangiare ai pesci, ci si prendeva la neve ad agosto…
    Se volete trovare una delle tante parti di Ernesto sparse su questo pianeta, il Nivolet sicuramente ne custodisce una…
    Pax et bonum…

  2. Monica

    Io invece conosco bene il parco… dalla parte opposta, mai visto dalla parte di Ceresole! Ma queste montagne … belle da tutti i lati!

Leave a Comment

diciassette − 7 =

Fai l\'operazione indicata *