Pranzo di Famiglia: i Trippando's a tavola

Ho conosciuto Cinzia (@laciccina per i tweet-amici) al #Pisablog12. Lo confesso, non conoscevo il suo blog Pranzo di Famiglia prima di allora. La cosa mi è parecchio dispiaciuta, perchè lei invece seguiva già Trippando. Subito dopo il blogtour, però, ho fatto i "compiti a casa" ed ho scoperto un blog multigenerazionale (è scritto a quattro mani con la mamma e le nonne supervisionano il tutto), che fa ridere (con noi toscani, va messo in conto!) ed imparare (le loro ricette sono facili e pure ipocaloriche).

Ma veniamo a noi: per festeggiare il secondo blog-compleanno, le cuoche di Pranzo di Famiglia hanno organizzato un concorso: La Famiglia in Cucina. Con ricchi premi e cotillons. La cosa mi ha fatto estremo piacere: sono una competitiva e, oltre ad organizzarli, i concorsi mi piace anche farli. Ovviamente con spirito olimpico: l'importante è partecipare.

Cinzia e la sua mamma chiedono ai loro lettori di raccontare il proprio "pranzo di famiglia". Chi legge Trippando con regolarità già è al corrente delle chiacchiere che io ed il consorte facciamo a tavola (si parla di Trippando, of course!); ma nessuno sa cosa si mangia. Bene: siamo entrambi due provetti cuochi. Per ragioni di tempo, dal lunedì al venerdì sono io quella che decide, organizza e prepara la cena. Ma il sabato e la domenica, quando non siamo ospiti delle trip-nonne, ci dilettiamo insieme e, in particolare quando siamo di ritorno da una vacanza, ci piace riprodurre i cibi mangiati in giro per il mondo. Li prepariamo insieme, possibilmente utilizzando qualche ingrediente comprato sul posto.

Di ritorno dalla Sardegna, tutti i sabati andavamo a comprare le vongole (o lupini, in alcune parti d'Italia si dice così) e ci facevamo "Cocciula e Fregola": ovvero pasta di semola (la fregola, ne avevamo portato in continente una mezza valigia!) e vongole. Strepitosa!

Per tutto il mese di luglio, invece, siamo andati avanti a suon di smorrebrod, la versione danese dei nostri panini. La traduzione vuol dire "pane imburrato"; in realtà si tratta di una fetta di pane nero ricoperta di ogni-ben-di-Dio. Ce ne siamo innamorati a Copenaghen: bellissimi e buonissimi. Ed abbiamo cercato di riprodurre a casa delle versioni italianizzate. Nonostante, anche lì, avessimo comprato ben 3 chili di brod (pane nerissimo in cassetta) da portare a casa, non siamo mai riusciti a raggiungere "quei" sapori. Forse perchè la distanza tra la cucina italiana e quella danese è notevole. Forse perchè io ho sempre la mente alle diete (che poi non faccio), o magari perchè sul piano delle salse i danesi sono inarrivabili.

Adesso, in piena fase vacanziera, abbiamo scoperto la "Piccantina di Romagna", gradito souvenir del BlogTour #riminitipica. Per  insaporire le insalate di pasta è eccellente. Sarà perchè non l'abbiamo assaggiata a Verucchio, alla bottega "Il bello e il buono da Verucchio", dove invece abbiamo assaporato degli infusi digestivi strepitosi, ma è davvero eccellente anche a casa nostra!

Cara @ciccina, noi riusciamo mai a riprodurre il piatto come l'abbiamo assaggiato, ma ci proviamo. Ogni volta facciamo una modifica. Ma concludiamo sempre con un "Là era più buono... forse era l'aria!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *