Quattro buoni motivi per aprire un blog e ricavarne soddisfazioni

Tempo fa scrivevo i dieci motivi, assolutamente provatori ma decisamente veritieri, per non aprire un blog. Potete leggere l’articolo qui. Oggi mi appresto ad iniziare a scrivere un nuovo libro sul mondo del blogging, che spero di poter affiancare presto a Pillole di Blogging. Scrivo della mia passione che poi è diventato anche il mio lavoro. Perché sì, per vivere di blogging non ci vuole fortuna, come tanti dicono, bensì determinazione, competenze che si accrescono ogni giorno studiando e disciplina. Perché il blog ti vuole lì sul pezzo, se vuoi emergere. Come scrivevo qualche settimana fa, il (mio) blog è come un gatto: più lo curi, più ti cura. E ti regala soddisfazioni.

Ma veniamo ai motivi che possono portare una persona ad aprire un blog e a regalar lei soddisfazioni, perché un blog non si apre così per fare, ma si apre per ricavarne soddisfazioni. Altrimenti si terrebbe un diario segreto, giusto?

Sono quattro, secondo me, le ragioni principali che spingono le persone ad aprire un blog:

1. Per promuovere la propria attività

Chi ha un’attività imprenditoriale, piccola o grande che sia, deve aprire un blog di supporto al sito istituzionale: il blog mantenuto attivo e con contenuti interessanti permette al sito di vivere di rendita, ovvero di essere reperito sui motori di ricerca senza particolari magheggi. È il blog che spinge tutto nelle prime posizioni, se ben scritto, ben strutturato, se i temi del blog sono quelli di interesse del sito. Vale la pena dedicare un dipendente dell’azienda a questo. Credetemi!

2. Per accrescere la propria brand reputation

Per un professionista che costituisce, da solo, un brand, un blog ben scritto, con contenuti incentrati sulle sue competenze, è trampolino di lancio perfetto per emergere di giorno in giorno, per mostrare la propria autorità e autorevolezza sui temi trattati. Un blog è sicuramente un bell’impegno in termini di tempo, ma dà i suoi frutti!

blogging pro maggio 2019

3. Per monetizzarlo

Ovvero per fare del proprio blog il proprio lavoro, come ho fatto io. Ci vogliono determinazione, disciplina, studio e tante, tante ore passate sul computer a creare contenuti. Ma chi tiene duro ed ha queste doti riesce ad emergere e ad attrarre aziende che vogliono collaborare. E una collaborazione tira l’altra. Non è una strada facile, né immediata, ma con metodo i risultati si raggiungono. Ci vuole anche un pizzico di originalità, di fantasia, quasi di follia: vedo intorno blogger che si piangono addosso perché non riescono a monetizzare il loro blog come vorrebbero, nonostante la qualità, a volte discutibile. Aggiungo che un blog deve avere anche un bell’appeal, oltre a dei contenuti di valore. E un blogger deve essere creativo, inventare, giocare, a volte. La tristezza e la banalità non fanno parte di questo mestiere, ma tanti non se ne accorgono!

4. Per hobby, per sentirsi bene

Scrivere è, sicuramente, una maniera per liberare la mente dai pensieri poco piacevoli. Posso dire che il blog mi ha salvato due volte dalla depressione post partum e sì, il blog è una panacea per sentirsi bene. Per me avere il blog da curare voleva dire ritagliarmi un’oretta tutti i giorni, anche quando i bimbi erano piccolissimi. Voleva dire, per quell’oretta, essere Silvia e non essere mamma. Perché i figli piccolissimi ti prendono l’anima, ma tendono ad annientarti. Invece il blog fa isolare da tutto e da tutti: un’ora nella bolla-blog, un’ora lontano dal mondo, eppur con tutti intorno e si può riprendere il trantran svuotate dallo stress. Svuotate, non svuotati, perché al di là del post partum, tra chi scrive per svagarsi, la stragrande maggioranza è femmina.

Curare un blog è bellissimo: è il proprio angolo, il proprio tesoro, è più di un gatto e anche più di un figlio, perché gatti e figli fanno la loro vita. Il blog dipende solo da te. E che nessuno ascolti i falsi amici che dicono <<io scriverei qui, io scriverei lì>>. Che ognuno scriva cosa vuole, al di là, anche, degli obiettivi che vuol raggiungere. Un blog è un momento tutto per sé, un blog è un tesoro!

Se hai bisogno di un supporto, sono a disposizione per consulenze personalizzate.

Se vuoi migliorare il tuo fare blogging, segui le date dei miei prossimi corsi in aula ed iscriviti subito al super corso online Check the Blog!

Se vuoi conoscere altri blogger, fare rete, imparare e divertirti, tieni d’occhio le date dei Blogging Breakfast mensili.

Related posts

1 thought on “Quattro buoni motivi per aprire un blog e ricavarne soddisfazioni”

  1. Ciao Silvia, articolo interessante. Hai pienamente ragione nel dire che un blog va curato e speriamo possa diventare anche per noi il nostro lavoro.

    Blery&Ily
    https://thesprintsisters.com

Leave a Comment

2 × 5 =

Fai l\'operazione indicata *