Una settimana in Alsazia: cosa vedere, come organizzare la visita e un itinerario tra i villaggi più belli

Vigneti a perdita d’occhio, paesi da fiaba, case a graticcio, insegne in ferro battuto, cicogne, profusione di fiori, colline e castelli arroccati. Questo ed altro è quello che ci si può aspettare da una settimana in Alsazia. Questa piccola regione, a lungo contesa tra Francia e Germania, è facilmente raggiungibile in auto. Oggi vi racconto il mio itinerario on the road in Alsazia. Partendo da Padova la mattina presto abbiamo impiegato circa 7 ore e mezza di auto passando per la Svizzera. Arrivati alla dogana di Chiasso compriamo la vignetta per attraversare le strade elvetiche. Transitiamo sotto il tunnel di San Gottardo, arrivando nei pressi di Basilea e Friburgo. Il paesaggio è molto bello, caratterizzato da piccole montagne e una manciata di casette.

1° giorno in Alsazia: il Parco del Piccolo Principe e Eguisheim

Arriviamo in Alsazia nel primo pomeriggio e la nostra prima tappa è Ungersheim dove visitiamo il Parco del Piccolo Principe. La visita del parco richiede almeno 4 ore ma sono talmente tante le attrazioni e gli spettacoli che si può passare benissimo una giornata senza annoiarsi. Intorno alle 7 di sera arriviamo ad Eguisheim, uno dei più bei villaggi d’Alsazia, dove ci fermeremo per tre notti.

CIMG0693

2° giorno in Alsazia: Eguisheim, Kaysersberg e Riquelwihr

Eguisheim è un piccolo e incantevole villaggio che si visita facilmente in una mattinata ma si rivela un’ottima base per visitare i pittoreschi paesini nei dintorni. L’atmosfera fiabesca, le casette tutte squisitamente curate, il silenzio quasi surreale, i fiori sui balconi delle case fanno di Eguisheim uno dei villaggi più belli d’Alsazia. Nel pomeriggio andiamo a visitare Kaysersberg e la più piccola Riquewihr. In tarda serata ci spostiamo a Turckheim. un piccolo paesino dal sapore retrò un pò fuori dalle rotte turistiche ma altrettanto delizioso. Si accede al villaggio attraverso una torre su cui sono appoggiate due enormi tavole a mo’ di pagine di un libro di fiabe. Ed effettivamente è come entrare in una fiaba.

CIMG0941

3° giorno in Alsazia: Colmar, Ribeauville e Bergheim

La mattina del terzo giorno la dedichiamo a Colmar e il pomeriggio a Ribeauville e Bergheim. Ribeauville è una tipica città medievale abbellita da colorati stendardi e stemmi, conosciuta anche per la festa dei Menestrelli che ha luogo qui ogni anno. Ma la vera meraviglia è il circuito dei 3 castelli lungo 9 km. Bergheim è un paesino più raccolto ma altrettanto grazioso.

CIMG0881

4° giorno in Alsazia: Strasburgo

Tre giorni ad Eguisheim sono volati e ci rimettiamo in viaggio per  Strasburgo a circa un’ora di macchina da Eguisheim. Durante il tragitto facciamo una sosta ad Obernai, imperdibile villaggio alsaziano. Nel primo pomeriggio arriviamo a Strasburgo, dove staremo 4 notti. Col senno di poi 4 notti risultano essere troppe, ne bastano due. Cominciamo a farci un’idea della città esplorando la Grande Ile. Con una piacevole passeggiata ci fermiamo ad ammirare l’affollata place Kleber, place Gutenberg e l’incantevole place de la Cathèdrale.

 CIMG1121

5° giorno in Alsazia: la Petite France di Strasburgo

In mattinata andiamo ad esplorare il romantico e raccolto quartiere della Petite France, passiamo per i Ponts Couverts e saliamo sulla diga Vauban. Nel pomeriggio ritorniamo nella Grande Ile e nei pressi della Cattedrale, indiscusso punto di attrazione della città.

CIMG1317

6° giorno in Alsazia: Strsburgo e il quartiere europeo

L’ultimo giorno prima della partenza prendiamo l’autobus e andiamo a visitare il quartiere europeo. Dopo aver visto la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e il Parlamento passiamo qualche ora piacevole presso il Parco dell’Orangerie. Nel pomeriggio ritorniamo in centro e la sera ci godiamo il fantasmagorico spettacolo di luci della Cattedrale.

CIMG1176

7° giorno in Alsazia: i souvenir!

Dopo aver fatto colazione è il momento di ripartire per l’Italia ma non prima di aver fatto gli ultimi acquisti. Souvenir d’eccezione sono la cicogna in versione peluche, la tipica casa a graticcio in ceramica e  materiali vari e sul versante gastronomico il pan pepato, il Kougelhopf e un buon vino alsaziano.

Se amate i posti tranquilli e a misura d’uomo, questo è senz’altro uno degli itinerari più suggestivi di tutta la Francia.

 

Related posts

16 thoughts on “Una settimana in Alsazia: cosa vedere, come organizzare la visita e un itinerario tra i villaggi più belli”

Leave a Comment

diciannove − tre =

Fai l\'operazione indicata *