Una gita nelle Marche: Urbisaglia e l’ Abbazia di Fiastra

Nelle Marche ci sono numerose cittadine che hanno ottenuto la Bandiera Arancione del TCI, un marchio di qualità alle località dell’entroterra con meno di 15000 abitanti.

Urbisaglia, in provincia di Macerata, è una di queste cittadine, famosa per la sua area archeologica di Urbs Salvia antica città del Piceno distrutta nei primi anni del 400 dalle invasioni dei barbari.
Oltre alle mura ed all’area termale che ancora si possono vedere, seppure non siano in ottime condizioni, c’è un bellissimo anfiteatro molto ben conservato che viene ancora utilizzato per eventi teatrali e concerti. Ha un’estensione di 5000 mq ed aveva una capienza di circa 5000 spettatori.

Urbs Salvia - resti romani
Urbs Salvia – resti romani

Cos’altro visitare ad Urbisaglia? La Rocca, sicuramente!
Questo imponente edificio del XIV-XV secolo che si trova nel centro della cittadina è visitabile liberamente. Il corpo medievale del 1500 racchiude al suo interno un nucleo più antico del 1200-1300, visibile ancora in parte, che poggia su un nucleo romano.
La Rocca fu edificata dagli abitanti di Tolentino per controllare gli abitanti d Urbisaglia, prima che la signoria di Tolentino venne deposta ed il controllo del territorio fu affidato ad un vicario del papa.

Rocca
Rocca
Rocca
Rocca

 

Per una tappa gastronomica vi posso consigliare il Ristorante Le Logge in pieno centro (corso Giannelli 34).  La cosa che più mi è piaciuto qui è stato il primo piatto: ravioli con zucchine, pinoli e zafferano: molto delicato. Apprezzabile anche l’antipasto di ricotta con miele pinoli e pistacchio, accompagnato da un ottimo Verdicchio di Matelica. I piatti sono di classica impronta marchigiana.

Pranzo alla Locanda Le Logge
Pranzo alla Locanda Le Logge

Proseguendo nella visita il mio suggerimento è di spostarsi poco fuori dal centro per visitare la bellissima Abbazia di Chiaravalle di Fiastra.
L’abbazia, fondata nella metà del 1100 dai monaci cistercensi si trova all’interno di un’area bonificata che è oggi definita Riserva Naturale Abbadia di Fiastra.

Abbazia di Chiaravalle di Fiastra
Abbazia di Chiaravalle di Fiastra
Fiastra - Chiostro
Fiastra – Chiostro
Fiastra - Portico
Fiastra – Portico

 

Vi consiglio di dedicare un paio d’ore alla visita dell’Abbazia e di godervi la pace a la serenità di questi luoghi.In estate, poi, è un’area perfetta per rinfrescarsi nelle giornate più torride.

Fiastra - Refettorio
Fiastra – Refettorio

Oltre alla visita della Chiesa e delle aree dedicate alla vita monastica, ciò che merita da sola una visita è il Museo del Vino che si trova nelle Cantine.
Proprio nelle cantine veniva lavorata l’uva dei vigneti di proprietà dell’Abbazia e qui veniva conservato il vino.
Nel Museo potrete vedere gli strumenti utilizzati per la lavorazione e produzione del vino, una nutrita documentazione riguardante il vino nelle Marche e persino una caldaia utilizzata per il vin cotto.

Fiastra - Museo del Vino
Fiastra – Museo del Vino

Nella parte meridionale dell’Abbazia si trova un edificio, notevolmente diverso dal resto del complesso monumentale, costruito nel XIX secolo in stile neoclassico.
Questo è il Palazzo Giustiniani Bandini dove ha sede la omonima Fondazione, promotrice dell’innovazione agronomica. Il giardino del palazzo merita una visita per poter ammirare, tra gli altri alberi, i maestosi lecci  e un’imponente quercia da sughero.

Fiastra - Palazzo Giustiniani-Bandini
Fiastra – Palazzo Giustiniani-Bandini

 

Related posts

19 thoughts on “Una gita nelle Marche: Urbisaglia e l’ Abbazia di Fiastra”

Leave a Comment

venti − 3 =

Fai l\'operazione indicata *