L’isola degli isolani, una Capri diversa

Rotta verso Capri
Rotta verso Capri

Durante il soggiorno termale ischitano mi sono concessa una breve pausa da piscine calde e massaggi rilassanti per dirigermi verso la vicina Capri, l’isola dove è la strada con la più alta concentrazione di negozi di moda del mondo.
Sarà, ma a me la strada con le grandi boutique m’interessava poco (vabbè, ci metto anche un pizzico d’invidia verso chi frequenta i negozi di moda come fossero il panificio sotto casa) per cui mi sono aggirata per l’isola alla ricerca di chi la vive da sempre e tutto l’anno e li ho trovati, tutti insieme.

Piccole imbarcazioni a secco a Marina Grande
Piccole imbarcazioni a secco a Marina Grande

Partiamo dall’arrivo sull’isola, a Marina Grande, piccolo concentrato di negozi di souvenir, artigianali e non, bar e ristoranti di pesce dove tutti ti invitano ad entrare ed acquistare.
Marina Grande è un porto in tutti i sensi; gente che va, gente che viene, chi aspetta di salire che sia su un aliscafo, un taxi, un autobus oppure sulla piccola seggiovia che sale verso Capri.
Alla ricerca di una cartina (è vero, abbiamo tutti internet sui cellulari ma io provengo dalla promozione turistica e vado sempre alla ricerca di una bella mappa cartacea dove cerchiare i punti più interesanti e prendere appunti dai locali), è la signora che gestisce i bagni pubblici a darmi le prime indicazioni su come muovermi e cosa visitare prima. Per i pochi minuti che sono rimasta con lei, noto che riesce a dare brevi indicazioni in altre lingue e fornisce, a coloro che sembrano più spaesati, la cartina dell’isola.

Marina Grande
Marina Grande

La seggiovia parte circa ogni 10 minuti e trasporta una cinquantina di persone per cui l’attesa non è lunga (tranne quando scendono i visitatori dalle navi da crociera!) e, una volta arrivata, conosco la seconda persona locale, la signora del piccolo ufficio informazioni la quale, con accento tipico, mi dice che da visitare ci sono la certosa di S. Giacomo ed i giardini di Augusto, stop.
Dalle informazioni che ho, in realtà, c’è molto altro da vedere ma non bisogna lasciarsi prendere dalla prima impressione quando si scende nel solare sud della nostra penisola perché, in effetti, l’apparente lacuna di informazioni cela il fatto che, tutto il resto delle cose da vedere, è semplicemente chiuso, quindi, perchè sprecare tempo a dirtelo?

Paesaggio da Capri
Paesaggio da Capri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I giardini di Augusto sono un’oasi di pace dopo l’indigestione di boutique e gioiellerie e sono il punto ideale per chi, non avendo molto tempo, vuole però il classico ricordo della foto con i faraglioni che, da turista provetta mi sono fatta fare!

Poco sotto i giardini di Augusto è la Certosa di S. Giacomo, voluta dal Conte Giacomo Arcucci tra il 1371 ed il 1374.
Il complesso fu più volte saccheggiato, abbandonato e utilizzato per altri scopi per cui oggi rimangono solo la struttura e pochi affreschi all’interno della chiesa in stile gotico che, grazie ad interventi conservativi, possiamo ancora ammirare.
Proseguendo verso il chiostro si entra in locali restaurati ed adibiti ad eventi e mostre ed è proprio qui che trovo Capri ed i suoi abitanti.

Gli affreschi della Certosa di S. Giacomo
Gli affreschi della Certosa di S. Giacomo

Una mostra fotografica interessante, Ritratto di un’isola, dove nei corridoi incontro Mario, Antonio, Teresa e molti altri; pannelli alle pareti dove a primi piano color seppia, segno del tempo che inesorabilmente passa, si accompagnano i colori delle immagini dei protagonisti, intenti al loro lavoro quotidiano.

IMG_2910IMG_2909

IMG_2917

IMG_2913

IMG_2915

IMG_2916

IMG_2914

 

Eccoli gli abitanti di Capri, coloro che la vivono ogni giorno e con ogni stagione e che hanno contribuito, prima di tutti, a modellare il paesaggio ed a scrivere la storia di questa piccola isola.
Sono pescatori, commercianti, artigiani, fanno mestieri antichi e moderni e si sono lasciati coinvolgere con naturalezza dall’obiettivo che li ha immortalati per sempre nel paesaggio sociale e naturale di questa piccola perla del Mediterraneo.
Posso dire che questa è la Capri che più mi è piaciuta? Bé, l’ho già fatto!

Alla prossima.

E va bene, i Faraglioni ed io!
E va bene, i Faraglioni ed io!

Related posts

18 thoughts on “L’isola degli isolani, una Capri diversa”

Leave a Comment

11 + venti =

Fai l\'operazione indicata *