Dove mangiare le frittelle di San Giuseppe in Toscana

Frittele di San Giuseppe, Frittele di riso, Zeppole, chiamatele come volete, ma non potete negare che queste adorabili, gustosissime e tondeggianti palline siano uno dei dolci che più stuzzicano il nostro appetito durante i mesi di Febbraio e Marzo.

Si raccontano diverse storie sull’origine delle frittelle di riso, certo è che in Toscana in particolare, le frittelle vengono nominate anche frittelle di San Giuseppe per celebrare la figura di Giuseppe e dunque di tutti i papà. In Toscana si dice che non esiste festa del papà senza frittelle di riso!
Compaiono già in questi giorni nelle vetrine delle pasticcerie in bella mostra appoggiate in lunghi vassoi scintillanti e numerose sono le sagre dove le si possono gustare.

Noi vogliamo festeggiare questa festa ricordandovi gli appuntamenti gastronomici di Marzo in Toscana e cucinare insieme a voi la ricetta perfetta per ottime frittelle!

Ecco gli appuntamenti:

San Donato in Collina (FI) fino al 30 Marzo. Ogni sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.00 di sera.(055/699250)

Lupicciano-Pistoia il 23 Marzo. Tutte le donne del paese si preparano già la sera prima al grande evento e la festa inizia dalle 14.30 in tutte le piazze con tanta musica e intrattenimenti per i più piccoli.(0573/46341)

Corsalone-Chiusi della Verna (AR) il 30 Marzo. La distribuzione inizierà dalle 9 di mattina fino alle 19.00. (0575/511649)

Se il 19 marzo invece  avete intenzione di preparare qualcosa di speciale al vostro papà ecco i nostri consigli. Anche se esistono molte varianti della loro preparazione, si ricorda sempre di cuocerle bene nell’olio che deve essere bollente, magari toscano, fino a che queste siano belle dorate o sistemare l’impasto nella teglia e infornarle per una ricetta più light!

Per la preparazione serve:
-due cucchiai da minestra/un mestolo bucato/una padella
-scorza di limone
-riso
-latte e zucchero a velo q.b
-olio


C’è chi aggiunge nell’impasto  il riso, fatto precedentemente lessare aggiungendo man a mano una quantità uguale di acqua, latte e uvetta. Inoltre bisogna ricordarsi di non servirle calde, ma fatele raffreddare bene e poi aggiungenrete dello zucchero a velo q.b.


Esiste anche la variante salata: come antipasto speciale per le vostre cene, lessate il riso  in acqua salata e invece dell’uvetta aggiungete uova precedentemente sbattute con il formaggio, ricotta, sale e noce moscata amalgamando gli ingredienti con la farina.

Noi l’impasto lo avevamo già pronto, e dopo aver versato abbondante olio nella padella e fatto arrivare a temperatura, andiamo a formare le nostre palline di riso con due cucchiai da minestra che incastrandoli fra di loro vi aiuteranno a formare delle palline perfette!!!

 
Dopo averle fatte dorare nella padella, prendetele con un mestolo bucato in modo da non far assorbire troppo olio e adagiatele su un vassoio con della carta assorbente.
Spolverate le vostre frittelle con abbondante zucchero a velo, e mi raccomando non assaggiatele prima che si siano raffreddate.

Poi servitele e… Tanti Auguri!

Related posts

7 thoughts on “Dove mangiare le frittelle di San Giuseppe in Toscana”

Leave a Comment

tre × 2 =

Fai l\'operazione indicata *