[Pillole di (Travel)Blogging] – 29. Donarsi

Le pillole si infittiscono. Non solo perché richieste, ma anche -e soprattutto- perché sono io ad aver bisogno di scriverle. Raccontare quello che so mi piace. Mi piace tantissimo. Mi è sempre piaciuto. Raccontare come ho fatto a costruire Trippando e come sono riuscita a farlo arrivare dal nulla ad essere uno dei blog di viaggio più amati e letti d’Italia mi entusiasma. Mi viene naturale raccontare tutto, dettagli e aneddoti compresi, donarmi a chi mi legge o a chi mi ascolta.

DONARSI

Col tempo mi rendo conto che quello che per me è naturale non lo è per molti altri. È sempre la stessa storia, che chi sa tiene tutto per sé, per paura che qualcun altro possa passargli avanti. Non li capisco. Eppure sono tanti.

Facciamo un esercizio: scrivete dieci nomi di blog che leggete spesso e, accanto, scrivete, da uno a dieci (minimo uno, massimo dieci) quanto il blogger si dona ai suoi lettori. Vediamo a quanto arrivate; se vi va di condividere i risultati nei ocmmenti, posso solo dirvi: <<grazie!>>.

Nonostante io abbia poca manualità e poche abilità culinarie, adoro molti craft e food blog. Il motivo è semplice: mi piacciono i tutorial, le descrizioni ben fatte, i consigli dati passo dopo passo. Io ho il difetto di andare veloce quando parlo e quando scrivo. Ma scrivo per voi. Amo donarmi. Ecco, se avete dei dubbi, voi chiedetemi sempre: lo spazio per i commenti c’è anche per quello. Per me è un piacere ricevere domande, così come lo è (non avete idea quanto) ricevere risposte alle email che mando ai miei blogger lettori. A proposito: lo sapete, vero, che per restare in contatto con me sul tema del blogging basta scaricare il minibook IspiraBlogger? Non mi dite che non l’avete ancora scaricato, eh! È gratis ed è pure un aiuto nei momenti di difficoltà. Inserite nome ed email qua sotto e ve lo mando, così poi via rrivano anche le mie email!

Ecco. Ho deviato. Daje! Menomale che per i corsi “pro” ho messo su il facilitatore! Dicevo… dicevo che, secondo me, chi ha un blog deve donarsi ai propri lettori. Non si racconta a metà, si racconta e basta. Ok: si scrive per sé; per ricordare, ma si scrive soprattutto per chi legge; altrimenti terremmo un diario segreto, no? Quando si scrive (anche) per gli altri bisogna scrivere cose che ai propri lettori possano essere utili. Bisogna, a volte, scendere nei dettagli, soffermarsi a dare indicazioni e consigli utili. In questi cinque e passa anni da blogger ho imparato una cosa: quello che per me può essere difficile, per un altro è banale. E viceversa. Dunque siate generosi. Spiegate, raccontate; tornate su argomenti già trattati; linkate vecchi articoli che magari i vostri lettori potevano non aver letto o non ricordarsi più. Donatevi, ragazzi: solo così può venir fuori il vostro lato bello, la vostra genuinità e la voglia di condivisione, il motivo per cui un giorno avete detto: <<apro un blog>>. Poi con un blog si può anche guadagnare… Ma questa è un’altra storia. Di questa ve ne parlerò al Corso Blogging Advanced. Vi siete già iscritti? La promozione “early bird” scade domenica 9 ottobre. Vi aspetto tantissimi, per Blogging Advanced il 23 ottobre e anche per Blogging Projects il giorno precedente, per raccontarvi tutto, tutto, tuttissimo sulle opportunità che può offrirvi il vostro blog!

Related posts

9 thoughts on “[Pillole di (Travel)Blogging] – 29. Donarsi”

  1. Brava, sennò apritevi una pagina word, eh 😉

  2. Parole sante! E questo vale non solo per il blog ma per il business in generale… Lo sai quanta fatica faccio per cercare di unire le forze di più persone che hanno lo stesso target ma trattano articoli diversi? Sembrano tutti gelosi di quello che hanno… Aprote le porte che oltre ad arieggiare l’ambiente magari resporate un po’ di aria fresca anche voi… Il che non può fare che bene!! Ecco, scusa ma l’argomento mi tocca in particolar modo

    1. trippando

      il problema è che il mal comune mezzo gaudio non funziona!

  3. Il tuo scrivere è quasi un essere pittrice:riesco ad immaginarti attraverso le parole che leggo.
    Grazie Silvia per come sei e se posso osare un consiglio…non cambiare mai! Aloha

    1. trippando

      grazie a te!

  4. giulia

    Grande Silvia!

    articolo molto illuminante, raccontarsi, poi, è molto liberatorio 🙂

Leave a Comment

4 − due =

Fai l\'operazione indicata *