Con la Trip-Nonna sul Delta del Po

Scrivo sempre dell’infanzia e adolescenza in cui sono diventata una viaggiatrice incallita grazie alle “gite del prete”. Le gite continuano, almeno finchè “regge” il prete ed i signori Ceriegi (i miei genitori, n.d.r) son sempre là. In prima fila. Qualche weekend fa erano di nuovo on the road. E la mia mamma, finalmente, si è decisa a raccontare qualcosa. Ovviamente ha scritto a penna. Quindi adesso faccio un pò la “Nonna Velia” (la mia bisnonna scrivana) e ricopio il manoscritto. Buona lettura!!

Faccio parte di una comitiva che, ormai da svariati anni, partecipa regolarmente a gite organizzate dal nostro parroco circa tre volte l’anno. Molte volte, durante i nostri itinerari, abbiamo attraversato il Polesine e il fiume Po. Davanti a questo grande fiume, sempre e comunque, sono rimasta affascinata: incute rispetto e “riverenza” come un grande personaggio. Ricordo che una volta, di novembre, l’abbiamo attraversato con timore, tanto era la portata d’acqua, che riempiva l’intera golena. Quest’anno la nostra gita di primavera ci ha portato alla scoperta del Parco del Delta del Po, navigando su una delle sue tante “vie d’acqua”.

Raggiunto Gorino Ferrarese, un piccolo paese silenzioso, con case e giardini piccoli, ben curati, lindi, a piedi abbiamo raggiunto il porto, da cui ci siamo imbarcati sulla motonave “Freccia del Delta“, un trimarano adatto per navigare dove ci sono bassi fondali come quello del Delta del Po. La navigazione è durata all’incirca due ore, durante le quali la motonave procedeva lentamente. A tratti il nostro accompagnatore, che era alla guida del mezzo, doveva spengere in motore affinchè non si impigliasse nelle reti dei pescatori. Potevamo osservare una grande varietà di uceelli acquatici: aironi bianchi, rossi e cenerini, beccacce di mare e solitari falchi di palude. Dopo un’ora di navigazione siamo giunti alla foce del Po di Goro; la barca ha attraccato e noi siamo potuti scendere. Abbiamo oltrepassato un ponticello: davanti a noi la spiaggia ed il mare Adriatico e sulla sinistra uno dei sette “canali” del grande fiume che si immette nel mare. Alla confluenza del fiume con il mare, si sono formati due “scanni”, ambienti in continua evoluzione formati da detriti che vengono trasportati dal fiume e modellati dalla brezza marina. Sulla sponda di destra l’Isola dell’Amore, o “Scannone di Goro“, dove sorge il faro costruito negli anni ’50 del secolo scorso, su quella sinistra l’Isola dei Gabbiani. In questi ambienti molto delicati si sono insediate le “piante pioniere”, che hanno favorito la formazione delle dune litoranee e la nidificazione di diverse specie di uccelli: fraticello, fratino e beccaccia di mare in particolare. Dopo la breve sosta, abbiamo ripreso la motonave, che ci ha riportati a Gorino: il nostro sguardo era attento, vigile, non volevamo che qualcosa ci sfuggisse: in lontananza c’erano piccole imbarcazioni con pescatori intenti a raccogliere cozze e vongole, molluschi che sono la fonte primaria dell’economia locale e che vengono esportati anche all’estero. Tutto intorno a noi acqua e piccole paludi. Respiravamo in silenzio per paura di far rumore: eravamo contenti, rilassati e anche un pò affamati, data l’ora. Giunti a Gorino, salutata la nostra guida, brava, disponibile ed esauriente, siamo scesi ed abbiamo raggiunto il ristorante USPA, in piazza della libertà, a poche centinaia di metri dal porto. Il menù concordato era ovviamente a base di pesce: cozze ripiene, risotto di pesce d’acqua dolce e frittura. Il tutto ben curato e servito con celerità. Direi che quest’escursione ha avuto un buon epilogo e se vi trovate da quelle parti la consiglio vivamente, perchè infonde serenità e pace. La nostra gita è proseguita poi con la visita all’Abbazia di Pomposa, da non perdere, per ricrearci anche nello spirito!

Leggi anche:

Tra fango e fenicotteri di The Family Company

Lo spettacolo dei fenicotteri rosa alle Valli di Comacchio di Girovagate

Related posts

8 thoughts on “Con la Trip-Nonna sul Delta del Po”

  1. Il Delta del Po ha sempre un certo fascino; io me lo ricordo ancora da quando ci ho fatto una delle prime gite in terza elementare. Sicuramente tornarci più grandicelli aiuta ad apprezzarne l’atmosfera calma e rilassata.
    Complimenti alla trip-nonna, ora abbiamo capito da chi ha preso le doti di scrittrice la Sig.ra Trippando!!! ;-D

    1. la trip nonna faceva la maestra fino a dieci anni fa…si sente?? la conoscerai fra poco…ci sarà del bel ridere!!

  2. girovagate2011

    la prossima volta che tornerò nel Polesine non mancherò una visita all’abbazia di Pomposa! Quante belle cose ci sono da fare e vedere in quella zona!
    Complimenti alla trip-nonna 🙂
    e grazie per il link!

    1. in gita col prete abbazie, monasteri e simili non possono mancare!!

  3. girovagate2011

    quando tornerò nel Polesine non mancherò di seguire l’ultima parte dell’itinerario fino all’Abbazia di Pomposa! Questa zona regala un sacco di bei posti da vedere.
    Complimenti per il racconto e grazie per il link 🙂

  4. […] Il Delta del Po raccontato da Nonna Trippando […]

  5. La mamma!!!, vogliam più spesso la mamma!!!
    Serenità e limpidezza d’osservazione, semplicità e schiettezza fanno di questo racconto un resoconto che ricorda le descrizioni della mia, della tua, della nostra mamma.
    Bello bello bello.
    Ancora, Silvia, di più!!!
    Sarei curioso sentir la descrizione dell’abbazia di Pomposa: troppo facile che lo facciano uno storico dell’architettura come me o chi ha studiato storia dell’arte…
    Grazie signora Ceriegi, sinceramente…
    Dalle una carezza ed un sorriso da parte mia.
    Pace e bene…

  6. Deve essere davvero bella una crociera sul Po alla scoperta della natura e dei luoghi che hai descritto. Rilassante ed ecologica… ci vuole per chi tutti giorni vive la frenetica vita di città!

Leave a Comment

15 − 3 =

Fai l\'operazione indicata *