Giappone: paese che vai, toilette che trovi!

IMG_3443

Sono tornata dal Giappone con gli occhi che brillavano di felicità: era da molto tempo che un viaggio non mi arricchiva così tanto in scoperte ma soprattutto in esperienze. Dalla cultura alla cucina (che, sappiatelo, non è solo sushi e sashimi, ma è anche carne tenera e saporita, cotolette di pollo panate – Tonkatsu , zuppe di miso con udon, pesce arrosto e in stufato), dall’arte al rapporto con il trascendente le differenze con l’occidente sono così forti che è come fare un salto in un’altra dimensione. Nonostante i grattacieli molto NY style, l’abbigliamento occidentale, le insegne globalizzate che illuminano le strade, ora posso affermare con certezza che il Giappone è un’altro mondo. Raffinato, curato, organizzato fino a raggiungere la perfezione (o l’esagerazione, dipende dai punti di vista). Le metropolitane spaccano il secondo, le strade sono pulitissime senza nemmeno un pezzettino microscopico di carta in terra, nei negozi – in tutti, inclusi quelli a 100 yen – si è serviti da commessi reverenti che trasformano lo shopping in un bagno di autostima, nei ristoranti l’accoglienza è  da manuale.  E le toilette pubbliche , non da ultimo, sono strepitose!

bagno3

Già, le toilette… al primo impatto per noi poveri occidentali (e soprattutto per noi che arriviamo dalla “vecchia” Italia) sono incredibilmente spiazzanti: oltre ad essere pulitissime (anzi, brillano e , come diceva una vecchia pubblicità, ci si potrebbe mangiare dentro!), sono gratuite e presenti ovunque, dai locali pubblici alle stazioni della metropolitana. Qualsiasi toilette abbiamo utilizzato, c’era solo profumo di pulito e  non ho trovato un bagno (uno, dico, mica dieci!) non dico sudicio, ma almeno in disordine…

Ma andiamo per ordine.

Bagno2

In Giappone fare una pipì non è affare da poco e non pensate alle toilette pubbliche giapponesi come  squallidi bugigattoli privi di qualsiasi comfort. Ovunque i bagni sono accessoriati con carta igienica, copri water di carta oppure spray disinfettanti, e… Toto, la mitica tavoletta che aiuta a svolgere con serenità e privacy le funzioni corporali più private attraverso un sistema di controllo e gestione computerizzato…

Bagno 4

Innanzitutto la ciambella (si, insomma, il sedile del wc) è riscaldata! Il primo impatto disorienta:  pronti per fare plin plin vi sedete e… vi rialzate improvvisamente perché  il calduccio che promana dal water è qualcosa di inaspettato; appena accanto a voi trovate poi un pulsante (o un lettore ottico, siamo nel tecnologico Giappone, non dimentichiamolo!) che darà avvio ad un concerto di scrosci d’acqua, voci di persone che parlano, talvolta musica,  in modo da coprire ogni minimo rumore “privato”. Una volta espletate le vostre funzioni fisiologiche, arriva la parte più divertente: non dovrete far altro che premere un altro pulsante e dalla mitica tavoletta sgorgherà acqua tiepida  che provvederà a ” tergere le terga”. Sembra uno scioglilingua ma è proprio quello che avviene e  potrete anche scegliere la direzione dei getti in base al sesso (certo, perché siamo anatomicamente un pochino diversi, no?).

Bagno1

In qualsiasi bagno pubblico sono presenti più tipi di wc: da quelli all’occidentale (appunto, con il copri water Toto) a quelli all’orientale, con un water che è un compromesso tra un bagno alla turca e una piccola vasca.

Quasi sempre nelle toilette delle signore troverete bagni dedicati alle mamme con bambini al seguito, più grandi ed equipaggiati con fasciatoio e delle strane seggioline dove “parcheggiare” i pupi senza il rischio che cadano o sgattaiolino chissà dov. Sono presenti sempre dei “powder corner”, ovvero angoli con specchio e mensole dove potersi incipriare e rifare il trucco (le giapponesi sono curatissime, anche il trucco e parrucco è un’arte!).

I bagni pubblici giapponesi sono anche utilizzati per  soffiarsi in il naso in santa pace senza che nessuno veda o senta nulla: starnutire e soffiarsi il naso in pubblico è un gesto sconveniente e riprovevole, un po’ come per noi mettersi le dita nel naso, insomma!

Related posts

23 thoughts on “Giappone: paese che vai, toilette che trovi!”

  1. Questo post è esilarante! Claudia, solo tu potevi parlare con tanta eleganza sull’argomento ‘bagni pubblici’, anche se giapponesi 🙂

    1. trippando

      Amina, ecco, ma non è strepitosa questa Donna?? Che poi ci fa riflettere sulle diverse culture e robe varie, però ha uno Stile… che Donna!!

  2. davanti a queste cose, pulizia ed organizzazione, un pochino mi vergogno dell’Italia. Mi sono sempre chiesta se proprio tutte le toilette fossero così curate, anche quelle pubbliche, e tu Claudia me lo confermi. Mi inchino.

  3. Mitico! Avevo letto una destrizione del genere nel libro “L’eleganza del riccio”… La musica per “confondere” i rumori molesti è una trovata geniale!

  4. mitici i bagni giapponesi! ora si iniziano a trovare i multifunzione anche qui in Thailandia… belle le foto, così “ESPLICATIVE” anche dell’anatomia hahaha

  5. […] (e se volete saperne di più su come funzionano i bagni in Giappone, leggetevi il mio post su Trippando!).   Da Otemachi, se ancora avete la forza di girare e volete pranzare in un luogo unico (noi in […]

  6. […] con una bella vasca da bagno o una doccia spaziosa, un lavandino ed un water con la mitica tavoletta-bidet. E tanti, ma proprio tanti accessori per il bagno che vengono giornalmente riassortiti: dal pettine […]

  7. […] colpo solo (ne parlo meglio nel post super dettagliato che ho scritto un po’ di tempo fa su Trippando, con foto e istruzioni incluse!)  in generale in Europa i bagni pubblici sono sempre meglio tenuti […]

Leave a Comment

17 + 2 =

Fai l\'operazione indicata *