Maglie e i suoi tesori gastronomici

A Maglie arriviamo di sera tardi, quasi di notte. Non avevo la più pallida idea di come potesse essere questa città situata nel cuore del Salento. A causa dell’ora tarda le strade sono deserte e non c’è nessuno a cui chiedere dove si trova il nostro bed and breakfast. Ma durante la ricerca capisco subito di trovarmi in luogo meraviglioso. I palazzi e le piccole piazze di pietra leccese bianca, illuminate dai fari, mi rapiscono immediatamente e un mix di profumi e di silenzi mi fanno subito innamorare di questo posto. Arriviamo al B&B Corte dei Granai e anche qui trovo un’ambiente da favola. Un antico granaio di pietra bianca completamente ristrutturato ci attende per la notte.

La mattina tutto mi appare come pensavo: sono in un paradiso! Tutto è curato nei minimi dettagli con l’intenzione di tutelare tradizioni e territorio. Un’abbondante colazione con i dolci tipici di Maglie, l’arredamento locale e gli ambienti con i materiali naturali del Salento, ci danno il benvenuto in questa città tutta da scoprire.

Sarà per la giornata di sole, ma tutto appare perfetto: le piazze, i vicoli, i monumenti e le chiese barocche ci abbagliano con la loro candida bellezza.

E scopriamo che Maglie ha dato i natali al famoso statista  Aldo Moro a cui la città ha dedicato una piazza.

Nel programma del nostro Gastronomyexperience organizzato da Casa Vinicola Zonin, sono previste le visite a due importantissime aziende dell’eccellenza gastronomica pugliese ed italiana che hanno sede proprio a Maglie: il Pastificio Cavalieri e la Cioccolateria Maglio.

Entriamo in uno dei più straordinari pastifici d’Italia che nasceva nel lontano 1918, ben 96 anni fa per opera di Benedetto Cavalieri. Siamo alla quarta generazione e l’azienda è rimasta fedele a questa città. Ci riceve il titolare, nipote del fondatore, anche lui con lo stesso nome, Benedetto. Una persona squisita e piena di entusiasmo per il suo lavoro, il suo prodotto, il suo paese.

Il Pastificio è famoso per il suo metodo di lavorazione chiamato “metodo delicato”. Un’ iniziale ricerca di grani pregiati che vengono impastati lentamente. Un uso di trafile di bronzo che, oltre a dare vita alle svariate forme di pasta più usate, lascia ad esse una superficie ruvida e porosa perfetta per trattenere i sughi. Per finire, importantissimo, il momento dell’essiccazione che deve durare almento 40 ore con una temperatura altissima per mantenere la qualità della pasta.

Che emozione assistere e vedere di persona il lavoro che viene svolto rispettando il prodotto, la passione e il desiderio di non deludere la gente che ama la qualità. Un ringraziamento doveroso al padrone di casa Benedetto Cavalieri che con il suo entusiasmo per il suo lavoro ci ha dato una bella lezione di vita!

Come ogni menù che si rispetti, si inizia dal primo e si finisce con il dolce e come da programma la nostra giornata finisce con la visita all’altra eccellenza gastronomica di Maglie, la Cioccolateria Maglio. Ci riceve il profumo intenso del cacao. Andrea Maglio, anche lui ultimo di una quarta generazione, ci racconta la storia dell’azienda iniziata nel lontano 1875 proprio a Maglie.

 

Tutto iniziò dal talento di Antonio Maglio che aprì una locanda con “cambio di cavalli” (da qui il marchio famoso) e poi, a seconda dei costumi del  tempo,  si specializzò in liquori e dolciumi, per arrivare, negli anni ‘60 alla decisione di intensificare la produzione di cioccolato e pasticceria.

Oltre che per  il cioccolato, apprezzato in tutta Italia e all’estero, Maglio è famoso per la frutta candita ricoperta di cioccolato e le gelatine di frutta.

Sono una vera delizia del palato, credetemi!

 

 

Related posts

8 thoughts on “Maglie e i suoi tesori gastronomici”

  1. […] Un vero paradiso inaspettato chiamato “La Cutura” che si trova sulla strada che va da Maglie a Castro, nel basso […]

Leave a Comment

diciassette + dieci =

Fai l\'operazione indicata *