N come “non torno (più) a casa”

Lento e inesorabile prosegue l’ABC dei viaggi della Signora Trippando. Siamo arrivati alla lettera N. N come una come una frase: Non torno (più) a casa.

Non so voi, ma io l’ho pronunciata parecchie volte. La prima al telefono alla mia mamma. Avevo vent’anni ed ero a Murcia, a fare un corso di teatro e danza (bella scusa per viaggiare: mai fatto teatro e mai ballato prima di allora…). Ero partita da Pisa con un’amica. Ci eravamo unite ad un gruppo di Torino e a Murcia erano con noi un gruppo spagnolo ed una compagnia teatrale greca, di Salonicco. Per me che al liceo avevo dato l’anima nello studio del tedesco, comunicare con i greci era impossibile, a parte che a gesti. Il mio inglese era inesistente. Invece con gli spagnoli sfoggiavo  il corso “con cintas, come mi prendevano in giro i locali. Ovvero: vi ricordate i famosi corsi della De Agostini “Lo spagnolo per tutti”? Ecco, io sono la prova vivente che quei corsi funzionano. Le cintas sono le audiocassette (ricordate, o voi che avete passato i trenta?) e, quando gli amici spagnoli mi chiedevano com’era che parlavo così bene la loro lingua, la mia risposta era sempre che avevo fatto un curso con cintas. Non vi dico le infamie che mi dicevano quando non capivo una parola. Anzi, ve le dico: erano nella cinta successiva… Ma che grandi bastardi!!

casa

Anyway. Ricordo i dieci giorni di Murcia come divertimento allo stato puro. Poco sonno, tanta movida. La mattina ci si doveva alzare presto per i corsi (eh, sì, dovevamo fare teatro e danza…), ma la sera si andava a letto quando passavano a ritirare l’immondizia e pulire le strade. Le quattro? Le cinque?

Mammamia! Adesso se vado a letto dopo mezzanotte sto rincoglionita per una settimana!

Ma ritorniamo a noi e alla fantomatica frase “Non torno a casa“. I ragazzi del gruppo spagnolo ci avevano proposto di andare con loro qualche giorno in campeggio a La Manga: la penisola del divertimento. Dopo aver spostato la prenotazione del treno, telefono all’illustre madre e le dico “Mamma, non torno a casa domani, vado qualche giorno in campeggio a La Manga“. Lei “La che?“. Tututu. Adesso, da genitrice, capisco davvero che per i miei quei tre o quattro giorni non previsti, chissàdove, senza un recapito dove rintracciarmi (eh, sì, il cellulare me l’hanno comprato appena ho rimesso piede in patria!) siano stati tra i peggiori della loro esistenza. Ma la signora madre la conosco troppo bene: se le avessi chiesto il permesso (ero maggiorenne, ma ancora -e per parecchio- mantenuta), non me l’avrebbe mai accordato. Quindi… via con la fatidica frase “non torno a casa!”.

Poi mi è ricapitato altre volte di ripronunciare la fantomatica frase ma, causa sano senso di responsabilità, prima e impegni di lavoro, dopo, non l’ho più messa in pratica.

Ma non solo ho pensato di non tornare a casa. A volte, mi è capitato di pensare, insieme ad Enrico, di non tornare più a casa. E’ capitato a Praga, città nella quale ci siamo subito integrati e sentiti a nostro agio. Ci avessero offerto un lavoro, saremo rimasti lì per sempre. Oppure in Croazia. Più o meno ovunque lungo la costa. Una casetta accanto al mare. Qualche stanza in più da affittare… e chi se ne starebbe meglio di noi? Chissà se prima o poi, coi figli grandi (figli… ad ora c’è solo il Topomarco… ma quando ci immaginiamo vecchi, almeno un altro ce lo figuriamo sempre!) riusciremo ad avverare questo sogno, a fare della nostra amata Croazia la nostra casa. E a non tornare più a casa…

E a voi, è mai capitato di di dire o, almeno, pensare “non torno (più) a casa”?

Avete già letto le altre lettere del mio #ABCviaggi?  Eccole:

A come Aereo    B come Boat Trip    C come Camera…d’albergo…    D come Dormire (poco) in vacanza     E come Enrico     F come Fame…da Viaggio     G come Guida    H come Ho perso la coincidenza I come Isole L come Libri… di viaggio, in viaggio…M come la “Maledizione” di Bormio

 

Related posts

10 thoughts on “N come “non torno (più) a casa””

  1. Mamma mia, cosa mi hai ricordato…
    Io l’ho pronunciata, secca, perentoria, categorica. Ero in Sicilia e, effettivamente, non tornai più a casa. La frase era indirizzata a colui che di lì a poco diventò il mio ex-marito.
    Doloroso, ma terribilmente liberatorio!

    1. o-o… a volte ci si dimentica… si rimuove… ma non fa mai bene… sono le esperienze che ci fanno diventare come siamo!!

      1. Infatti! Infinitamente grata a quella esperienza!

  2. …mi è sempre rimasta in canna, la frase, ma ho potuto viaggiare comunque un po’, e anche passare qualche mese all’estero, per studio.
    Che bei ricordi hai risvegliato con questo post, però…:-D

    1. grazie Loredana… non è mai tardi per pronunciarla, eh!!

  3. L’unica volta in cui, nel mio viaggiare consapevole, ho avuto tanto la voglia di non tornare più indietro, e stava per accadere, è capitato a Lisboa.
    C’ero già stato l’anno prima con un’altra amica, ma il viaggio del 2001 con Ilaria mi/ci aveva aperto delle prospettive inaudite e se non fosse stato per gli Amici, gli affetti, ed il senso di responsabilità che mi legava alla mia città (Torino) ed al mio paese, il nostro progetto aveva in una settimana già cominciato a prendere forma e l’avremmo realizzato.
    Per il resto, io non credo esistano luoghi più intrisi del tutto di quelli che conosci, che vivi, che senti tuoi se sin da piccolo li hai Amati, rispettati, ascoltati: e l’Italia, per me, resta l’unico ed il miglior luogo dove vivere.
    Anche perchè in Egitto ed in Islanda non ci sono (per volontà personale) ancora stato.
    Ma questa è un’altra storia…
    Pace e bene…

    1. Ernestino… anche il tuo essere a Giano è un pò un “non torno più a casa”, no? adesso la tua casa è Giano… prima era Torino…

      1. …e prima Manduria, e prima Brindisi, e prima la pancia di mamma…

  4. Che ricordi Silvia,
    io a differenza tua in tutti i viaggi l’ho abituati a prolungare, due o tre giorni in qua e la gli ho sempre rimediati, xo’ poi causa un senso di responsabilità sono sempre tornata.
    Solamente adesso rimpiango un po’ di non averlo fatto, visto il caos di questo paese me ne andrei volentieri tant’è che qualche giorno fa dopo aver cucinato una splendida tagliata ho detto a Gianluca e se aprissimo un B&B in Svezia con cucina italiana?

    1. daiiiiii il b&b in Svezia ci piace!!

Leave a Comment

tre × quattro =

Fai l\'operazione indicata *