Si scende dal letto con gli sci ai piedi, all’Hotel Alù di Bormio

Siete in cerca di una località dove sciare e passeggiare? Una località da sportivi e da goderecci? Bormio è il posto che fa per voi.

Lo scorso anno, di questi tempi, io e mio marito capimmo che il 2011 era l’anno. Doveva essere l’anno. Dal 2005 che ci siamo conosciuti, non avevamo mai avuto la “situazione astrale” per poterci concedere la settimana bianca. Invece per l’inverno 2011 non erano previsti cambi di lavoro o matrimoni: si poteva programmare la nostra prima settimana bianca insieme.

Poichè entrambi non mettevamo gli sci ai piedi da circa quindici anni, abbiamo pensato ad una località dove non si scia “e basta”, ma dove si può anche fare una passeggiata, guardare le vetrine (io), prendere un aperitivo. Ad Enrico è venuto subito in mente Bormio, dove, in gioventù, aveva trascorso diverse vacanze, sia in estate che in inverno. Mi ha convinto in velocità e mi sono subito messa alla ricerca di un albergo. Non so se a ragione, ma io ho il preconcetto, finora mai smentito, che “in montagna si mangia sempre bene“, quindi la scelta dell’albergo si è indirizzata verso la comodità di trovarne uno vicino alle piste da sci.

La scelta è ricaduta sull’Hotel Alù, ottimo tre stelle con poche ma eccellenti recensioni su Tripadvisor. Ho prenotato contattando direttamente la direzione una matrimoniale con pacchetto ski pass incluso. Poco prima della nostra partenza ho scoperto di essere incinta. Abbiamo comunque deciso di partire, anche se io “non ho messo i piedi sulla neve”. Ho subito avvisato l’hotel di cambiare la prenotazione: di pacchetti ski pass ne prendevmo solo uno.  Loro sono stati gentilissimi e non mi hanno fatto il minimo problema.

Dato che non ho sciato, ho trascorso diverso tempo in albergo ed ho avuto modo di parlare sia con i proprietari che con i dipendenti: tutte persone bravissime, disponibili, gentili. Sapendo che ero incinta, mi hanno coccolato all’inverosimile: ho trovato davvero delle persone speciali ed un ambiente bello, elegante pur nello stile montanaro e molto accogliente.

Se in montagna si mangia sempre bene, all’Alù lo si fa da Dio. Niente da eccepire riguardo la pulizia. Non posso che dare un voto generale di assoulta eccellenza.

E sembra che l’eccellenza dell’Hotel Alù vada migliorando. Pochi giorni fa mi è arrivata infatti la newsletter, con cui si comunicava un cambiamento di look della hall, della sala da pranzo e del centro wellness (che purtroppo non ho sperimentato), il rinnovo di alcune camere e la presenza di una nuova sala di lettura. Spero di poter andar presto a vedere tutte queste novità. E se qualcuno è incerto su dove andare a fare una sciatina, consiglio vivamente Bormio e l’Hotel Alù.

Related posts

4 thoughts on “Si scende dal letto con gli sci ai piedi, all’Hotel Alù di Bormio”

  1. […] scorso inverno io ed il consorte siamo stati in settimana bianca a Bormio. Per chi si trova o ha in programma di andare nel nord della Lombardia, un tratto di strada […]

  2. […] a sei anni e stare sugli sci è come andare in bicicletta: non si dimentica. Prenotiamo all’Hotel Alù. Ottimo rapporto qualità-prezzo. A due passi dalle piste. Davvero valido anche se, a ripensarci, […]

  3. […] a sei anni e stare sugli sci è come andare in bicicletta: non si dimentica. Prenotiamo all’Hotel Alù. Ottimo rapporto qualità-prezzo. A due passi dalle piste. Davvero valido anche se, a ripensarci, […]

  4. […] se ci devo portare la creatura e ho il marito che, come un panzer, continua a dire “andiamo a Bormio“. Ma perchè dobbiamo andare a Bormio, che ci siamo stati due anni fa? Dopo aver chiesto a […]

Leave a Comment

2 − 1 =

Fai l\'operazione indicata *