Pensando ai viaggi con Marco, l’esperienza di Valentina e suo figlio

Durante l’ultimo periodo della mia gravidanza, pensando già a riprendere a viaggiare, ho chiesto all’amica, collega travel blogger e mamma Valentina Besana qualche dritta sulla sua esperienza di viaggiatrice con figlio piccolo. Quello che mi ha scritto, e che oggi vi propongo, è il risultato della sua esperienza, positiva, che spero di poter a breve replicare. Buona lettura!!

Viaggiare con un poco più che neonato è possibile? Io dico di si, e non parlo di una comoda vacanza in villaggio, nemmeno della traversata del deserto, sia chiaro, ma di un viaggetto fai da te e low cost.

Da quando sono mamma (il mio bimbo ora ha 14 mesi) ho capito una cosa: di mese in mese l’atteggiamento dei bambini in vacanza (e nella vita in generale) cambia: a 4 mesi mangiano e dormono, intorno ai 6 mesi interagiscono molto di più (ma sono ancora gestibili), a 9 mesi cominciano a gattonare di brutto e desiderano farlo tutto il giorno (vi immaginate un bimbo che gattona al Louvre o, peggio ancora, sulla Fifth Avenue?), dai 12 mesi sono assolutamente ingestibili: camminano barcollando qua e là, si arrampicano ovunque, toccano le cose più sporche vi vengano in mente e… odiano il mare! Ok, non parlo di tutti i bambini, ma del mio si (ha passato 15 giorni a piangere!).

Lungi da me spaventare le future o neo mamme (Silvia in primis), stavo divagando, viaggiare con un poco più che neonato non è solamente possibile, è anche un’esperienza meravigliosa (e non solo faticosa).

Visto che la persona che gestisce questo blog è diventata mamma da pochissimo voglio suggerirle di cominciare a viaggiare da subito per diversi motivi:


1. i bimbi di pochissimi mesi dormono moltissime ore al giorno, quindi a parte la “scocciatura” di doverli sfamare 6-7 volte al giorno avrete moltissimi momenti di assoluta calma e relax;

2. è importante non perdere l’abitudine a viaggiare e buttarsi subito in una nuova emozionante avventura a tre. Più passa il tempo e più si rischia di impigrirsi e trovare mille motivi per non partire.

3. Anche se molto piccoli, io sono convinta che ai bimbi faccia bene vedere posti diversi e socializzare con persone mai incontrate prima.

Se vi interessa l’argomento viaggi-bambini vi invito a visitare “BaBy Road”, la nuova sezione del mio sito di viaggi dove troverete consigli (e sfoghi) di una mamma che non ha perso la voglia di visitare il mondo.

Related posts

4 thoughts on “Pensando ai viaggi con Marco, l’esperienza di Valentina e suo figlio”

  1. Ciao Silvia, è stato un piacere collaborare con te 😉 Buon VIAGGIO!

  2. grazie Valentina del tuo interessante e, per me, utile post… spero di poter mettere presto in pratica i tuoi consigli!!

  3. Ci piacciono queste mamme gagliarde con pupi già giramondo

  4. Ska

    Sono completamente d’accordo! Ci sono dei piccoli accorgimenti da tenere in considerazione (magari niente ostelli con il pupo al seguito) ma si può fare! Siamo reduci da un week end fiorentino con il Nanerottolo al seguito… mi sono divertita un sacco!

Leave a Comment

due × tre =

Fai l\'operazione indicata *