Visitare Pušhkin: il palazzo e il giardino di Caterina

Nei dintorni di San Pietroburgo, a Pušhkin, si trova uno dei palazzi più belli da visitare, il palazzo di Caterina. Questo grandioso complesso era la residenza estiva degli zar e fu realizzato dall’architetto Bartolomeo Rastrelli in stile rococò. Il palazzo è circondato da un giardino. Il palazzo nella sua progettazione è un edificio sfarzoso lungo 300 metri a forma di organo. Le mura sono riccamente decorate con un intonaco a contrasto bianco-azzurro e una doratura. La storia del palazzo è legata ai nomi di tre imperatrici: Caterina I, Elisabetta Petrovna e Caterina II.

Il palazzo fu iniziato ufficialmente nel 1717 quando Caterina assunse l’architetto Braunstein per costruire un palazzo estivo per il suo svago. In seguito nel 1752 l’imperatrice Elisabetta rimodernò il palazzo rendendolo più lussuoso. Utilizzò più di 100 kg d’oro per la facciata e le statue del tetto. Il palazzo viene associato all’imperatrice Caterina II che fermò i lavori per gli alti costi e assunse un architetto scozzese per rimodernare il palazzo in stile neopalladiano che si occupò di costruire gli appartamenti dell’imperatrice e altre strutture. Durante la seconda guerra mondiale il palazzo venne saccheggiato dalle truppe naziste per essere poi ricostruito nel 2003 in onore dei trecento anni di San Pietroburgo.

Tra le stanze del palazzo sono notevoli per forgia e bellezza la Sala da ballo e in particolar modo la Camera d’Ambra, una stanza dello zar composta da pannelli, mobili formati da mille schegge d’ambra. I tedeschi smontarono questa stanza e la esposero nel castello di Konigsberg nel 1941. Il castello fu danneggiato alla fine della seconda guerra mondiale e della Camera d’Ambra non si seppe più nulla. Nel 2003 la Camera fu rimpiazzata da una copia all’interno del Palazzo e venne inaugurata da Putin e dal cancelliere tedesco Schröder nel 300esimo anniversario della città di San Pietroburgo.

Il parco principale si trova dietro al palazzo di Caterina, fu realizzato durante il regno dell’imperatrice Elisabetta ed è formato da una rigida simmetria di vicoli e siepi. Si tratta di un giardino molto curato dove si trovano anche i Bagni e il Pavillion Ermitage, per il momento non visitabili.

A sud della galleria Cameron corre il parco inglese, ricco di splendidi edifici e monumenti quali la Grotta, l’Ammiragliato e il Ponte di Marmo. Al centro del lago c’è una piccola isola sulla quale è posta la colonna Chesma e una piccola sala dove un tempo si tenevano concerti. A ovest del lago si trova il parco italiano. Quest’ala del parco contiene vari edifici pittoreschi tra cui il padiglione cinese e la terrazza di granito.

Info pratiche: il palazzo di Caterina si trova a 25 km da San Pietroburgo ed è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Se volete dimezzare il costo dell’uscita il consiglio è di evitare le costose escursioni organizzate. Basta prendere la metro e scendere alla stazione Moskovskaya e da lì salire sui minibus (marshrutka) K- 342 o K-545 che portano direttamente al palazzo.

Related posts

Leave a Comment

uno + 15 =

Fai l\'operazione indicata *