La Mangiaunta 2013: olio, legumi, pittura, musica e…

Sabato 2 e domenica 3 novembre a Giano dell’Umbria, silenzioso e verdissimo comune adagiato sul versante perugino del monte Martano, ritorna La Mangiaunta, edizione 2013, l’appuntamento col verdone, ovvero il nettare tratto dal frutto di quell’albero sempreverde che per gli antichi greci era il tramite tra gli uomini e gli Dei: l’Ulivo.Ulivo secolare di CamporeggianoLa manifestazione che ha al centro l’extra vergine d’oliva DOP Umbria dei Monti Martani da 9 anni è denominata Mangiaunta, e da 2 ha un simpatico logo di presentazione…cartellino mod…e siccome ogni degustazione nei 3 frantoi del comune ha come comune denominatore l’olio, ad ogni partecipante sarà fornito un bavaglino per evitar lo sbrodolare provocato dal Sedano nero di Trevi, dai ceci e dalle lenticchie preparati “alla umbra”…Bavaglio foto…e non finisce mica qui!

La Proloco di Giano preparerà a fine tour pizze, pani, torte salate a corollario della purea di fave e di tutto ciò che il forno comunale sarà in grado di sfornare…

…e non è tutto…AgriSperanza zafferano…perchè consegnando la tessera colla vidimazione dei 4 punti ristoro potrete portarvi via un “promemoria” in bottiglia dell’oro di Giano, addolcendo il sapore della fine della bisboccia intingendo i tozzetti allo zafferano nel Sagrantino Passito, nettare tipico della valle umbra…EDM_4401 tg…e se pensate che sia tutto qui, vi sbagliate di grosso: sabato i SURD ENSEMBLE allieteranno le trombe di Eustachio dei convenuti con la loro Musica popolare in frantoio, mentre domenica saranno i SONIDUMBRIA ad allietare i visitatori con le loro tradizioni d’Umbria in cammino: canti, poeti e ricordi saranno padroni della scena, per far rivivere colori passati ed attualissimi del folklore umbro…

EDM_4690ma anche l’occhio vuole la sua parte!!!

Ed allora, grazie a Rosella Aristei, la spatola ed il trionfo dei colori sulla tela coroneranno le gaudenti visioni di frantoio, in frantoio, in frantoio…Rosella Aristei…e, siccome a Giano ci piace camminare, solo se lo vorrete, potrete farvi accompagnare da Federico in una passeggiata tra gli ulivi con degustazione, oppure oleovagare per Castelli con Erika tra storia e leggenda…Giano Castelli…e se non sarete ancora stanchi, potrete sempre provare la sensualità di un DegusTango con l’associazione Corazon Tango pronta a svelarvi segreti e passi degni di un valente tangueiro…

Ora, la domanda sorge spontanea: come fo ad essere qui o lì in luoghi sconosciuti seppur ameni? Abbiam pensato anche a questo!: il Gianolio bus ogni mezz’ora vi trasporterà gratuitamente nei luoghi clou del tour di degustazione…Gianolio-Bus…e se siete un minimo tecnologici, oltre al sito www.leviedellolio.eu troverete tutto ma proprio tutto su Giano nell’App gratuita ILOVEGIANO https://play.google.com/store/apps/details?id=com.comunegiano.ilovegiano&hl=it

…e se siete invece dei tradizionalisti, potrete trovare molte info nella sezione TripGiando di questo sito, sopratutto troverete conforto illustrante nel racconto dello narratore errante  http://www.trippando.it/istoria-dello-piu-grande-museo-ditalia-a-cielo-aperto/

Sono riuscito a convincervi?

Per ultimo, vi lascio col messaggio de L’Annusatore, il più longevo dei nostri ulivi, che da qualche tempo si racconta così:AnnusatorePax et bonum…

Trovate tutte le informazioni sui frantoi aperti dell’umbria visitando il sito ufficiale: http://frantoiaperti.net/it/

Related posts

24 thoughts on “La Mangiaunta 2013: olio, legumi, pittura, musica e…”

  1. Claudia

    Le Trombe di Falloppio??? Erne, ma forse c’è un errore!

Leave a Comment

nove − 5 =

Fai l\'operazione indicata *