New York e la sua Midtown

Buongiorno amici,
dopo avervi raccontato la mia New York in una settimana, oggi Vi porterò alla scoperta di Midtown e dei suoi quartieri, poiché New York non è NY se non parliamo di Midtown.

whashington square Naturalmente il mio progetto nello scoprire il fulcro di Manhattan era già ampiamente predisposto nel mio piano di viaggio, per cui decidiamo di recarci nuovamente a Washington Square in pieno Greenwich Village, dove abbandoniamo lo stupendo arco che insieme alla fontana fa da cornice ad un vero e proprio quadro di vita quotidiana (studenti che vanno a lezione, mamme con i passeggini, artisti di strada e perfino attori che fanno della piazza un vero e proprio teatro) e, prendendo la quinta, ci dirigiamo verso Union Square.
Union Square è una piazza molto importante: durante le campagne elettorali vi si tengono comizi, mentre nel resto dell’anno ospita un mercatino che varia a seconda del periodo stagionale. Non Vi dico cosa Vi abbiamo trovato, perché mi vien da ridere: un mercato natalizio in stile Sud Tirol.
Proseguendo per la Brodway, non si può non notare i giganti che si stagliano all’orizzonte e subito riconosciamo la maestosità dell’Empire.
Io, in realtà, sto osservando i vecchi edifici ottocenteschi: la loro struttura pian piano ci abbandona per introdurci in perfetti parallelepipedi che si alzano al cielo.
Gianluca, invece, è attratto dalle cime maestose ma lui non sa che sono alla ricerca del primo grattacielo di NY…

flayrton building

Finalmente giunti a Madison Square, eccoci davanti al Flatiron Building, più conosciuto come “il ferro da stiro”. Davanti a questa magnifica e tipica costruzione, due delle più importanti arterie della Grande Mela si incrociano… e comincio a pensare che niente qua è per caso, ma è tutto perfettamente collocatProseguendo per la quinta strada ci immergiamo in quella che è Midtown: la piu’ grande città finanziaria al mondo. E’ di dovere la salita al Top of the Rock e sull’Empire, dove, giunta la sera, ci godiamo NY dalla vetta più alta.

vista dall'empire state building

Durante la visita all’Empire scopriamo, tramite la magnifica audioguida, che gli anni venti e trenta del novecento la Grande Mela era un vero cantiere ed i grandi magnati facevano a gara a finanziare l’edificio più alto del mondo. Il grattacielo rappresenta l’onnipotenza finanziaria e con il passare degli anni la gara si estende tra i due piu’ grandi quartieri finanziari, Lower Manhattan e Midtown. Vincerà Lower Mnhattan sorpassando l’Empire con le Twin Tower.L’Empire manterrà un primato non ancora superato: è stato costruito nel 1939, in piena crisi economica, in un solo anno e mezzo grazie alla grande logistica del suo progettista.

Il giorno successivo ci rechiamo a Brodway, dove è di rigore una visita alla zona teatri e Times Square.
Io piu’ che Brodway la chiamerei LIGHT, perchè enormi ed sgargianti insegne avvolgono in pieno giorno la luce naturale, segnalando i vari teatri. La stessa Times Square è un tripudio di luci e folla che consiglio di vedere dall’alto del Buba’s Gumb, mangiando i favolosi gamberi del New Jersey.

time square Naturalmente nella scoperta di Midtown non possiamo tralascaire edifici come la Carnegie Hall, Radio City Hall, ma scegliamo di dedicare il maggior tempo alla visita della Grand Library: un vero e proprio capolavoro di architettura, uno fra i tanti fiori all’occhiello di New York.
Giunti alla sera e ormai affaticati, ci concediamo un aperitivo nella Hall della Grand Station, dove un opulento stile liberty ci colpisce con i suoi orologi.
I giorni successivi terminiamo la visita di Midtown, con una visita da me tanto desiderata: la visita al MOMA. Devo dire che visitare il Moma, per chi come me è appassionato di fotografia e di Impressionismo, è come visitare un vero e proprio tempio.

382

Penso di aver portato Gianluca all’esasperazione intrattenendolo quasi un giorno all’interno del complesso. E per chi ama l’originalità, consiglio anche qualche acquisto al suo favoloso negozio.

5th avenue
Naturalmente, prima di abbandonare Midtown non può mancare un intero pomeriggio speso nella quinta strada.

tiffany Adesso Vi saluto, sperando che il mio itinerario di Midtown vi entusiasmi quanto ha entusiasmato me.

517

Related posts

22 thoughts on “New York e la sua Midtown”

Leave a Comment

quattro × uno =

Fai l\'operazione indicata *