La mia Kyiv… #2Ukraina4Matrimony

“Il cielo e’ uguale. Ovunque tu vada.”
EDM_8440Oggi vi porto con me nella capitale di uno stato dai più ritenuto libero ed indipendente da ormai 23 anni: l’Ukraina.Ukraina webIl suo nome è Kyiv.

Si, Kyiv, e leggetelo pure come è scritto, con una doppia YI, ma sopratutto senza E. Perchè Kyiv è in Ukraina, e l’Ukraina è Kyiv (e non Kiev…)

La città i cui abitanti venivano, millenni addietro, chiamati Rusici, abitanti della regione del Rus’ di Kyiv.Rus_di_KievE non viceversa…

In questi tumultuosi giorni per la popolazione ukraina, ho sentito sempre più forte il desiderio di raccontare a chi vorrà conoscerla, la mia visione della terra di mia moglie.EDM_0077Sono approdato nella città millenaria via treno, nella tratta di ritorno di un sofferto commiato dal piccolo Yaroslav fatto di proposito coi mezzi che l’ukraino medio usa, il treno, da Ivano-Frankivsk a Cerkassy via Lviv all’andata e via Kyiv, per l’appunto, al ritorno, in 2 indimenticabili giorni fatti di odori, colori, sapori, umori, sguardi e vite.EDM_0085EDM_0088Il racconto di quel viaggio lo rimando ad un altro post che ho promesso all’amico Alessandro Bertini di Girovagate…EDM_0094Kyiv è subito, a prima vista, simbolo di una contraddizione insita nella terra del grano, che ha nella sua bandiera i colori di questo elemento fondamentale ed il blu del suo cielo, incredibile…EDM_0098 EDM_0100 EDM_0147La vecchia stazione ferroviaria è stata raddoppiata da quella nuova, edificata in occasione degli europei di calcio di Polonia-Ukraina del 2012, e queste contraddizioni saltano ancor più agli occhi di chi vi giunge… Ostentata ricchezza contrapposta a treni che vi giungono carichi zeppi di gente semplice, che arriva in capitale ed ha subito un senso di spaesamento, di estraneazione: se l’Ukraina è indigente, vive di stenti e di cose semplici, perchè qui esplode forte l’urlo della volontà di apparire altro?

Forse che il resto del paese non è come quel che qui si vede?EDM_0092 EDM_0096Poi cominci a camminare per le strade che portano al cuore della città, scavalchi la ferrovia e vedi subito che questa dicotomia si amplifica, rimbomba, urla, ma in silenzio…EDM_0101Al di là dell’inferriata, sotto il cavalcavia, un mercato rionale si apre nella sua semplice povertà, oppresso dall’impianto di rigassificazione e dal grattacielo ad uffici che lo fronteggia.EDM_0141Decidiamo di vagare per i grandi viali percorsi dalle auto che freneticamente circolano schiamazzanti, e di tanto in tanto osserviamo edifici di diversi stili ed epoche confrontarsi svettanti nel blu del cielo ukraino…EDM_0103 EDM_0106 EDM_0107Sapendo di non avere tanto tempo a disposizione, in attesa che riparta il treno che ci riporta a casa, decidiamo di accentuare questo senso di spaesamento andando in un orto botanico a ridosso del centro storico della città…EDM_0108Ed è qui che mi appare, come un segno incredibile, nel mio scrutare il cielo tra le fronde di alberi altissimi, una nuvola che somiglia nella forma al paese in cui mi trovo, con la parte inferiore che ricorda in modo impressionante la penisola della Crimea, tristemente nota in queste ore…EDM_0110 EDM_0112Perchè qui bisogna scrivere tutto in 2 lingue, il russo della vecchia dominazione imperiale e l’ukraino della gente che vive nella repubblica democratica dell’Ukraina?EDM_0116 EDM_0120Due piccoli uccellini provano a rispondermi, e mi invitano ad osservare la natura che mi sta attorno: tutto parla la stessa lingua, eppure c’è sempre chi crede di poter essere più importante e di soverchiare l’altro in quanto più grosso, più potente, almeno all’apparenza.

E poi arriva lui…collage scoiattoloBilka mi guarda attonito, e mi dice di non capire il perchè di tutte queste mie perplessità…

“Sei grande, grosso, hai da mangiare, da vestire, hai la tecnologia che ti permette di essere qui ma di collegarti con simili dell’altra parte del pianeta, di poter scambiare pensieri, parole, sentimenti.”

білка vuol dire scoiattolo, in ukraino, gli dico io…

Non ti arrabbieresti se ti chiamassero белка, belka?

Lui mi guarda, mi sorride, e scappa via…EDM_0135Arrivata l’ora di andar via, sulla strada del ritorno penso a quel che Bilka mi ha detto ma sopratutto a quel sorriso…

…continuando a guardare in alto, a quel cielo che prova a parlarmi, ma che non riesco a capire, forse perchè parla una lingua diversa…EDM_0132

EDM_0140EDM_0138Fu lì che mi tornò in mente una parabola, una storia legata al mito hindu: “Là cresceva nel centro della terra il meraviglioso albero del mondo, o albero della conoscenza. Era così alto che quasi raggiungeva il cielo. Disse nel suo cuore, “Terrò la mia testa nel cielo e allargherò i miei rami su tutta la terra, e terrò tutti gli uomini radunati insieme sotto la mia ombra, e li proteggerò, e farò sì che non si separino”. Ma Brahma, per punire la superbia dell’albero, tagliò i suoi rami e li scagliò giù sulla terra, dove misero germogli come alberi wata, e fece sì che sulla terra prevalessero le differenze di fede e di lingua e di usanze, in modo che gli uomini si disperdessero sulla sua superficie.” da Wayne L. Allison, In The Beginning Was The Word: (The Genesis of Language).EDM_0142 EDM_0143La superbia.

E, contemporaneamente, la stessa superbia di un Dio che non vuole che i suoi figli siano come lui od ancor peggio meglio di lui.

Questo ci ha divisi…EDM_0150Sgomento, sul binario che custodiva il treno che ci riportava a casa e ci riparava dal temporale impetuoso che era esploso, mi tornò in mente il mantra che in Ukraina mi è nato guardando il cielo blu, metaforicamente rappresentato nella metà parte della loro bandiera, fatta anche della luce del sole che inonda il giallo grano che ogni giorno, in ogni prodotto che i nostri piccoli mangiano, non ci accorgiamo di usare.EDM_8440“Il cielo e’ uguale. Ovunque tu vada.”

Grazie a chi mi ha permesso di poterlo osservare…Sponsors #2U4MPace e bene…

Related posts

56 thoughts on “La mia Kyiv… #2Ukraina4Matrimony”

  1. Bellissimo articolo e bellissime foto! In questo periodo l’Ucraina è famosa solo per tristi avvenimenti, ed è bello averne invece una visione più positiva!

  2. …come capisco i tuoi sentimenti quando parli dei contrastasti di una capitale e del resto del paese che rappresenta…

    bellissime parole davvero!

    DIMENTICAVO…buon compleanno Ernesto!

Leave a Comment

8 − sette =

Fai l\'operazione indicata *